“UN DILETTANTE ALLO SBARAGLIO” - SALLUSTI AZZANNA CROSETTO DOPO CHE IL MINISTRO AVEVA ANNUNCIATO QUERELA PER IL TITOLO DEL "GIORNALE" (“INCHIESTA SU CROSETTO”): “HA PENSATO CHE FOSSE UN AGGUATO E HA DATO FUORI DI TESTA. IN QUANTO AI MANDANTI TRANQUILLIZZO IL MINISTRO: IL SOLO IPOTIZZARLO, OLTRE CHE SINTOMO DI SCARSA LUCIDITÀ, È DA QUERELA. NON SIAMO STRUMENTI DI NESSUN COMPLOTTO. CROSETTO FACCIA PURE TUTTE LE QUERELE CHE VUOLE, NE HA DIRITTO (NON SIAMO PIANGINA COME SAVIANO) MA SCENDA TRA NOI MORTALI NON INFALLIBILI, NE VA DEL PRESTIGIO DELLO STATO E DELLA SUA SALUTE...." - L'EDITORE DEL GIORNALE ANTONIO ANGELUCCI, DEPUTATO LEGHISTA, VA A TROVARE CROSETTO

Condividi questo articolo


Alessandro Sallusti per il Giornale - Estratti

 

ALESSANDRO SALLUSTI ALESSANDRO SALLUSTI

Guido Crosetto è un ottimo ministro della Difesa e una brava persona. Punto. È che come tutte le persone di carattere ha un pessimo carattere aggravato dal fatto che da oltre un anno vive in un mondo, quello del potere reale, dove l’intrigo, il trabocchetto e il doppiogiochismo sono all’ordine del giorno.

 

Così succede che interpreta il nostro titolo di ieri come un agguato e dà letteralmente fuori di testa, tipo dilettante allo sbaraglio. Il titolo era: «Inchiesta su Crosetto», sintesi in effetti estrema me ne assumo tutta la responsabilità della notizia che la Procura della Repubblica di Roma ha aperto una inchiesta, al momento contro ignoti, sulle frasi che Crosetto, come si evince chiaramente dal nostro articolo, affidò giorni fa al Corriere della Sera circa un presunto complotto di una parte della magistratura contro il governo.

INCHIESTA SU CROSETTO - PRIMA PAGINA DEL GIORNALE - 7 DICEMBRE 2023 INCHIESTA SU CROSETTO - PRIMA PAGINA DEL GIORNALE - 7 DICEMBRE 2023

 

Crosetto è stato ascoltato dai magistrati per oltre un’ora, non sappiamo che cosa abbia detto né che piega sta prendendo l’inchiesta, non sappiamo insomma se Crosetto l’ha sparata grossa, se il Corriere ha travisato il suo pensiero (come lui ha sostenuto pur non querelando) o se ci sono elementi concreti.

 

Bene, Crosetto non è che ci ha chiamato per lamentarsi o chieder spiegazioni di quella sintesi. No, ha diramato una nota in cui annuncia querela e ipotizza che il Giornale abbia dei mandanti che ce l’hanno con lui. In quanto ai mandanti tranquillizzo il ministro: né io, né la redazione, tantomeno l’editore è al servizio di qualcuno e il solo ipotizzarlo, oltre che sintomo di scarsa lucidità è, questo sì, da querela (aggiungo che personalmente sono bravissimo a sbagliare da solo). In quanto alla querela, beh è la conferma che il potere rende arroganti, ma soprattutto irriconoscenti che è cosa assai più grave.

guido crosetto alla camera 1 guido crosetto alla camera 1

 

(...) rimanga agli atti che non siamo strumenti di nessun complotto.

Faccia pure, il ministro, tutte le querele che vuole, ne ha diritto (non siamo piangina come Saviano) ma scenda tra noi mortali non infallibili, ne va del prestigio dello Stato e della sua salute.

 

GIUSTIZIA, CROSETTO TORNERÀ IN AULA E ATTACCA: IO SAREI INDAGATO? QUERELO

Paola Di Caro per il Corriere della Sera - EStratti

 

alessandro sallusti - e sempre carta bianca alessandro sallusti - e sempre carta bianca

(...)

Il titolo di ieri del Giornale ha fatto infuriare Crosetto: dava notizia di un’indagine aperta su di lui, mentre il ministro è stato solo sentito come persona informata dei fatti dalla Procura di Roma nell’ambito dell’apertura di un fascicolo «Atti relativi» — ancor nessun indagato e ancora nessuna ipotesi di reato — dopo la sua intervista al Corriere , per verificare se ci sia effettivamente materia per andare più a fondo.

