FRATELLI DI TOTI – VI RICORDATE GIORGIA MELONI QUANDO, NEL MAGGIO 2018, PROMUOVEVA LA RIFORMA DEL PRESIDENZIALISMO USANDO COME ESEMPIO VIRTUOSO… GIOVANNI TOTI! – ALL’EPOCA LA PREMIER DICEVA: “DOVE LE COSE FUNZIONANO GIA’ ELEGGIAMO I NOSTRI PRESIDENTI. TOTI È UN TESTIMONIAL DELLA NOSTRA CAMPAGNA, IL MODELLO FUNZIONA” IL GOVERNATORE LIGURE VOLEVA ENTRARE IN FRATELLI D’ITALIA DOPO LE EUROPEE E ALLA VIGILIA DELLE REGIONALI IN LIGURIA PREVISTE NEL 2025...- VIDEO

-

Condividi questo articolo


Giacomo Salvini per “il Fatto quotidiano”

 

L’ex delfino di Berlusconi Giovanni Toti assieme alla premier Giorgia Meloni

TOTI MELONI 3 TOTI MELONI 3

Il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti, ai domiciliari da martedì con l’accusa di corruzione, aveva un piano A e un piano B per il suo futuro politico: il primo era un ingresso in Fratelli d’italia, il secondo un ritorno in grande stile in Forza Italia. Una prospettiva che si sarebbe dovuta concretizzare solo dopo le elezioni europee e alla vigilia delle regionali in Liguria previste nel 2025.

 

Le trattative con il partito di Giorgia Meloni sono andate avanti per mesi fino alla fine del 2023, ma è stata bloccata dalla premier e dai vertici di Fratelli d’italia, dicono due dirigenti di partito a conoscenza della questione ma non autorizzati a parlarne.

 

In alternativa, Toti non escludeva il grande ritorno in Forza Italia dopo aver tentato la scalata del partito da “delfino” di Silvio Berlusconi. L’accordo alle Europee con “Noi Moderati” andava proprio nella direzione di una riunificazione dei due partiti: d’altronde la creatura politica di Toti (“Cambiamo!”) si stava estinguendo e il governatore stava cercando una scialuppa politica.

 

TOTI MELONI TOTI MELONI

UN’IPOTESI, quella del suo ingresso in Fratelli d’italia, che è stata scartata in via della Scrofa. Toti e Meloni hanno mantenuto nel corso degli anni un buon rapporto e la Liguria era stata la prima regione visitata dalla premier nel suo tour in giro per l’italia per firmare gli accordi sulla Coesione e Sviluppo previsti dal Pnrr.

 

Il 19 marzo il governatore ha incontrato anche il ministro dell’agricoltura Francesco Lollobrigida e capo delegazione di Fratelli d’italia proprio al ministero insieme al coordinatore regionale Matteo Rosso. Nella dichiarazione dopo il faccia a faccia, Toti spiegava di aver parlato con Lollobrigida di “Liguria, agricoltura, prodotti tipici e del mare”. Non è chiaro se si sia parlato anche di questioni politiche. Sicuramente negli ultimi mesi, però, qualcosa con la premier Meloni e con Fratelli d’italia si era rotto: Toti ha criticato più volte il governo sul “no” al terzo mandato arrivando a ipotizzare “uno scontro istituzionale” con le

 

(...)

berlusconi meloni salvini toti berlusconi meloni salvini toti

 

 

NEL FRATTEMPO, però, si sta aprendo la partita sul suo successore. Al momento non c’è un nome “naturale” ed è proprio per questo che i partiti di maggioranza stanno prendendo tempo per evitare di andare subito al voto. Se Toti si dovesse dimettere, poi, le elezioni dovrebbero tenersi entro 60 giorni ma non è escluso un unico election day con Umbria e Emilia-romagna a novembre, dopo la candidatura (e l’elezione certa) di Stefano Bonaccini alle europee. Il tavolo di coalizione è fermo: aspettano tutti i nuovi sviluppi dell’inchiesta.

 

Ma se da una parte l’umbria andrà alla Lega con la riconferma di Donatella Tesei, FDI potrebbe rivendicare un suo nome sia per la Liguria che per l’emilia per iniziare a conquistare il Nord. Entrambi con figure civiche: sia perché in entrambe le Regioni la sfida è ardua, sia perché Fratelli d’italia non ha alcuna intenzione di cedere il Veneto alla Lega. Nella terra di Zaia si voterà nel 2025.

TOTI MELONI SALVINI TOTI MELONI SALVINI GIORGIA MELONI E GIOVANNI TOTI GIORGIA MELONI E GIOVANNI TOTI SALVINI MELONI TOTI SALVINI MELONI TOTI GIOVANNI TOTI GIORGIA MELONI GIOVANNI TOTI GIORGIA MELONI

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

GRANDE È LA CONFUSIONE SOTTO IL CIELO DI BRUXELLES: O IL QUINTETTO AL COMANDO, FORMATO DA MACRON, SCHOLZ, TUSK, SANCHEZ E MITSOTAKIS, TROVA UN ACCORDO IL 28 GIUGNO O SALTA TUTTO - IL BALLO DI SAN VITO SI GIOCA SUL NOME DI URSULA VON DER LEYEN. INVISA A UNA PARTE DEL PPE, CORRE IL RISCHIO DI ESSERE AFFONDATA DAL VOTO SEGRETO DEL PARLAMENTO - URGE AGGIUNGERE UN POSTO A TAVOLA. E QUI IL PPE SI SPACCA: ALLA CORRENTE DI WEBER, CHE VORREBBE IMBARCARE IL GRUPPO ECR GUIDATO DALLA REGINA DI COATTONIA, SI CONTRAPPONE LA CORRENTE DI TUSK. IL LEADER POLACCO CONTA IL MAGGIOR NUMERO DI PARLAMENTARI NEL PPE E ACCETTEREBBE SOLO I FRATELLI D’ITALIA. E PER MAGGIOR TRANQUILLITÀ, ANCHE I VOTI DEI VERDI, MA GIORGIONA NON CI STA - IL GUAZZABUGLIO SI INGROSSERÀ DOMANI, LUNEDÌ, CON L’INCONTRO DI UN IMBUFALITO ORBAN CON LA DUCETTA, REA DI AVER ARRUOLATO I RUMENI ANTI UNGHERESI DI AUR, E PRONTO A SALIRE SUL CARRO DI MARINE LE PEN - ALLA EVITA PERON DELLA GARBATELLA, CHE RISCHIA L’IRRILEVANZA POLITICA NELL’UNIONE EUROPEA, NON RESTA ALTRO CHE FAR SALTARE IL BANCO DEL 28 GIUGNO…

 

FLASH! - VIKTOR ORBÁN ASSUMERÀ IL 1° LUGLIO LA PRESIDENZA DI TURNO AL CONSIGLIO EUROPEO MA HA GIÀ FATTO INCAZZARE MEZZO CONTINENTE: IL MOTTO SCELTO DAL PREMIER UNGHERESE È MEGA (‘’MAKE EUROPE GREAT AGAIN’’). UN'EVIDENTE RIFERIMENTO AL MANTRA MAGA (‘’MAKE AMERICA GREAT AGAIN’’) CHE DA ANNI MARCHIA LE CAMPAGNE ELETTORALI DI DONALD TRUMP – NON BASTA: SFANCULATA LA DUCETTA PRO-KIEV, IL FILO PUTINIANO ORBAN MINACCIA DI ENTRARE NEL GRUPPO DI LE PEN-SALVINI – ASPETTANDO IL CAOS-ORBAN A PARTIRE DA LUGLIO, MACRON-SCHOLZ-TUSK VOGLIONO CHIUDERE LE NOMINE DELLA COMMISSIONE EU ENTRO IL 28 GIUGNO…

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)

C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…