DAGOREPORT – PAGARE MONETA, VEDERE BATTERIA: SE IL GOVERNO MELONI VUOLE CHE STELLANTIS AUMENTI LA PRODUZIONE ITALIANA, PERCHÉ NON VARA UN PIANO DI INCENTIVI, COME IN FRANCIA E GERMANIA, CHE RENDA LE AUTO ELETTRICHE TRICOLORI COMPETITIVE, DATO CHE L’UE HA APERTO IL MERCATO ALLA CINA? – JOHN ELKANN LASCIA PARLARE CARLOS TAVARES PERCHÉ HA LA MASSIMA FIDUCIA NEL MANAGER PORTOGHESE, CHE HA RIEMPITO IL VUOTO LASCIATO DA MARCHIONNE NEL SUO CUORE (E NEL PORTAFOGLIO) – LA GENIALE IDEA DELL’INGRESSO DELLO STATO IN STELLANTIS È FRUTTO DELLA FERVIDA IMMAGINAZIONE DEL MINISTRO ADOLFO URSO, IGNORANDO CHE TAVARES È GIA' INSOFFERENTE DELLA PRESENZA DELLA FRANCIA IN STELLANTIS...

-

Condividi questo articolo


DAGOREPORT

CARLOS TAVARES JOHN ELKANN - STELLANTIS CARLOS TAVARES JOHN ELKANN - STELLANTIS

Se l’amministratore delegato di Stellantis, l'intrepido Carlos Tavares, rilascia interviste e va allo scontro con il governo italiano, è perché John Elkann ha massima fiducia in lui. La stima dell’ingegnere per il manager portoghese è solida, e ha riempito quel vuoto lasciato dalla morte di Sergio Marchionne, nel luglio del 2018.

 

La scomparsa dell’ad italo-svizzero fu un brutto colpo per il rampollo Agnelli, che si rese conto di aver perso la mente geniale che aveva contribuito a salvare l’impero e a rilanciarlo. Sentendosi più debole, John Elkann aprì il negoziato con l’allora gruppo Peugeot per diluire Fiat Chrysler all’interno del gruppo Stellantis. Della serie: non avendo più un cavallo di razza a guidare l’azienda, tanto vale fonderla per un’alleanza che dia più solidità in un mondo dove solo i più grandi sopravvivono.

adolfo urso giorgia meloni question time alla camera adolfo urso giorgia meloni question time alla camera

 

E fu in quella occasione che Elkann conobbe Tavares, un ottimo e intransigente manager con una profonda conoscenza del mercato dell’automotive e un’idea chiarissima sul ruolo che l’azienda avrebbe dovuto ricoprire.

 

A sparigliare un po’ i piani non solo di Stellantis ma dell’intero comparto dell’auto è arrivata, negli ultimi anni, la cavalcata cinese sulle auto elettriche.

 

La capacità di Pechino di investire nel segmento di mercato e di produrre a basso costo ha messo sotto pressione tutti i player europei, Stellantis compresa. I timori dei grandi produttori di auto, uniti a quelli dell’Unione europea di essere “invasa” dalle macchine cinesi, ha fatto cadere il tabù degli incentivi elargiti da Bruxelles alle case produttrici di auto.

 

stellantis. stellantis.

Lo Stato francese (azionista di Renault e di Stellantis) ha varato un piano di incentivi che esclude di fatto gli acquisti di auto provenienti dalla Cina, e anche in Germania i sussidi per l’acquisto di macchine a batteria sono ripartiti, salvo uno stop “procedurale” dovuto alla sentenza della Corte costituzionale sul bilancio.

 

Di fronte alle politiche franco-tedesche, è difficile dare torto a Tavares, quando accusa il governo Meloni di volere la siringa piena e la moglie drogata: pretende un aumento della produzione e garanzie occupazionali sugli stabilimenti, ma non contribuisce a contenere la concorrenza cinese con generose elargizioni.

 

carlos tavares john elkann carlos tavares john elkann

Anzi, i progetti al via rischiano di finire per avvantaggiare Pechino. Secondo quanto riporta oggi “il Messaggero”, il 70% degli incentivi al via a marzo (793 milioni di euro solo per la parte auto) servirà per comprare veicoli assemblati all’estero. "Soltanto il 30% sarà distribuito tra i modelli costruiti negli stabilimenti in Italia: a beneficiarne saranno soprattutto i futuri proprietari di Panda (prodotta a Pomigliano d’Arco), Cinquecento elettrica (Mirafiori) e Jeep Renegade (Melfi) targati Stellantis".

 

L’idea che lo Stato italiano possa entrare in Stellantis è stata partorita dalla fervida immaginazione del ministro Adolfo Urso, ma Tavares è già insofferente per la presenza della Francia in Stellantis, figuriamoci se ha voglia di accollarsi l’ennesima zavorra statale che proverebbe a orientare scelte e investimenti.

 

Ps. L’Unione europea frigna ora, a buoi scappati, per lo strapotere cinese nell’elettrico. Ma sono state proprio le scelte di Bruxelles, tra una transizione ecologica e un “green deal”, a dare una spinta fortissima al Dragone e alla sua industria a batteria.

