1. NON HA VINTO FRATELLI D’ITALIA, HA STRAVINTO LA MELONA. LA CAMPAGNA ELETTORALE L’HA FATTA SOLO LEI, COL SUO PIGLIO COMUNICATIVO COATTO E COL SUO MODO KITSCH DI APPARIRE TRA BANCHI DI CILIEGIE E CORRENDO CON I BERSAGLIERI. UNA NARRAZIONE RINFORZATA DALLO SVENTOLIO DEL TRICOLORE NEL MONDO: AHO', CON GIORGIA LA ''NAZIONE'' (NON IL PAESE) CONTA
2. CHI DICE CHE ELLY SCHLEIN HA VINTO, SPARA UNA CAZZATA. GLI ELETTI DEM SONO IN GRAN PARTE RIFORMISTI, LONTANI DALLE SUPERCAZZOLE DELLA MULTIGENDER CON TRE PASSAPORTI  3. SEPPELLITO RDC, A BAGNOMARIA IL SUPERBONUS, IL PAVONE CONTE E' STATO SPENNATO. I GRILLINI NON SI IDENTIFICANO NEI CONTIANI IN SALSA CASALINO E/O IN MODALITÀ TRAVAGLIO 
4. LA SORPRESA AVS NON VA ACCREDITA UNICAMENTE ALLA SALIS: IL BUM È AVVENUTO GRAZIE A UNA TRASMIGRAZIONE DI VOTI DA ELETTORI 5STELLE CHE NON SE LA SENTIVANO DI VOTARE PD 
5. SALVINI: L’UNICO FATTORE CHE PUÒ MANTENERE IN PIEDI LA SUA LEADERSHIP È L’AUTONOMIA  6. DA QUI AL 2027 LA DUCETTA AVRÀ TRE GATTE DA PELARE: PREMIERATO, AUTONOMIA, GIUSTIZIA. 
MA IL VERO ICEBERG DELLA NAVIGAZIONE DEL GOVERNO SARANNO ECONOMIA E PATTO DI STABILITÀ

Condividi questo articolo


 

 

DAGOREPORT

GIORGIA MELONI E LE CILIEGIE - MEME BY 50 SFUMATURE DI CATTIVERIA GIORGIA MELONI E LE CILIEGIE - MEME BY 50 SFUMATURE DI CATTIVERIA

Non ha vinto Fratelli d’Italia, ha stravinto la Melona: 2 milioni e 300 mila preferenze che trascinano il partito al 28,8%.

 

La campagna elettorale l’ha fatta solo lei, con il suo piglio comunicativo autorevolmente coatto e con il suo modo kitsch di apparire tra banchi di ciliegie e correndo con i bersaglieri.

 

Una narrazione rinforzata dallo sventolio del tricolore: con Giorgia la Nazione (non il Paese) conta. Gli altri Fratellini? Non esistono, stanno lì a inventarsi gaffe e a governare a colpi di incompetenze: l’unico fuori dal coro degli asinelli col fez è Guido Crosetto.

 

Più di un cittadino italiano su due (il 50,31%) non ha votato: se una volta l’astensione colpiva i partiti di destra, oggi è esattamente il contrario. Essì, da un pezzo, sono cambiati i parametri della società: il voto della classe lavoratrice ha trovato la sua identità nelle impennate populiste e cazzate sovraniste.

 

elly schlein felice dopo le europee 1 elly schlein felice dopo le europee 1

Una volta, il più grande partito della sinistra europea, il Partito Comunista Italiano, aveva una base tra i lavoratori. Nell'ultima generazione invece si è guardato soprattutto agli immigrati, ai diritti “gender” e alle minoranze etniche come le vittime di ingiustizie.

 

Naturalmente queste categorie sono davvero vittime di ingiustizie. E tuttavia la sinistra parlando soprattutto a loro ha perso il contatto con le vecchie classi popolari che si sono sentite ignorate dalle élite benestanti.

