1. IL DOPPIO SCHIAFFO (BANCHI VUOTI E UCRAINA) CHE SALVINI HA STAMPATO SUL VOLTO DI GIORGIA È SOLO L’INIZIO DI UNA PARTITA DI POKER DOVE, CHI HA PIÙ SANGUE FREDDO, VINCE
2. LA STRATEGIA DELLA DUCETTA È CHIARA: ALLUNGARE IL BRODO DELLE NOMINE FINO ALL’ULTIMO E POI, SUL FILO DI LANA, FARE IL COLPACCIO. COSÌ È PARTITO IL SALVINIANO “AVVISO DI SFRATTO” A UN PREMIER CHE VA RIPETENDO AI SUOI: “IO HO PRESO IL 26% CONTRO L’8,7 DELLA LEGA: CHE CAZZO PRETENDE SALVINI?”. E LA SUA REAZIONE ‘’SARÀ DURISSIMA”. IL BOSS LEGHISTA FA SPALLUCCE: “SIAMO INDISPENSABILI: SENZA DI NOI NON ESISTE IL GOVERNO”
3. IN TALE CLIMA, OGGI SONO DECOLLATI UN PAIO DI SILURI CARICHI DI VELENI PER FAR FUORI L’ARRIVO DI STEFANO DONNARUMMA ALL’ENEL, CARO A GIORGIA. SUL FRONTE POSTE L’INCONTRO MELONI-DEL FANTE-LASCO HA FATTO IMBUFALIRE L’EGO ESPANSO DI FLAVIO CATTANEO. ANCHE PERCHÉ I DIOSCURI DI GIORGIA, FAZZOLARI E MANTOVANO, NON VOGLIONO AVERE TRA I PIEDI IL MONDO TRASVERSALE DI SCARONI E CATTANEO, DETESTANO BISIGNANI, PER NON PARLARE DELL’ODIO VERSO IL “RITO ROMANO DEL POTERE” GESTITO DAL RESUSCITATO GIANNI LETTA

Condividi questo articolo


L ASSENZA DI SALVINI ALLA CAMERA VISTA DA ELLEKAPPA L ASSENZA DI SALVINI ALLA CAMERA VISTA DA ELLEKAPPA

DAGOREPORT

Il doppio schiaffo che Matteo Salvini ha stampato sul volto di Giorgia Meloni è solo l’inizio di una partita di poker dove, chi ha più sangue freddo, vince. I banchi vuoti dei leghisti che hanno indebolito il discorso sull’Ucraina della Ducetta (in partenza per il Consiglio europeo), fino al colpo fatale sparato con l’intervento in modalità 5stelle del capogruppo della Lega in Senato Massimiliano Romeo contro “la tirannia del pensiero dominante” rappresentano un rombante altolà di Salvini alla strategia piglio-tutto-io sulle nomine delle Partecipate.

 

Che l’accordo sia lontano lo si è capito nella prima riunione di lunedì dove ha trionfato il bla-bla perculante. Meloni ha parlato di una scelta di “persone capaci”, “possibilmente donne”, che “bisogna tenere presente le rose dei nomi dei “cacciatori di teste” messi in moto dal Mef, bla-bla. 

MATTEO SALVINI E GIORGIA MELONI - VIGNETTA BY ALTAN MATTEO SALVINI E GIORGIA MELONI - VIGNETTA BY ALTAN

 

Salvini, capita l’antifona, è stato al gioco e ha detto che Giorgia ha sempre ragione. Ma ovviamente nessuno ha tirato fuori un nome per evitare di bruciarlo col gioco dei veti. La strategia della Ducetta ormai è chiara: allungare il brodo del bla-bla fino all’ultimo giorno possibile e poi, sul filo di lana, fare il colpaccio con la sua lista di potere. 

 

Così è partito il salviniano “avviso di crisi” a un premier che va ripetendo ai suoi: “io ho preso il 26% contro l’8,7 della Lega: che cazzo pretende Salvini?”. E dall’entourage meloniano si viene a sapere che la sua reazione al doppio schiaffo ‘’sarà durissima”. Il boss leghista fa spallucce: “Siamo indispensabili: senza di noi non esiste il governo”.

 

In tale clima, oggi sono decollati un paio di siluri carichi di veleni per far fuori l’arrivo di Stefano Donnarumma all’Enel, super-candidato numero due della Meloni, l’altro è l’inamovibile Claudio Descalzi. Intanto, è da registrare sul fronte Poste l’incontro Meloni-Del Fante-Lasco, cosa che ha fatto imbufalire il neo-salviniano Flavio Cattaneo. Che ogni giorno vede chiudersi le porte della sua ambizione espansa: dall’Enel alle Poste, passando per Leonardo.

 

flavio cattaneo salvini flavio cattaneo salvini

Anche perché i dioscuri di Giorgia, ideologi di Fratelli d’Italia, Fazzolari e Mantovano, sono due tipi tostissimi che sono d’accordo solo su ciò che non vogliono. Ad esempio: non vogliono avere tra i piedi il mondo trasversale di Scaroni e Cattaneo, detestano Bisignani, per non parlare dell’odio verso il “rito romano del potere” gestito dal resuscitato Gianni Letta. 

giovanbattista fazzolari giorgia meloni giovanbattista fazzolari giorgia meloni alfredo mantovano giorgia meloni alfredo mantovano giorgia meloni

STEFANO DONNARUMMA STEFANO DONNARUMMA GIANNI LETTA ACCANTO A EDVIGE FENECH ALLA PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI BISIGNANI NELL OTTANTOTTO GIANNI LETTA ACCANTO A EDVIGE FENECH ALLA PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI BISIGNANI NELL OTTANTOTTO luigi bisignani foto di bacco luigi bisignani foto di bacco Giuseppe Lasco e Matteo Del Fante Giuseppe Lasco e Matteo Del Fante MATTEO SALVINI E GIORGIA MELONI MATTEO SALVINI E GIORGIA MELONI

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"? 

E ORA LA MELONA, RIMASTA CON UN PUGNO DI POLVERE IN MANO, CHE FA? ALL’EVITA PERON DE’ NOANTRI NON RESTA CHE ATTACCARSI ALLA GIACCHETTA DI CICCIO TAJANI PER LA PARTITA DEI COMMISSARI (PROBABILMENTE PERÒ, NON OTTERRÀ DI MEGLIO CHE LA DELEGA ALLA COESIONE) – LA DUCETTA ERA TORMENTATA DAI DUBBI SUL VOTO ALLA VON DER LEYEN, MA POI HA CEDUTO ALLA FIAMMA MAGICA DI FAZZOLARI E ARIANNA, IDEOLOGICAMENTE CONTRARIA. L’HANNO MANDATA A SBATTERE PER LA PAURA DI PERDERE IL 6% RAPPRESENTATO DALLO ZOCCOLO DURO E PURO DI VECCHI ARNESI FASCI CHE ANCORA POPOLA FDI – LA POVERA URSULA CI HA PROVATO IN TUTTI I MODI: NEL SUO DISCORSO HA PARLATO APERTAMENTE DEL PATTO SUI MIGRANTI, MA DI FRONTE ALLA FOLLE RICHIESTA ITALIANA DI OTTENERE UNA VICEPRESIDENZA, HA DOVUTO FARE PIPPA – PS: CHI SONO I DUE FRATELLI D’ITALIA CHE HANNO VOTATO SÌ A VON DER LEYEN?