GIORGIA, WHO ARE YOU? – LA VISITA ALLA CASA BIANCA DELLA MELONI INCURIOSISCE I GIORNALI AMERICANI – IL RITRATTO DEL “WASHINGTON POST”, TRA LUCI E OMBRE: “LA STAR DELL’ESTREMA DESTRA, AGGRESSIVA CON I GIORNALISTI DI SINISTRA IN RAI” (VEDI IL CASO SAVIANO) – LA DUCETTA HA IN PROGRAMMA UN’INTERVISTA A UN MEDIA STATUNITENSE, PER FARSI CONOSCERE MEGLIO E RASSICURARE L’OPINIONE PUBBLICA OLTREOCEANO...

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Ilario Lombardo per www.lastampa.it

 

articolo del washington post su giorgia meloni articolo del washington post su giorgia meloni

L’arrivo a Washington di Giorgia Meloni incuriosisce non poco gli americani e i giornali, di solito non così attenti alla visita di un premier italiano. «La star dell’estrema destra» titola il Washington post, in un lungo articolo di presentazione su chi sia questa leader cresciuta in una fucina politica post-fascista e divenuta leader dei Conservatori europei, sostenitrice del patto atlantico e della resistenza ucraina contro l’invasione russa.

 

Proprio per farsi conoscere meglio e dare un’immagine più rassicurante di sé all’opinione pubblica Usa, la premier ha in programma un’intervista con una testata statunitense.

 

GIORGIA MELONI ATTERRA A WASHINGTON GIORGIA MELONI ATTERRA A WASHINGTON

[…] il quotidiano del Watergate si sofferma anche su aspetti più controversi, atteggiamenti tipici dei leader sovranisti e populisti di destra. Sulla difesa dei diritti Lgbtq, sulla consapevolezza e la convinzione della lotta al cambiamento climatico e sul rapporto con i giornalisti.

 

Non c’è il nome di Roberto Saviano, lo scrittore epurato dalla televisione pubblica, ma nell’articolo si fa riferimento al fatto che «il governo Meloni è accusato di aggressive campagne contro i giornalisti di sinistra in Rai» e «ha fatto causa ad altri giornalisti». […]

 

GIORGIA MELONI ATTERRA A WASHINGTON GIORGIA MELONI ATTERRA A WASHINGTON

È vero, come fa notare il Washington post, che, grazie al sostegno incondizionato alla causa ucraina, Meloni è «entrata nel club ristretto dei leader di estrema destra invitati alla Casa Bianca da Joe Biden», (a differenza del brasiliano Jair Bolsonaro o dell’ungherese Viktor Orban), ma restano comunque le distanze con il presidente americano.

 

[…]

 

L’insofferenza al limite del disprezzo verso i media e il ruolo di quarto potere è un ricordo vivo della presidenza repubblicana di Donald Trump, punto di riferimento di Meloni per anni. Oggi la premier nello Studio Ovale troverà ad accoglierla il democratico Biden. La risposta che ieri, a domanda diretta, è stata fornita dal portavoce dell’amministrazione Usa è indicativa di quanto i principi siano diversi: «Gli Stati Uniti non sono mai timidi quando si tratta di affrontare questioni legati a diritti umani, civili e libertà d’espressione».

giorgia meloni joe biden g20 3 giorgia meloni joe biden g20 3 JOE BIDEN E GIORGIA MELONI JOE BIDEN E GIORGIA MELONI

giorgia meloni 1 giorgia meloni 1 giorgia meloni 2 giorgia meloni 2

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DOVE ABBIAMO GIÀ VISTO LA VERSIONE SPECIALE DELLA FIAT 500 CON CUI GIORGIA MELONI È ARRIVATA SUL PRATO DI BORGO EGNAZIA? È UN MODELLO SPECIALE REALIZZATO DA LAPO ELKANN E BRANDIZZATO “GARAGE ITALIA”. LA PREMIER L’HA USATA MA HA RIMOSSO IL MARCHIO FIAT – A BORDO, INSIEME ALLA DUCETTA, L’INSEPARABILE PATRIZIA SCURTI E IL DI LEI MARITO, NONCHÉ CAPOSCORTA DELLA PREMIER – IL POST DI LAPO: “È UN PIACERE VEDERE IL NOSTRO PRIMO MINISTRO SULLA FIAT 500 SPIAGGINA GARAGE ITALIA DA ME CREATA...”

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE