ENTRO NATALE IL M5S AVRÀ UNA NUOVA LEADERSHIP COLLEGIALE. VITO CRIMI, A 6 GIORNI DALLA FINE DEGLI STATI GENERALI, SCEGLIE DI ACCELERARE SUL PERCORSO GIÀ PROGRAMMATO - IL PRIMO PASSO CI SARÀ GIÀ DOMANI QUANDO DAVIDE CASALEGGIO PRESENTERÀ UN PIANO DI AUTOFINANZIAMENTO, ULTIMA MOSSA DELLA GUERRA IN CORSO CONTRO GRAN PARTE DEGLI ELETTI...

-

Condividi questo articolo

Da “il Messaggero”

 

luigi di maio vito crimi luigi di maio vito crimi

Entro Natale il M5S avrà una nuova leadership. Una leadership collegiale. Il capo politico Vito Crimi, a 6 giorni dalla fine degli Stati Generali, sceglie di accelerare sul percorso già programmato per essere successivo al «congresso». Il primo passo ci sarà già domani quando Davide Casaleggio presenterà un piano di autofinanziamento, ultima mossa della guerra in corso contro gran parte degli eletti (che infatti non hanno per nulla gradito e annunciano altre barricate). Intanto, Crimi con i facilitatori del M5S, delegati a stilare il documento finale emerso dagli Stati Generali, sta organizzato le votazioni che dal 5 dicembre porteranno un nuovo programma, il cambio dello statuto e la nuova leadership.

luigi di maio vito crimi 1 luigi di maio vito crimi 1 DAVIDE CASALEGGIO LUIGI DI MAIO VITO CRIMI DAVIDE CASALEGGIO LUIGI DI MAIO VITO CRIMI

 

Condividi questo articolo

politica

ATTENTI, GHEDINI È NERVOSO! - “SUL SITO DAGOSPIA È APPARSO UN ARTICOLO DOVE SI PROSPETTA FALSAMENTE DI UN MIO ASSERITO INTERVENTO SULLA DECISIONE DEL PRESIDENTE BERLUSCONI IN MERITO AL VOTO SUL MES - È RISIBILE OLTRE CHE DIFFAMATORIO PROSPETTARE UNA MIA SUDDITANZA NEI CONFRONTI DEL SEN. SALVINI O UNA CONTRAPPOSIZIONE CON IL DR. LETTA - IL CONTINUO TENTATIVO DI CREARE DISSIDI ALL’INTERNO DI FORZA ITALIA PER EVIDENTEMENTE FAVORIRE ALTRI È DAVVERO DIVENUTO INTOLLERABILE E DIFFAMATORIO E AGIRÒ NELLE SEDI COMPETENTI”

LE MANI IN TASK (FORCE) – ENZINO AMENDOLA NON LO DICE CHIARAMENTE MA TRA LE RIGHE FA CAPIRE COSA PENSA DELLA CARICA DEI 300 TECNICI DI CONTE: “SERVE UN SOGGETTO ESECUTORE VELOCE, EFFICACE E CON NORME BEN CHIARE” – LA MAGGIORANZA LITIGA SUI 6 MANAGER CHE DOVRANNO GUIDARE I PROGETTI: IL PD VORREBBE PERSONALITÀ DI SPICCO PROVENIENTI DALLA GRANDE IMPRESA, PALAZZO CHIGI FRENA (NON BISOGNA OSCURARE IL RE SÒLA “GIUSEPPI”) – I MINISTERI BATTONO CASSA E HANNO GIÀ CHIESTO 600 MILIARDI, MA BISOGNA SCENDERE A 209