“DUCIONA” SHOW: “ECCO QUA, MI ATTACCO ALLA BOTTIGLIA” – LA NUOVA PERFORMANCE DI ALESSANDRA MUSSOLINI AL PARLAMENTO EUROPEO: TRINCA DA UNA BOTTIGLIA DI VINO PER PROTESTARE CONTRO GLI IRLANDESI CHE HANNO MESSO ETICHETTE SPECIALI SUGLI ALCOLICI – EVIDENTEMENTE, TRA LA CARRIERA NEL MONDO DELLO SPETTACOLO E QUELLA DA EUROPARLAMENTARE, HA SCELTO DI NON SCEGLIERE… - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Estratto dell’articolo di Marco Bresolin per www.lastampa.it

alessandra mussolini si attacca alla bottiglia 1 alessandra mussolini si attacca alla bottiglia 1

 

Alla fine del 2020, dopo aver mancato l’elezione al Parlamento Ue alle Europee dell’anno precedente, Alessandra Mussolini aveva annunciato l’addio alla politica per dedicarsi a tempo pieno all’altra sua grande passione: il mondo dello spettacolo. Ballando con le stelle, Il cantante mascherato, Tale e quale show, Nudi per la vita.

 

Ma poi, nel novembre 2022, si è ripresentata la grande occasione: tornare al Parlamento europeo per sostituire Antonio Tajani, diventato ministro degli Esteri. A quel punto Alessandra Mussolini si è trovata di fronte a un bivio: sfruttare il ripescaggio per riprendere la ripudiata carriera politica oppure restare sul palcoscenico. Lei ha scelto entrambe: sì all’incarico e allo stipendio da europarlamentare, ma senza rinunciare al mondo dello spettacolo. Non più sulla pista da ballo, ma nei corridoi del Parlamento Ue. Comunque sempre davanti alle telecamere.

ALESSANDRA MUSSOLINI CON L'ASSORBENTE PER PAOLO GENTILONI ALESSANDRA MUSSOLINI CON L'ASSORBENTE PER PAOLO GENTILONI

 

[…] Come all’inizio di febbraio, quando ha scritto e interpretato davanti alle telecamere la sceneggiatura dell’eurodeput? indignat? perché il passaporto assegnato ai parlamentari impone loro di indicare “uomo” o “donna”, senza possibilità di mettere “altro”. E lei, che negli ultimi anni ha dichiarato di sentirsi fluida, ha stracciato la richiesta.

 

ALESSANDRA MUSSOLINI CON L'ASSORBENTE PER PAOLO GENTILONI ALESSANDRA MUSSOLINI CON L'ASSORBENTE PER PAOLO GENTILONI

Un mese dopo, […] ha invece rincorso il commissario Paolo Gentiloni nella sala stampa della Commissione europea […] per consegnargli un assorbente con un’evidente scritta di colore rosso. Un gesto per chiedere “all’Europa” di azzerare l’Iva sui prodotti per l’igiene femminile. Anche se in realtà, nell’aprile del 2022, la Commissione europea aveva presentato una direttiva che prevede proprio la possibilità di azzerare l’Iva sugli assorbenti. La richiesta, dunque, ora andrebbe fatta a Roma.

alessandra mussolini si attacca alla bottiglia 3 alessandra mussolini si attacca alla bottiglia 3

 

Oggi è andato in scena il terzo atto del Mussolini-show, l’ultimo fotogramma di un B-movie sempre più trash, con l’eurodeputata attaccata a una bottiglia di vino alle 10 del mattino. L’ennesima sceneggiata per protestare contro quei sovranisti dell’Irlanda che hanno deciso di fare i padroni a casa loro e di mettere etichette speciali sui prodotti alcolici.

alessandra mussolini si attacca alla bottiglia 2 alessandra mussolini si attacca alla bottiglia 2

 

La fotografia che la ritrae sta diventando virale in Rete probabilmente non aiuterà il Parlamento europeo a recuperare l’immagine di istituzione seria dopo la macchia del Qatargate. […]

alessandra mussolini si attacca alla bottiglia 4 alessandra mussolini si attacca alla bottiglia 4 alessandra mussolini foto mezzelani gmt 012 alessandra mussolini foto mezzelani gmt 012

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - PRIMA DI RISPOLVERARE SECCHIELLI E PALETTE, SLIP E TANGA, IL GOVERNO DUCIONI DEVE SBROGLIARE QUEL CUBO DI RUBIK CATODICO CHE SI CHIAMA RAI. LA FIAMMA TRAGICA È TUTTA D’ACCORDO DI METTERE L’EX “GABBIANO” GIAMPAOLO ROSSI SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO, AL POSTO DI ROBERTO SERGIO CHE NON CE L’HA FATTA A VINCERE LA DIFFIDENZA TOTALE VERSO GLI “ESTRANEI” DI VIA DELLA SCROFA - MA IL VERO ROMPICOJONI DI GIORGIA È SEMPRE LUI: MATTEO SALVINI CHE TEME DI RESTARE FUORI DALLA SPARTIZIONE TRA FDI, CON ROSSI SULLA POLTRONA DI AD, E FORZA ITALIA CON SIMONA AGNES ALLA PRESIDENZA. OVVIAMENTE NON HANNO NESSUNA INTENZIONE DI DARE AL CARROCCIO LA POLTRONA DI DIRETTORE GENERALE, SULLA QUALE STA SEDUTO ORA ROSSI...

DAGOREPORT - LUGLIO SI CONFERMA IL MESE PIÙ CRUDELE PER IL FASCISMO DI IERI (25 LUGLIO, LA CADUTA DEL DUCE) E PER IL POST-FASCISMO DI OGGI (18 LUGLIO, L’EURO-CAPITOMBOLO DELLA DUCETTA) - IL "NO" A URSULA VON DER LEYEN SEGNA LO SPARTIACQUE DEL GOVERNO MELONI NON SOLO IN EUROPA MA ANCHE IN CASA: SI TROVERÀ CONFICCATA NEL FIANCO NON UNA BENSÌ DUE SPINE. OLTRE ALL'ULTRA' SALVINI, S'AVANZA UNA FORZA ITALIA CON VOLTI NUOVI, NON PIÙ SUPINA MA D’ATTACCO, CHE ''TORNI AD ESSERE RIFERIMENTO DEI TANTI MODERATI DEL PAESE” (PIER SILVIO) - ORA I PALAZZI ROMANI SI DOMANDANO: CON DUE ALLEATI DI OPPOSIZIONE, COSA POTRÀ SUCCEDERE AL GOVERNO DELLA UNDERDOG DELLA GARBATELLA? NELLA MENTE DELLA DUCETTA SI FA STRADA L’IDEA DI ANDARE AL VOTO ANTICIPATO (COLLE PERMETTENDO), ALLA RICERCA DI UN PLEBISCITO CHE LA INCORONI “DONNA DELLA PROVVIDENZA” A PIAZZA VENEZIA - MA CI STA TUTTA ANCHE L’IDEA DI UNA NUOVA FORZA ITALIA CHE RIGETTI L'AUTORITARISMO DI FDI PER ALLEARSI CON IL PARTITO DEMOCRATICO E INSIEME PROPORSI ALL’ELETTORATO ITALIANO COME ALTERNATIVA AL FALLIMENTO DEL MELONISMO DEL “QUI COMANDO IO!”

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA...