PER UN EGO SMISURATO COME QUELLO DI SECHI UN INCARICO NON BASTA. E INFATTI CONTINUA A DIRIGERE L’AGI – IL CAPO UFFICIO STAMPA DI PALAZZO CHIGI CONTINUA AD AVERE CONTATTI QUOTIDIANI CON LA NUOVA DIRETTRICE DELL’AGENZIA, RITA LOFANO, SUA FEDELISSIMA, PER “CORREGGERE” E DARE LA LINEA. UN ESEMPIO? SI È INFURIATO PER IL TITOLO “DUELLO MELONI-SCHLEIN”. HA ALZATO IL TELEFONO E, COME PER MAGIA, È STATO SBIANCHETTATO…

Condividi questo articolo


MARIO SECHI IN VERSIONE MARCHESE DEL GRILLO MEME MARIO SECHI IN VERSIONE MARCHESE DEL GRILLO MEME

Estratto dell’articolo di Tommaso Rodano per “il Fatto quotidiano”

 

Nella nuova avventura a Palazzo Chigi, il capo ufficio stampa Mario Sechi pretende di essere ancora chiamato da tutti “il direttore”. È entrato negli equilibri della comunicazione di Giorgia Meloni con la leggiadria di un elefante in un negozio di cristalli: chi lavora in quella squadra descrive, al suo seguito, tensioni e musi lunghi fino al pavimento.

 

rita lofano agi rita lofano agi

[…] Sechi, infatti, continua a lavorare come se non avesse mai messo piede fuori dalla redazione Agi di via Ostiense. Al suo posto è stata promossa l’ex vicedirettrice Rita Lofano, una fedelissima. Lofano è giornalista Agi da quasi 20 anni, ex corrispondente dagli Stati Uniti, nominata vice proprio da Sechi nel 2021. Un sodalizio professionale che ha mostrato il suo apice lo scorso novembre, con la trasferta congiunta a Washington per raccontare, per la web tv di Agi, le elezioni di Midterm americane.

 

AGENZIA AGI - TITOLO SUL DUELLO MELONI SCHLEIN PRIMA DELLA CHIAMATA DI SECHI AGENZIA AGI - TITOLO SUL DUELLO MELONI SCHLEIN PRIMA DELLA CHIAMATA DI SECHI

Oggi che lavora per “l’istituzione”, e nella fattispecie per Giorgia Meloni, Sechi alza il telefono per parlare con la sua erede Lofano con immutata frequenza e altrettanta disinvoltura. I suoi consigli sono sempre ascoltati. Dai corridoi di Palazzo Chigi si racconta la scena di un Sechi molto infastidito, la scorsa settimana, per la foto dell’incontro tra Meloni e Benjamin Netanyahu pubblicata sul sito della sua ex agenzia. Una foto “sbagliata”, il monito del capo ufficio stampa della premier: dopo il suo intervento è stata cambiata in tempi rapidi.

 

AGENZIA AGI - TITOLO SUL DUELLO MELONI SCHLEIN DOPO LA CHIAMATA DI SECHI AGENZIA AGI - TITOLO SUL DUELLO MELONI SCHLEIN DOPO LA CHIAMATA DI SECHI

Ancora più clamorosa l’impennata di Sechi per un titolo a suo giudizio irricevibile, qualche giorno fa, che avrebbe “equiparato” Meloni ed Elly Schlein. Eccolo qui, nel lancio riepilogativo delle ore 19 del 15 marzo: “SALARIO MINIMO: DUELLO MELONI- SCHLEIN ALLA CAMERA. La premier al question time: ‘Farlo per legge non è la soluzione, ma puntiamo a salari più alti e pensioni dignitose adeguate al lavoro svolto’. La segretaria dem: risposta debole siete incapaci, insensibili e approssimativi”.

rita lofano mario sechi rita lofano mario sechi

 

Per Sechi, dicono, l’idea del “duello” tra pari era inconcepibile e l’avrebbe comunicato perentoriamente a un ex collega dell’Agi. Dopo un confronto – e di fronte al rifiuto di intervenire per cambiare il testo – avrebbe quindi telefonato a Lofano.

 

Nel nuovo riepilogativo delle 21, il titolo è finalmente cambiato: “QUESTION TIME: MELONI A SCHLEIN, ‘PUNTIAMO A SALARI PIU’ ALTI E PENSIONI DIGNITOSE’. La premier: ‘Il salario minimo per legge non è la soluzione’. La segretaria dem: risposte deboli”. Non più “duello”, ma una formula più autorevole e rispettosa della “istituzione”.

 

mario sechi parla con i giornalisti a palazzo chigi mario sechi parla con i giornalisti a palazzo chigi

Insomma, il capo ufficio stampa di Palazzo Chigi mantiene una postura da “direttore ombra” della sua vecchia agenzia di stampa. Un bel colpo per Meloni e un bel colpo forse anche per Eni […]. Forse però è il momento di iniziare a concentrarsi di più sugli aspetti esclusivi del proprio incarico. Le prime uscite […] non sono state brillantissime: a Palazzo Chigi qualcuno le chiama “Cutro 1” (la lugubre conferenza stampa in Calabria in cui ha parlato sopra ai giornalisti) e “Cutro 2” (l’incredibile velina in cui Meloni chiede ai sopravvissuti se conoscono “i rischi legati alle traversate”). Su entrambe c’è già la firma del “direttore”.

rita lofano agi 1 rita lofano agi 1 RITA LOFANO RITA LOFANO mario sechi foto di bacco mario sechi foto di bacco mario sechi direttore agi mario sechi direttore agi rita lofano agi rita lofano agi

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DOVE ABBIAMO GIÀ VISTO LA VERSIONE SPECIALE DELLA FIAT 500 CON CUI GIORGIA MELONI È ARRIVATA SUL PRATO DI BORGO EGNAZIA? È UN MODELLO SPECIALE REALIZZATO DA LAPO ELKANN E BRANDIZZATO “GARAGE ITALIA”. LA PREMIER L’HA USATA MA HA RIMOSSO IL MARCHIO FIAT – A BORDO, INSIEME ALLA DUCETTA, L’INSEPARABILE PATRIZIA SCURTI E IL DI LEI MARITO, NONCHÉ CAPOSCORTA DELLA PREMIER – IL POST DI LAPO: “È UN PIACERE VEDERE IL NOSTRO PRIMO MINISTRO SULLA FIAT 500 SPIAGGINA GARAGE ITALIA DA ME CREATA...”

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE