DAI, GIORGETTI: FUORI I CABASISI! - IL G7 DEI MINISTRI FINANZIARI RIBADISCE L’IMPEGNO A SOSTENERE L’UCRAINA E FA UN PASSO IN AVANTI: SPINGE PER USARE GLI ASSET RUSSI CONGELATI IN OCCIDENTE PER FINANZIARE KIEV (PER LA RICOSTRUZIONE SERVIRANNO 486 MILIARDI DI DOLLARI IN DIECI ANNI) - E IL NOSTRO MINISTRO DELL’ECONOMIA, ORA CHE L’ITALIA HA LA PRESIDENZA DEL G7 E POTREBBE INTESTARSI LA MOSSA, FA IL CACADUBBI PARLANDO DI “COMPITO DELICATISSIMO”

-

Condividi questo articolo


giancarlo giorgetti giancarlo giorgetti

G7, LAVORIAMO A STRADE PER USO ASSET RUSSI IMMOBILIZZATI

(ANSA) - WASHINGTON, 17 APR - Il G7 resta "impegnato a sostenere" l'Ucraina e continuerà "a lavorare su tutte le possibili strade in cui gli asset congelati della Russia potrebbero essere usati a sostegno" di Kiev "in linea con la legge internazionale e i nostri rispettivi sistemi legali". Lo afferma il G7 dei ministri finanziari e dei governatori delle banche centrali che si è riunito a Washington a margine dei lavori del Fondo Monetario Internazionale.

 

Il G7 resta "unito nella condanna" della guerra della Russia contro l'Ucraina e chiede a Mosca di mettervi fine, rimuovendo così una grande incertezza sulle prospettive economiche globale, si legge nel comunicato del G7 dei ministri finanziari e dei governatori delle banche centrali.

 

lavrov putin lavrov putin

"Restiamo fortemente impegnati ad aiutare l'Ucraina a soddisfare i suoi bisogni di finanziamento nel breve termine", prosegue la nota in cui il G7 si impegna a rafforzare gli sforzi per aiutare Kiev con le sue "necessità finanziarie del 2024". "Ribadiamo il nostro impegno a sostenere la ripresa di lungo termine dell'Ucraina e le necessità per la ricostruzione, che la Banca Mondiale attualmente stima in circa 486 miliardi di dollari in dieci anni", aggiunge il G7 dando il "benvenuto alle proposte europee di dirigere le entrate straordinarie derivanti dagli asset della Russia immobilizzati a beneficio dell'Ucraina".

GIANCARLO GIORGETTI - PRESENTAZIONE DEF 2024 GIANCARLO GIORGETTI - PRESENTAZIONE DEF 2024

 

GIORGETTI, ASSET RUSSI CONGELATI 'COMPITO DELICATISSIMO' PER LA PRESIDENZA ITALIANA DEL G7

(ANSA) - WASHINGTON, 17 APR - Il G7 dei ministri finanziari e dei governatori delle banche centrali, riunitosi a Washington, ha discusso a porte chiuse degli asset russi congelati. Un argomento che - afferma il ministro dell'economia Giancarlo Giorgetti - vede la presidenza italiana alle prese con un "compito delicatissimo".

 

G7, STRETTO COORDINAMENTO PER OGNI FUTURA MISURA SU IRAN

PROTESTE CONTRO ISRAELE E USA IN IRAN PROTESTE CONTRO ISRAELE E USA IN IRAN

(ANSA) - WASHINGTON, 17 APR - "Ribadiamo la condanna all'attacco senza precedenti contro Israele da parte dell'Iran. Assicureremo il massimo coordinamento su ogni futura misura che riduca la capacità dell'Iran di acquisire, produrre o trasferire armi". Lo afferma il G7 dei ministri finanziari e dei governatori delle banche centrali, che si dice "preoccupato per la crisi a Gaza dopo l'attacco terroristico di Hamas contro Israele del 7 ottobre. Continueremo a lavorare per consegnare più aiuti umanitari ai palestinesi".

 

giancarlo giorgetti foto mezzelani gmt 053 giancarlo giorgetti foto mezzelani gmt 053

GIORGETTI, DA G7 PIENO E CONVINTO SOSTEGNO ALL'UCRAINA

 (ANSA) - WASHINGTON, 17 APR - "I paesi del G7 hanno rinnovato pieno, condiviso e convinto sostegno all'Ucraina, rinnovando la fiducia nel Paese che sarà in grado di superare le difficoltà". Lo ha detto il ministro dell'Economia Giancarlo Giorgetti al termine della prima sessione dei lavori del G7 interministeriale nell'ambito delle riunioni del Fondo Monetario Internazionale. Giorgetti ha invitato il ministro delle finanze ucraino Sergii Marcenko, presente alla riunione, anche al G7 finanziario che si terrà a Stresa dal 23 al 25 maggio.

 

G7, ECONOMIA RESILIENTE, BANCHE CENTRALI PER STABILITÀ PREZZI

 (ANSA) - WASHINGTON, 17 APR - "L'economia mondiale si è mostrata resiliente di fronte agli shock. Nonostante questo le prospettive di crescita restano sotto la media storica. In linea con i loro rispettivi mandati, le banche centrali restano impegnate a centrare la stabilità dei prezzi e continueranno a calibrare le loro politiche" sulla base dei dati. Lo afferma il G7 dei ministri finanziari e dei governatori delle banche centrali.

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)

DAGOREPORT - RINNEGANDO LE SVASTICHELLE TEDESCHE DI AFD, MARINE LE PEN SPERAVA DI NON ESSERE PIU' DISCRIMINATA DAGLI EURO-POTERI: MA CONTRO DI LEI C’È MACRON, CHE LA DETESTA - IL TOYBOY DELL’ELISEO HA LA LEADERSHIP DELL'UNIONE EUROPEA E DARÀ LE CARTE DOPO IL 9 GIUGNO. INSIEME CON SCHOLZ E IL POLACCO TUSK NON VUOLE LE DESTRE TRA LE PALLE: UNA SCHICCHERA SULLE RECCHIE DI GIORGIA MELONI, CHE, CON LA SUA ECR, SARÀ IRRILEVANTE E DOVRA' ACCONTENTARSI, AL PARI DI LE PEN, DI UN COMMISSARIO DI SERIE B – LA FUSIONE A FREDDO TRA GLI “IDENTITARI” DI LE PEN E I “CONSERVATORI” DELLA “SÒLA GIORGIA” POTREBBE AVVENIRE, MA SOLO DOPO LE ELEZIONI EUROPEE. MA TRA LE DUE CI SONO SOLO OPPORTUNISMI