L’OBIETTIVO DI PUTIN È PAPPARSI KHARKIV E CONSOLIDARE IL CONTROLLO RUSSO INTORNO AL DONBASS. CI VORRÀ TEMPO, MA QUANDO CI RIUSCIRÀ, GLI AMERICANI SPINGERANNO ZELENSKY A UNA TRATTATIVA DI PACE – MA SE KIEV PIANGE, MOSCA NON RIDE: L’ECONOMIA RUSSA SCRICCHIOLA (GLI UTILI DI GAZPROM, VERO FORTINO DEL CREMLINO, CROLLANO PER LA PRIMA VOLTA IN 24 ANNI) – BIDEN È DISPERATO: IL 48% DEGLI ELETTORI DEM TIFA PALESTINA E LO ACCUSA DI ARRENDEVOLEZZA VERSO NETANYAHU – HAMAS SI SPACCA SUL CESSATE IL FUOCO…

Condividi questo articolo


DAGOREPORT

PUTIN ZELENSKY PUTIN ZELENSKY

L’obiettivo di Putin è arrivare in tempi rapidi all’occupazione di Kharkiv. È un obiettivo strategicamente rilevante, perché permetterebbe all’esercito russo di consolidare un cordone di sicurezza attorno al Donbass occupato.

 

Ci vorrà ancora un po’ di tempo per permettere ai tank russi di entrare nella regione di Kharkiv, ma quando questo avverrà, gli Stati Uniti spingeranno il sempre più riottoso, ma debole, Zelensky a chiedere una tregua per aprire una trattativa di pace.

 

esercito ucraino esercito ucraino

Putin, che ora al fronte è in una posizione di forza dopo le loffie controffensive ucraine, potrebbe avere un duplice interesse a chiudere il conflitto: non solo perché si avvicina la conquista di quegli obiettivi territoriali (Donbass e Crimea) e politici (Ucraina mai nella Nato) che si era prefissato, ma anche perché l’economia russa inizia a mostrare i primi scricchiolii. Prova ne è il crollo, per la prima volta in 24 anni, degli utili di Gazprom, il colosso dell'energia, vero forziere del Cremlino.

 

Inoltre, se da una parte la Russia rischia con la guerra di finire al guinzaglio di Pechino, dall'altra “Mad Vlad” deve fronteggiare una crescente pressione della Cina a chiudere il conflitto: Xi Jinping, che sta costruendo la sua “narrazione” verso il sud globale come leader di un Paese pacificatore, che punta al soft power del commercio e non ai missili, ha bisogno di portare a casa un risultato, per poter dire, in soldoni: “Non siamo noi quelli che vogliono la guerra”.

 

BOMBARDAMENTO RUSSO SU KHARKIV, PERSONE SOTTO LE MACERIE'

 (ANSA) - Le truppe russe hanno bombardato Kharkiv, in Ucraina orientale, nel primo pomeriggio distruggendo diversi condomini, persone sono intrappolate sotto le macerie. Lo ha riferito su Telegram il sindaco Igor Terekhov, citato da Rbc-Ucraina aggiungendo che è in corso un'operazione di salvataggio.

SITUAZIONE DELLA GUERRA IN UCRAINA AL 2 MAGGIO 2024 SITUAZIONE DELLA GUERRA IN UCRAINA AL 2 MAGGIO 2024

 

 

 

meccanico ucraino guida un carro armato russo riparato a Kharkiv meccanico ucraino guida un carro armato russo riparato a Kharkiv GAZPROM GAZPROM torture a kharkiv torture a kharkiv

 

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT – DOPO LE EUROPEE, NULLA SARÀ COME PRIMA! LA LEGA VANNACCIZZATA FA PARTIRE IL PROCESSO A SALVINI: GOVERNATORI E CAPIGRUPPO ESCONO ALLO SCOPERTO E CHIEDONO LA DATA DEL CONGRESSO – CARFAGNA E GELMINI VOGLIONO TORNARE ALL’OVILE DI FORZA ITALIA MA TAJANI DICE NO – CALENDA VORREBBE TORNARE NEL CAMPO LARGO, MA ORMAI SI È BRUCIATO (COME RENZI) – A ELLY NON VA GIÙ RUTELLI: MA LA VITTORIA DEL PD È MERITO DEI RIFORMISTI DECARO,BONACCINI, GORI, RICCI, CHE ORA CONTERANNO DI PIÙ – CONTE NON SI DIMETTE MA PATUANELLI VUOLE ACCOMPAGNARLO ALL’USCITA