 

Il ministro è esploso in una nota: «Mercoledì ho avuto un incontro con il procuratore capo di Roma, cordiale e istituzionale, nel quale abbiamo parlato del tema da me sollevato nell’intervista al Corriere della Sera ». Ma Il Giornale «inventa di sana pianta un titolo gravemente diffamatorio, totalmente falso, costruito evidentemente con il solo intento di infangare». Poi, un crescendo: «Un atto gravissimo per il quale ho dato immediatamente mandato di denunciare in ogni sede possibile», perché «non si può trattare di un errore», ma piuttosto di «chiara volontà di mistificare la realtà e trasmettere un messaggio, lo ripeto, tanto diffamatorio quanto falso, inaccettabile». E l’affondo finale: «Non posso ora esimermi dal capirne la ratio e soprattutto i mandanti».

guido crosetto alla camera 5 guido crosetto alla camera 5

 

Crosetto è convinto che ci sia una manovra contro di lui: «Una cosa così deve avere un motivo, nulla è casuale. Su un giornale che dovrebbe essere “amico”, sempre garantista, non può essere che per “errore” esca una cosa così...», dice ai suoi. Non fa nomi e cognomi, certo nota che Il Giornale è di proprietà di Antonio Angelucci, deputato leghista. Il quale ieri è salito fino al suo ufficio al ministero della Difesa per spiegare che lui non ne sapeva niente. Anche con il direttore Alessandro Sallusti ci sono stati contatti, ma non sono serviti a ritirare la querela: «Mi sembra — dice il giornalista — che il ministro sia molto nervoso e quando uno è nervoso perde la lucidità. Il titolo è una sintesi, l’inchiesta è sulle parole di Crosetto, non su Crosetto».

 

(...)

antonio angelucci e yosdanka fumero foto di bacco antonio angelucci e yosdanka fumero foto di bacco

 

LA VERSIONE DI GIORGIA - ALESSANDRO SALLUSTI INTERVISTA GIORGIA MELONI - ED RIZZOLI LA VERSIONE DI GIORGIA - ALESSANDRO SALLUSTI INTERVISTA GIORGIA MELONI - ED RIZZOLI guido crosetto alla camera 2 guido crosetto alla camera 2 alessandro sallusti e antonio tajani alla versiliana alessandro sallusti e antonio tajani alla versiliana

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…

DAGOREPORT! - IL VENTO STA CAMBIANDO? A OTTOBRE, SI RITORNA ALLE URNE? SALVINI MOLLA MELONI? - DELIRIO PER I SONDAGGI CHOC DELLE REGIONALI IN SARDEGNA: ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, AVREBBE DUE PUNTI DI VANTAGGIO SUL MELONIANO TRUZZU - IN VISTA DELLE EUROPEE, UNA SCONFITTA SAREBBE UN PESSIMO SEGNALE PER LA MELONA - SALVINI AL MURO: SE LA LEGA VA SOTTO L’8%, POTREBBE TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO - IN CASO DI CRISI, NESSUN GOVERNO TECNICO: SI VOTA SUBITO, A SETTEMBRE/OTTOBRE. LA MELONA VUOLE CAPITALIZZARE IL CONSENSO, PRIMA DELL'ARRIVO DELLA CRISI ECONOMICA - RESO INERTE TAJANI, PER GOVERNARE, LA DUCETTA HA BISOGNO DI UNA LEGA DESALVINIZZATA - E NON È DETTO CHE IL CAPITONE RIMANGA AL SUO POSTO: LA BASE ELETTORALE DEL CARROCCIO HA UN DNA MODERATO E PRAGMATISTA, E NE HA PIENE LE PALLE DELLA POLITICA DESTRORSA, AFFOLLATA DI LE PEN E NAZISTOIDI. I FEDRIGA, I ZAIA, I FONTANA, I GIORGETTI SONO LEGHISTI BEN COMPATIBILI CON GIORGIA “FASCIO TUTTO IO!”. E’ SALVINI CHE SI È ESTREMIZZATO

DAGOREPORT! FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI. ALESSANDRA TODDE, CANDIDATA DI SCHLEIN+CONTE, RAGGIUNGE IL 45% MENTRE PAOLO TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI, SI DEVE ACCONTENTARE DEL 42,5%. SEMPRE A SINISTRA, RENATO SORU, CON LA SUA 'COALIZIONE SARDA’, INTASCA L'11,2% - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER IL FATIDICO “CAMPOLARGO” PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ NAZIONALE-. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? “IO SO’ GIORGIA” HA QUASI DEL TUTTO CASSATO L’IDEA SULLA SUA CANDIDATURA ALLE EUROPEE. FRATELLI D'ITALIA CHE NON SUPERA IL 30% CON LA LEADER IN CAMPO SAREBBE VISSUTO ALLA STREGUA DI UN CLAMOROSO FLOP