“LA CALABRIA HA UN CUORE, VOI NO” – GIORGIA MELONI E I MINISTRI SONO STATI ACCOLTI, A CUTRO, DA UN GRUPPO DI MANIFESTANTI, CHE HANNO LANCIATO PELUCHE CONTRO LE LORO AUTO, IN MEMORIA DEI BIMBI MORTI NEL NAUFRAGIO DI DUE SETTIMANE FA – IL GOVERNO HA APPROVATO IL DECRETO LEGGE CON LA STRETTA SUGLI SCAFISTI E NUOVE NORME SUI FLUSSI MIGRATORI. LA PREMIER NON ANDRÀ AL PALASPORT CHE OSPITA LE BARE DEI NAUFRAGHI…

-

Condividi questo articolo


 

 

 

Estratto da www.repubblica.it

 

protesta contro il consiglio dei ministri a cutro protesta contro il consiglio dei ministri a cutro

Il governo ha approvato il decreto legge che prevede la stretta sugli scafisti e nuove norme sul flussi migratori presentato nel Consiglio dei ministri a Cutro, cittadina in provincia di Crotone dove è avvenuto il naufragio dello scorso 26 febbraio che ha provocato 72 vittime accertate.

 

Un Cdm durato circa un'ora e contestato dalle urla "vergogna", "assassini" gridate dai manifestanti in piazza, che hanno lanciato peluche contro le auto di Meloni e dei ministri Salvini e Tajani. Sempre a Cutro sono comparse scritte contro il ministro dell'Interno Matteo Piantedosi, poi subito cancellate.

 

giorgia meloni consiglio dei ministri a cutro giorgia meloni consiglio dei ministri a cutro

Ma le contestazioni in piazza proseguono. Fonti di Palazzo Chigi rivelano a Repubblica che Meloni non andrà al palazzetto dello sport di Crotone che ospita le bare dei naufraghi. La Germania si è detta "pronta a redistribuire i superstiti". Parigi apre ai cambiamenti delle regole di Dublino, ma chiede all'Italia maggiore impegno. Intanto, le opposizioni alla Camera hanno abbandonato la commissione Affari costituzionali dove si discuteva la proposta di legge della Lega che vorrebbe ripristinare tutti i decreti sicurezza di Salvini.

 

Dl migranti, salta norma sulla sorveglianza marittima

giorgia meloni antonio tajani matteo salvini consiglio dei ministri a cutro giorgia meloni antonio tajani matteo salvini consiglio dei ministri a cutro

E' saltata, secondo quanto apprende l'Ansa da diverse fonti, la norma comparsa nelle prime bozze del decreto migranti che puntava a rafforzare la sorveglianza marittima, con un ruolo di primo piano della marina militare. La misura era stata proposta e discussa durante il preconsiglio ma, secondo quanto viene riferito, il Cdm ha deciso di cassare la norma.

 

[…] A Tajani cittadinanza onoraria di Cutro

A Cutro per partecipare al consiglio dei ministri, il vice premier e ministro degli Esteri Antonio Tajani ha ricevuto la cittadinanza onoraria dal comune del crotonese. Un antenato del titolare della Farnesina, Diego Tajani, magistrato antimafia e ministro della Giustizia alla fine del 1800, era infatti nato a Cutro. A consegnare la cittadinanza il sindaco di Cutro Antonio Ceraso.

 

CONSIGLIO DEI MINISTRI A CUTRO - VIGNETTA BY GIANNELLI CONSIGLIO DEI MINISTRI A CUTRO - VIGNETTA BY GIANNELLI

[…] Meloni scopre targa in ricordo vittime Cutro

Riporta le parole di Papa Francesco contro i trafficanti la targa che la premier Giorgia Meloni ha svelato nell'atrio del comune di Cutro e dinanzi alla quale ha deposto una corona di fiori.

 

"I trafficanti di esseri umani siano fermati, non continuino a disporre della vita di tanti innocenti! I viaggi della speranza non si trasformino mai più in viaggi della morte. Le limpide acque del Mediterraneo non siano più insanguinate da tali drammatici incidenti.", le parole del Papa pronunciate nell'Angelus di domenica scorsa."L'Italia onora la memoria delle vittime del naufragio del 26 febbraio 2023, si unisce al dolore delle loro famiglie e dei loro cari. Il governo rinnova il suo massimo impegno per contrastare la tratta di esseri umani, per tutelare la dignità delle persone e per salvare le vite umane"', si legge sulla targa.

matteo salvini consiglio dei ministri a cutro matteo salvini consiglio dei ministri a cutro

 

[…] Esposto di 40 associazioni a Procura Crotone: "Fare chiarezza sul naufragio"

Oltre 40 associazioni della società civile italiana ed europea hanno presentato un esposto collettivo alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Crotone per chiedere di fare luce sul naufragio di domenica scorsa a Steccato di Cutro, costato la vita ad almeno 72 persone, tra cui molti bambini.

