DAGOREPORT! GIORNALI IN VENDITA – NEL 2023 GIUNGERÀ A CONCLUSIONE L’ACQUISIZIONE DEL BERLUSCONIANO “IL GIORNALE” DA PARTE DEGLI ANGELUCCI, GIÀ EDITORI DI “LIBERO” E “TEMPO”. MA L’OPERAZIONE È IN STAND-BY IN ATTESA DEL 12 FEBBRAIO, DATA FATIDICA DELLE ELEZIONI DELLA REGIONE LOMBARDA (UNA VITTORIA A SORPRESA DELLA MORATTI POTREBBE CAMBIARE LE CIFRE IN TAVOLA) - ELKANN, DOPO LA VENDITA DE “L’ESPRESSO”, PUNTEREBBE A DISFARSI DE “LA REPUBBLICA”, TENERSI “LA STAMPA” E “SECOLO XIX” E PRENDERSI UN QUOTIDIANO LOMBARDO. E QUI ENTRA IN BALLO ANDREA RIFFESER, A CAPO DEL GRUPPO QN (‘’IL RESTO DEL CARLINO’’, ‘’IL GIORNO’’, ‘’LA NAZIONE’’), CHE VORREBBE VENDERE IL PACCHETTO...

Condividi questo articolo


giampaolo antonio angelucci giampaolo antonio angelucci

DAGOREPORT

Il prossimo anno vedrà molti sommovimenti nella carta stampata. Giungerà a conclusione l’acquisizione del berlusconiano “Il Giornale” da parte degli Angelucci, già editori di “Libero” e “Tempo”.

 

Ma l’operazione è in stand-by in attesa del 12 febbraio, data fatidica per le elezioni della Regione Lombarda, roccaforte di vendite per “Libero” e “Il Giornale”.

 

silvio e marina berlusconi silvio e marina berlusconi

Gli Angelucci chiuderanno la trattativa con la Pbf di Paolo Berlusconi (75%) e la Mondadori (18,5%) a seconda dei risultati del bilancio 2022, ma soprattutto di come andranno le elezioni (una vittoria a sorpresa della Moratti potrebbe cambiare le cifre in tavola).

 

Il quotidiano diretto da Minzolini soffre di 10 milioni annui di perdite su 20 di ricavi. E Marina Berlusconi, in barba a babbo Silvio che non vorrebbe privarsene, non vuole più avere ‘sto macigno in bilancio.

 

silvio e paolo berlusconi silvio e paolo berlusconi

Su “Il Fatto” di ieri Gianni Barbacetto ha scritto del tentativo fallito da parte di John Elkann di mettere le mani su “Il Giornale”.

 

In realtà il piano della Gedi, dopo la vendita de “L’Espresso”, prevederebbe anzitutto di disfarsi de “La Repubblica”, tenersi “La Stampa” e “Il Secolo XIX” e prendersi un quotidiano lombardo. Secondo il ragionamento di Maurizio Scanavino, i giornali locali vanno meglio dei nazionali.

 

JOHN ELKANN MAURIZIO MOLINARI JOHN ELKANN MAURIZIO MOLINARI

 

E qui entra in ballo Andrea Riffeser, a capo del gruppo QN (Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione), che vorrebbe vendere il pacchetto dei suoi giornali.

 

L’anno scorso il primo a farsi avanti, per poi dileguarsi, fu Caltagirone. Poi venne la volta della toccata e fuga di Cairo. Ora c’è in ballo Gedi di Elkann, interessata al meneghino “Il Giorno” e al bolognese “Carlino”. Ma Riffeser vuole vendere tutto il pacchetto Qn. Intanto quel volpino di Cairo resta alla finestra.

 

Ma prima di fare acquisizioni, per Torino c’è da portare a compimento la vendita del quotidiano diretto da Molinari. Cosa non facile. Scrive Fabio Pavesi su “Verità e Affari”: “Repubblica è la vera zavorra del gruppo. Si pensi che nel 2021 la Divisione stampa nazionale che raccoglie appunto il giornale fondato da Scalfari con i prodotti allegati e l’Espresso (venduto poi a Iervolino) su 222 milioni di ricavi è finita in rosso operativo per 20 milioni, seguita dalla divisone Gnn che raccoglie La Stampa, il Secolo XIX e i giornali locali anch’essa in perdita per 13 milioni”. 

andrea riffeser monti andrea riffeser monti

 

Negli ultimi mesi gli incontri tra il braccio destro di Elkann, Scanavino, e il vivace acchiappatutto Danilo Iervolino si sarebbero arenati di fronte alla richiesta di 40 milioni più i debiti del quotidiano di Largo Fochetti. Ci penserà il 2023 a sciogliere i tanti nodi della stampa italica.

MAURIZIO SCANAVINO E JOHN ELKANN MAURIZIO SCANAVINO E JOHN ELKANN danilo iervolino foto di bacco danilo iervolino foto di bacco danilo iervolino 6 danilo iervolino 6 andrea riffeser monti andrea riffeser monti

John Elkann John Elkann john elkann john elkann John Elkann ph Bob Krieger John Elkann ph Bob Krieger giampaolo angelucci foto di bacco giampaolo angelucci foto di bacco

 

Condividi questo articolo

politica

QUEL “NO” DI DRAGHI CHE HA APERTO LA STRADA AL MATTARELLA BIS – DUE EPISODI SPIEGANO COME SI È ARRIVATI ALLA RIELEZIONE DI SERGIONE: IL 12 MAGGIO 2021 ELISABETTA BELLONI È NOMINATA ALLA GUIDA DEI SERVIZI AL POSTO DI VECCHIONE. CONTE VIVE LA SCELTA COME UNA MOSSA DI “OSTILITÀ” E DICHIARA GUERRA A MARIOPIO – IL 24 GENNAIO 2022, PRIMO GIORNO DI VOTAZIONI, SALVINI FA UN DISCORSO A DRAGHI: “IO TI APPOGGIO PER IL QUIRINALE, MA CI DEVI AIUTARE A FARE UN NUOVO GOVERNO”. L’ALLORA PREMIER RISPONDE CON UN “NO” E LE SUE CHANCE DI SALIRE AL COLLE FINISCONO LÌ…

LA MELONI NON FA IN TEMPO A RECIDERE LE VECCHIE RADICI DA EURO-SCETTICA E SOVRANISTA CHE ARRIVA L’ARTICOLO DI “THE ECONOMIST” A INCENSARLA, CELEBRANDO I PRIMI 100 GIORNI A PALAZZO CHIGI: “IL GOVERNO È IN OTTIMA FORMA E HA RICEVUTO L’APPROVAZIONE DELLA COMMISSIONE EUROPEA E DEL VATICANO. FINORA HA NAVIGATO IN ACQUE RELATIVAMENTE TRANQUILLE. MA ALL'ORIZZONTE SI VEDONO ALMENO TRE NUVOLE SCURE. LA PRIMA INCOMBE SUL RECOVERY FUND. LA SECONDA SULLA DISUNIONE ALL'INTERNO DELLA SUA COALIZIONE. E LA TERZA…”