 

stefano bonaccini bacia elly schlein stefano bonaccini bacia elly schlein

In attesa partiti di sinistra capaci di leggere i tempi, è la destra, spesso l'estrema destra, che si è dimostrata più attrezzata a riempire il vuoto, a dare queste risposte psicologiche, alla parte emotiva di ciascuno.

 

Vedi quell’esaltato di Donald Trump che ha catturato consensi tra le vecchie classi lavoratrici, almeno quanto basta per essere di nuovo candidato alla presidenza degli Stati Uniti.

 

E chi dice che Elly Schlein ha vinto, spara una cazzata. I candidati dem che andranno a Bruxelles e hanno contribuito al buon risultato del Pd (24,08%) sono in gran parte riformisti, ben lontani dalle supercazzole della multigender con tre passaporti. Non solo: Decaro, Bonaccini, Gori, Ricci, Nardella, etc. hanno fatto il pieno delle preferenze rispetto ai candidati in quota Elly.

 

MARINE LE PEN E GIORGIA MELONI COME LE GEMELLE DI SHINING - MEME BY SIRIO MARINE LE PEN E GIORGIA MELONI COME LE GEMELLE DI SHINING - MEME BY SIRIO

Seppellito il Reddito di Cittadinanza, messo a bagnomaria il Superbonus, la linea della pace non ha pagato e ha spennato quel pavone di Giuseppe Conte (il M5s si è fermato al 9,99%).

 

I grillini di ieri non si identificano nei contiani in salsa Casalino e/o in modalità Travaglio di oggi. Forse per allontanare da sé eventuali colpe, l’articolo più aspro sul tracollo pentastellato porta la firma di Wanda Marra sulle pagine del “Fatto quotidiano”.

 

La sorpresa di Avs by Fratoianni e Bonelli (6,73%), due che i media hanno coperto poco o niente, non va accredita unicamente alla candidatura della ‘’prigioniera ungherese’’ Salis: il bum è avvenuto anche grazie a una trasmigrazione di voti da ex elettori del Movimento 5 Stelle che non se la sentivano di votare Pd.

 

GIUSEPPE CONTE VOTA ALLE ELEZIONI EUROPEE 2024 GIUSEPPE CONTE VOTA ALLE ELEZIONI EUROPEE 2024

 

Come era facile immaginare, Salvini si è salvato con Vannacci, un tipino che trova le svastichelle tedesche di AFD non così “malvage” ma ha permesso alla Lega di contenere i danni e chiudere al 9%.

 

E il leader del Carroccio si arrampica sugli specchi quando addossa la colpa della “botta” e del conseguente sorpasso di Forza Italia al “tradimento” di Umberto Bossi (“Voto Forza Italia”). Non regge perché il Senatur l’ha dichiarato solo all’ultimo giorno della campagna elettorale e chissà quanti sono gli elettori della Lega che seguono siti e agenzie di stampa.

 

ROBERTO VANNACCI MATTEO SALVINI ROBERTO VANNACCI MATTEO SALVINI

Per salvarsi la pelle, Salvini ha annunciato per il prossimo ottobre il Congresso degli iscritti della Lega, reclamato da anni dalle minoranze e sempre mandato in soffitta dal Capitone. Una mossa astuta perché sa benissimo che l’unico fattore che può mantenere in piedi la sua leadership è il varo della legge sull’Autonomia differenziata.

 

fratoianni bonelli fratoianni bonelli

Che una parte degli alfieri della “Nazione” meloniana non la vogliono vedere manco in fotografia, per non parlare di forzisti, piddini, pentastellati e sinistrati vari. Una legge che probabilmente otterrà la maggioranza del governo poiché, in caso di bocciatura, la Lega molla il governo e il povero Salvini si ritrova a fare l’autista di Francesca Verdini.

