DAGOREPORT – PERCHÉ GIORGIA MELONI HA RINCULATO IMPROVVISAMENTE SULLE DIMISSIONI DI GIOVANNI TOTI? C'ENTRANO I TEMPI DELLA GIUSTIZIA: TRA INTERROGATORIO E TRIBUNALE DEL RIESAME SI POTREBBE SCAVALLARE IL 9 GIUGNO, GIORNO DELLE EUROPEE. E A QUEL PUNTO, MEGLIO TENERE TOTI IN GHIACCIAIA - NEL GOVERNO DUCIONI QUALCUNO AVRA' PENSATO: MEGLIO NON ABBANDONARE AL SUO DESTINO UN POTENTE COLLEGA NEI GUAI, NON SIA MAI CHE TOTI APRA COMPLETAMENTE LE VALVOLE E RACCONTI TUTTO CIÒ CHE SA… - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

DAGOREPORT

meloni toti meloni toti

Cosa ha spinto Giorgia Meloni a rinculare pian piano sulla richiesta di dimissioni del governatore della Liguria Giovanni Toti.

 

In un primo momento alla difesa sperticata di Toti da parte di Matteo Salvini, Fdi aveva risposto, attraverso Giovanni Donzelli, con un certo scetticismo, quasi a chiedere rapide dimissioni: “Se non chiarisce entro quindici giorni si dovranno trarre le conseguenze”. Lo stesso messaggio è arrivato da Guido Crosetto, che ha detto: “Non può governare stando ai domiciliari”.

 

L’intransigenza degli ex missini si è poi via via attenuata, al punto che la Ducetta non solo ha elogiato Giovanni Toti, sostenendo che abbia ben governato, ma ha preso tempo (dicendo "Aspettiamo...").

 

Mentre “Repubblica” ne annuncia ogni giorno le imminenti dimissioni, in realtà l'uscita di scena del Presidente della Liguria sembra via via allontanarsi. Come mai? Da un lato pesano i tempi tecnici: i pm sono contro la revoca dei domiciliari e bisognerà aspettare l’interrogatorio e la pronuncia del Tribunale del Riesame.

 

giovanni toti nello yacht di spinelli - meme by osho giovanni toti nello yacht di spinelli - meme by osho

Si potrebbe, con facilità, arrivare a scavallare il 9 giugno: a quel punto, per la maggioranza di Governo, meglio tenere Toti in ghiacciaia e aspettare che passi la tornata elettorale delle europee.

 

Ma a incidere sulla ritrovata cautela di Giorgia Meloni sul caso Toti è quella “saggezza” che consiglia ai leader politici di non abbandonare totalmente al suo destino un potente collega nei guai con la giustizia: non sia mai che Toti, vedendosi abbandonato al suo destino, e ormai nelle grinfie dei magistrati, apra completamente le valvole e racconti tutto ciò che sa…

GIOVANNI TOTI - VIGNETTA BY MANNELLI PER IL FATTO QUOTIDIANO GIOVANNI TOTI - VIGNETTA BY MANNELLI PER IL FATTO QUOTIDIANO giovanni toti matteo salvini giorgia meloni giovanni toti matteo salvini giorgia meloni GIOVANNI TOTI - GIORGIA MELONI GIOVANNI TOTI - GIORGIA MELONI TOTI MELONI 3 TOTI MELONI 3 giovanni toti mangia farinata di ceci giovanni toti mangia farinata di ceci TOTI MELONI SALVINI TOTI MELONI SALVINI

 

GIOVANNI TOTI GIORGIA MELONI GIOVANNI TOTI GIORGIA MELONI SALVINI MELONI TOTI SALVINI MELONI TOTI TOTI MELONI TOTI MELONI berlusconi meloni salvini toti berlusconi meloni salvini toti giorgia meloni giovanni toti atreju giorgia meloni giovanni toti atreju giovanno toti sale sullo yacht di spinelli giovanno toti sale sullo yacht di spinelli

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - RINNEGANDO LE SVASTICHELLE TEDESCHE DI AFD, MARINE LE PEN SPERAVA DI NON ESSERE PIU' DISCRIMINATA DAGLI EURO-POTERI: MA CONTRO DI LEI C’È MACRON, CHE LA DETESTA - IL TOYBOY DELL’ELISEO HA LA LEADERSHIP DELL'UNIONE EUROPEA E DARÀ LE CARTE DOPO IL 9 GIUGNO. INSIEME CON SCHOLZ E IL POLACCO TUSK NON VUOLE LE DESTRE TRA LE PALLE: UNA SCHICCHERA SULLE RECCHIE DI GIORGIA MELONI, CHE, CON LA SUA ECR, SARÀ IRRILEVANTE E DOVRA' ACCONTENTARSI, AL PARI DI LE PEN, DI UN COMMISSARIO DI SERIE B – LA FUSIONE A FREDDO TRA GLI “IDENTITARI” DI LE PEN E I “CONSERVATORI” DELLA “SÒLA GIORGIA” POTREBBE AVVENIRE, MA SOLO DOPO LE ELEZIONI EUROPEE. MA TRA LE DUE CI SONO SOLO OPPORTUNISMI 

DAGOREPORT – C’ENTRA QUALCOSA L’AZERBAIGIAN NELLA MORTE DI RAISI? NON SI SA: DI CERTO BAKU È IL PRIMO FORNITORE DI PETROLIO DI ISRAELE, GLI 007 AZERI VENGONO ADDESTRATI DAL MOSSAD E SI VOCIFERA DI BASI SEGRETE ISRAELIANE – SI AVVICINA IL DOPO KHAMENEI (84 ANNI) CHE VEDE IN LOTTA IL DI LUI FIGLIO MOJTABA CONTRO L'EREDE DELL’EX AYATOLLAH KHOMEINI – PER LA SUCCESSIONE A RAISI IN CORSA L'ULTRADESTRO GHALIBAF E IL MODERATO LARIJANI – I COLLOQUI IN OMAN TRA WASHINGTON E TEHERAN, PER LA DE-ESCALATION NEL GOLFO, CONTINUANO, IN BARBA AI PASDARAN (E A NETANYAHU)

DAGOREPORT - COM’È NATO E COME È AFFONDATO IL REDDITOMETRO - LE CASSE PUBBLICHE SONO PIU' VUOTE DEL CERVELLO DI LOLLOBRIGIDA. E QUAL È LA SOLUZIONE DEL VICEMINISTRO LEO (FDI) PER RAGGRANELLARE QUALCHE SPICCIOLO NEL PIÙ BREVE TEMPO POSSIBILE? FACILE: TARTASSARE IL CONTRIBUENTE. LA DUCETTA, CHE NON CAPISCE NULLA DI FINANZA CREATIVA, APPROVA - LA RIVOLTA DI TAJANI E SALVINI, NON INFORMATI DEL REDDITOMETRO, A POCHE SETTIMANE DAL VOTO: E LA MELONA E' COSTRETTA A RITIRARE IL DECRETO – GIORGETTI, SOLITO CEFALO IN BARILE: DICE A SALVINI DI NON SAPERE MA SOTTO SOTTO APPROVAVA LA MISURA – DAL VOTO EUROPEO AL REDDITOMETRO, LA SITUAZIONE DELLA “MAGGIORANZA COESA” È QUESTA: SALVINI CONTRO TAJANI, DA UNA PARTE. DALL'ALTRA: SALVINI E TAJANI INSIEME CONTRO LA DUCETTA...