 

auto elettriche della cinese Byd auto elettriche della cinese Byd

 

 

quotazione stellantis quotazione stellantis ola kallenius carlos tavares patrick pouyanne ola kallenius carlos tavares patrick pouyanne STELLANTIS - PSA FCA STELLANTIS - PSA FCA carlos tavares carlos tavares stellantis stellantis john elkann exor john elkann exor carlos tavares 1 carlos tavares 1 john elkann – quotazione stellantis john elkann – quotazione stellantis STELLANTIS STELLANTIS

 

auto elettriche della cinese Byd auto elettriche della cinese Byd

 

giorgia meloni automotive vignetta by rolli il giornalone la stampa giorgia meloni automotive vignetta by rolli il giornalone la stampa tavares tavares ARTICOLO DI REPUBBLICA SU STELLANTIS - 26 GENNAIO 2023 ARTICOLO DI REPUBBLICA SU STELLANTIS - 26 GENNAIO 2023 il depliant del governo marocchino per i fornitori di stellantis 1 il depliant del governo marocchino per i fornitori di stellantis 1 fabbrica stellantis di Bielsko Biala in polonia fabbrica stellantis di Bielsko Biala in polonia CARLOS TAVARES EMMANUEL MACRON CARLOS TAVARES EMMANUEL MACRON GIORGIA MELONI ADOLFO URSO - MEME BY EMILIANO CARLI GIORGIA MELONI ADOLFO URSO - MEME BY EMILIANO CARLI

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SALUTAME A CINECITTÀ: LA HOLLYWOOD DE’ NOANTRI TRASLOCA IN SICILIA – SE IL TAORMINA FILM FEST CHIAMA MARCO MÜLLER, A SIRACUSA SI APRONO GLI “STATI GENERALI DEL CINEMA”. UNA VACANZA A 5 STELLE PER UNA MAREA DI ADDETTI AI LAVORI (DA BUTTAFUOCO A MONDA, DA MUCCINO A CASTELLITTO, CRONISTI COMPRESI), PAGATA DALLA REGIONE (SCHIFANI) ED ENIT (SANTANCHE'), E SENZA COINVOLGERE QUEI BURINI DI SANGIULIANO E BORGONZONI, CHE HA LA DELEGA IN MATERIA DI CINEMA - SE FOSSE COSTRETTA ALLE DIMISSIONI, LA PITONESSA FA CIAK?...

“IL FOGLIO” METTE IL DITO NELLA PIAGA: “LAUDATI RIVELA CHE NESSUN ACCERTAMENTO NEI CONFRONTI DI CROSETTO È MAI STATO EFFETTUATO DALL’UFFICIO SOS DELLA PROCURA ANTIMAFIA: GLI ACCESSI SONO STATI EFFETTUATI SULLA BANCA DATI IN DOTAZIONE ALLA GUARDIA DI FINANZA, NEI CUI UFFICI PASQUALE STRIANO LAVORAVA TRE GIORNI A SETTIMANA” - ERGO: STRIANO ERA AL SERVIZIO DI DUE PADRONI: FINANZA E MAGISTRATURA; UN RUOLO AMBIVALENTE CHE GLI PERMETTEVA DI NON RENDERE CONTO A NESSUNO DEI SUOI ACCESSI ABUSIVI ALLE BANCHE DATI, FINO A QUANDO QUALCUNO DEI SERVIZI SEGRETI AVVERTÌ IL MINISTRO DELLA DIFESA CROSETTO CHE FECE L’ESPOSTO CHE DETTE VITA ALLO SCANDALO - CHI SI È INVENTATO IL DUPLEX FINANZA-DNA CHE VA AL DI LÀ DELLE PREROGATIVE DI LEGGE, QUINDI ILLEGALE? - PERCHE' LA MELONIANA CHIARA COLOSIMO NON HA ANCORA SENTITO IL BISOGNO DI INTERROGARE NON SOLO STRIANO, MA SOPRATTUTTO GIUSEPPE ZAFARANA, IL COMANDANTE GENERALE DELLE FIAMME GIALLE DAL 2019 AL 2023, DA CUI STRIANO ERA ALLE DIPENDENZE?

FLASH! – MENTRE TANTI CIANCIANO DEL TENERO PIER SILVIO A CAPO DI FORZA ITALIA (SUPREMA CAZZATA), NESSUNO SI È ACCORTO CHE IL VERO EREDE DI SILVIO BERLUSCONI SI CHIAMA MARINA. E’ LEI CHE HA DATO L’ORDINE ALL’INFORMAZIONE MEDIASET DI FINIRLA CON LE POMPE IN GLORIA DELLA MELONA. NON SOLO. APPROFITTANDO DELLA PRESENTAZIONE ROMANA DEL FILM SU ENNIO DORIS, SI E’ SPARATA LA SUA PRIMA “ARRINGA” IN VISTA DELLE EUROPEE. BERSAGLIO: GIORGIA E MATTEO: “VOTARE FORZA ITALIA SIGNIFICA VOTARE PER CHI AVRÀ UN RUOLO DA PROTAGONISTA: È L’UNICO A FAR PARTE DELLA GRANDE FAMIGLIA DEL PPE”