 

PALASPORT DI CROTONE BARE VITTIME NAUFRAGIO PALASPORT DI CROTONE BARE VITTIME NAUFRAGIO

"Davanti a così tanti morti e chissà quanti dispersi, è doveroso fare chiarezza" dichiarano le organizzazioni tra cui Emergency, Sos Mediterranee e Legambiente. "Vogliamo dare il nostro contributo all'accertamento dei fatti, non ci possono essere zone grigie su eventuali responsabilità nella macchina dei soccorsi", aggiungono. Le associazioni, infine, rinnovano il loro appello all'Italia e all'Europa: "Per ridurre drasticamente il rischio di nuove tragedie è necessario mettere in piedi al più presto un sistema di ricerca e soccorso in mare adeguato e proattivo".

naufragio di migranti a steccato di cutro, crotone naufragio di migranti a steccato di cutro, crotone

 

Cutro, bloccato il trasferimento di due salme perchè il Comune è chiuso per il Cdm

Due salme pronte al trasferimento in Germania sono bloccate perché il Comune di Cutro è chiuso per il Consiglio dei ministri e gli uffici, come apprende l'Adnkronos, non possono emettere il certificato di morte. Le due bare erano già nei carri funebri per raggiungere Monaco, ma la mancanza dei certificati ha bloccato tutto. Adesso i familiari stanno cercando una soluzione. Ma, con ogni probabilità, dovranno aspettare domani mattina.

 

[…] Grida 'vergogna' e 'assassini': la protesta dei manifestanti a Cutro, 'not in my name'

"Not in my name": sono i cartelli che un gruppo di manifestanti ha sollevato all'arrivo dei ministri a Cutro per il Consiglio dei ministri dedicato al nuovo pacchetto sull'immigrazione. Verso le auto con a bordo gli esponenti del governo i manifestanti hanno urlato "vergogna" e "assassini" e hanno lanciato diversi pupazzi di peluche.

carlo nordio matteo piantedosi consiglio dei ministri a cutro carlo nordio matteo piantedosi consiglio dei ministri a cutro

 

Proteste in piazza a Cutro: peluche per bimbi morti contro l'auto di Meloni e ministri Salvini e Tajani

Proteste in piazza, a Cutro, in provincia di Crotone, dove a breve si terrà il Consiglio dei ministri. Alcuni manifestanti hanno lanciato peluche in memoria dei bimbi morti nel naufragio contro le auto di Meloni e dei minsitri Salvini e Tajani. In strada, a protestare, i Si Cobas e i collettivi universitari di Cosenza. Esposto anche uno striscione con la scritta "Non nel nostro nome" e "La Calabria ha un cuore voi no". […]

protesta contro il consiglio dei ministri a cutro protesta contro il consiglio dei ministri a cutro naufragio di migranti a steccato di cutro, crotone 1 naufragio di migranti a steccato di cutro, crotone 1 antonio tajani matteo salvini consiglio dei ministri a cutro antonio tajani matteo salvini consiglio dei ministri a cutro cadaveri di migranti morti nel naufragio a steccato di cutro, crotone cadaveri di migranti morti nel naufragio a steccato di cutro, crotone matteo piantedosi consiglio dei ministri a cutro matteo piantedosi consiglio dei ministri a cutro naufragio di migranti a steccato di cutro, crotone naufragio di migranti a steccato di cutro, crotone sacerdote davanti alle salme del naufragio di migranti a steccato di cutro, crotone sacerdote davanti alle salme del naufragio di migranti a steccato di cutro, crotone antonio tajani consiglio dei ministri a cutro antonio tajani consiglio dei ministri a cutro protesta contro il consiglio dei ministri a cutro 2 protesta contro il consiglio dei ministri a cutro 2 gennaro sangiuliano daniela santanche consiglio dei ministri a cutro gennaro sangiuliano daniela santanche consiglio dei ministri a cutro

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT – DOPO LE EUROPEE, NULLA SARÀ COME PRIMA! LA LEGA VANNACCIZZATA FA PARTIRE IL PROCESSO A SALVINI: GOVERNATORI E CAPIGRUPPO ESCONO ALLO SCOPERTO E CHIEDONO LA DATA DEL CONGRESSO – CARFAGNA E GELMINI VOGLIONO TORNARE ALL’OVILE DI FORZA ITALIA MA TAJANI DICE NO – CALENDA VORREBBE TORNARE NEL CAMPO LARGO, MA ORMAI SI È BRUCIATO (COME RENZI) – A ELLY NON VA GIÙ RUTELLI: MA LA VITTORIA DEL PD È MERITO DEI RIFORMISTI DECARO,BONACCINI, GORI, RICCI, CHE ORA CONTERANNO DI PIÙ – CONTE NON SI DIMETTE MA PATUANELLI VUOLE ACCOMPAGNARLO ALL’USCITA