FRATELLI D'ITALIA, FIGLI DELLA DIRETTA - VIDEO: MENTRE GIORGIA MELONI PARLA, UN DIVERTENTE FUORI PROGRAMMA, CON LA FIGLIA CHE IRROMPE NELLA STANZA IN CUI LA DEPUTATA ERA IN COLLEGAMENTO CON ''STASERA ITALIA''. A UN CERTO PUNTO SI SENTE UN GRIDO E…

-

Condividi questo articolo

 

 

 

Enrico Chille per www.leggo.it

 

Un divertente fuori programma, quello di Giorgia Meloni, in collegamento con lo studio di Stasera Italia. Direttamente da casa, la leader di Fratelli d'Italia stava discutendo con i conduttori e con i due ospiti in studio, Maria Giovanna Maglie e Alfonso Pecoraro Scanio. Qualcosa, però, non è andato secondo i piani.

 

GIORGIA MELONI IN COLLEGAMENTO GIORGIA MELONI IN COLLEGAMENTO

 

Mentre Giorgia Meloni stava parlando in collegamento, all'improvviso si è sentito un grido provenire dalla casa della leader di FdI: si trattava della figlia, la piccola Ginevra, che reclamava, come ogni bambina, la presenza della mamma. Tra risate e imbarazzo, Giorgia Meloni è riuscita a concludere alla meno peggio il suo collegamento, per poi andare di corsa dalla figlia.

 

 

 

Il divertente e involontario siparietto a margine del collegamento di Giorgia Meloni in studio ha ricordato molto quanto accaduto sulla BBC due anni fa: l'esperto politologo Robert E. Kelly era in collegamento da casa con lo studio, quando i figli hanno fatto irruzione nella stanza, rimproverati dalla mamma che, nel tentativo di farli uscire, aveva causato ancora più trambusto, rendendo tragicomica la diretta in studio.

 

giorgia meloni giorgia meloni

 

Condividi questo articolo

politica

DAGLI 80 EURO AGLI 80 VOTI: LA FINACCIA DEL PD - A CAGLIARI FRANCESCA GHIRRA CHIEDE IL RICONTEGGIO: "CONSIDERATE LE 1.300 SCHEDE NULLE E LE OLTRE VENTI CONTESTATE, CI SONO SOLO 80 VOTI CHE CI SEPARANO DAL BALLOTTAGGIO", CHIARISCE GHIRRA, CHE ALLA FINE SI FERMERÀ AL 47,7%, INVITANDO IL VINCITORE TRUZZU ALLA PRUDENZA - LA REPLICA: "MA QUALE PRUDENZA, IL SITO DEL COMUNE SCRIVE CHE HO RAGGIUNTO IL 50,12%, NEL 2016 MASSIMO ZEDDA VINSE AL PRIMO TURNO COL 50,01 E NESSUNO SI POSE PROBLEMI"

“IL PROSSIMO PASSO DEL GOVERNO E’ IL SALARIO MINIMO” - LUIGI DI MAIO ACCELERA SULLA RETRIBUZIONE CHE RIGUARDA 3 MILIONI DI LAVORATORI SOTTOPAGATI - QUANDO SI TRATTA DI TIRARE FUORI I SOLDI, CONFINDUSTRIA VA IN TILT: “BISOGNA RIDURRE LE TASSE E I CONTRIBUTI, DETASSANDO I PREMI DI PRODUZIONE” - GARNERO, ECONOMICA OCSE: “IL SALARIO MINIMO E' INTERESSANTE, CON POTENZIALITA' E LIMITI. IN ITALIA I CONTRATTI COLLETTIVI NON SONO SEMPRE RISPETTATI: IL 12% DEI LAVORATORI E' SOTTOPAGATO…