 

Come Salis per Avs e Bossi per la Lega, così anche il santino funebre di Silvio Berlusconi non è stato così influente per il successo di Forza Italia: chi l'ha votato (il 9,62%) ha solo scelto nelle urne la forza tranquilla di un partito moderato. Poi, certo, Ciccio Tajani ha dedicato la vittoria al Cavaliere che fu ma solo perché si ricorda che c’è la Famiglia (Marina e Pier Silvio) che paga i conti.

 

bossi salvini bossi salvini

Da qui al 2027, scadenza della legislatura, Giorgia dueMeloni, oltre all’ostacolo dell’Autonomia, avrà altre due gatte da pelare. La seconda si chiama premierato. La Ducetta sa bene che nei prossimi mesi si deve inventare qualcosa per far dimenticare ‘’la madre delle riforme”: l’arco costituzionale parlamentare è contrario alla “dittatura” della Regina del Colle Oppio e una battaglia per affossare il premierato potrebbe diventare la bandiera che ricompatta l’opposizione tutta (altro che campolargo).

 

matteo renzi - carlo calenda - meme by osho matteo renzi - carlo calenda - meme by osho

Il terzo ostacolo è la riforma della giustizia, cara a Forza Italia e ai morituri Renzi e Calenda. Uno scoglio periglioso perché, mentre l’Autonomia non ha bisogno di passaggi istituzionali, il nuovo impianto giudiziario ti porta dritto dritto al referendum. Ma il vero iceberg della navigazione del governo Ducioni saranno  l’economia, con i conti in profondo rosso, e il Patto di Stabilità.

 

ANGELO BONELLI - NICOLA FRATOIANNI ANGELO BONELLI - NICOLA FRATOIANNI SIAMO UOMINI O CAPORALI - MEME BY MACONDO SIAMO UOMINI O CAPORALI - MEME BY MACONDO

GIORGIA MELONI E MATTEO RENZI - MEME BY 50 SFUMATURE DI CATTIVERIA GIORGIA MELONI E MATTEO RENZI - MEME BY 50 SFUMATURE DI CATTIVERIA MEME SULLA SCONFITTA DI MATTEO RENZI ALLE EUROPEE - 50 SFUMATURE DI CATTIVERIA MEME SULLA SCONFITTA DI MATTEO RENZI ALLE EUROPEE - 50 SFUMATURE DI CATTIVERIA

SANTA GIORGIA MURALE BY ALEXSANDRO PALOMBO SULLA MELONI DOPO LE EUROPEE SANTA GIORGIA MURALE BY ALEXSANDRO PALOMBO SULLA MELONI DOPO LE EUROPEE giorgia meloni su instagram dopo le europee giorgia meloni su instagram dopo le europee giorgia meloni dopo le europee giorgia meloni dopo le europee SANTA GIORGIA MURALE BY ALEXSANDRO PALOMBO SULLA MELONI DOPO LE EUROPEE SANTA GIORGIA MURALE BY ALEXSANDRO PALOMBO SULLA MELONI DOPO LE EUROPEE

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DOVE ABBIAMO GIÀ VISTO LA VERSIONE SPECIALE DELLA FIAT 500 CON CUI GIORGIA MELONI È ARRIVATA SUL PRATO DI BORGO EGNAZIA? È UN MODELLO SPECIALE REALIZZATO DA LAPO ELKANN E BRANDIZZATO “GARAGE ITALIA”. LA PREMIER L’HA USATA MA HA RIMOSSO IL MARCHIO FIAT – A BORDO, INSIEME ALLA DUCETTA, L’INSEPARABILE PATRIZIA SCURTI E IL DI LEI MARITO, NONCHÉ CAPOSCORTA DELLA PREMIER – IL POST DI LAPO: “È UN PIACERE VEDERE IL NOSTRO PRIMO MINISTRO SULLA FIAT 500 SPIAGGINA GARAGE ITALIA DA ME CREATA...”

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE