“GIORGETTI STA GIÀ PREPARANDO LA LEGGE DI BILANCIO” – MATTEO SALVINI SCHERZA CON IL VICE SEGRETARIO LEGHISTA E LORENZO FONTANA, CHE STA PER ESSERE ELETTO PRESIDENTE DELLA CAMERA – A MONTECITORIO LO STATO MAGGIORE DEL CARROCCIO È ANDATO IN PROCESSIONE A SALUTARE UMBERTO BOSSI: “OGGI È BUONA, I NUMERI DOVREBBERO ESSERCI…”

-

Condividi questo articolo


 

CAMERA: SALVINI SCHERZA SU GIORGETTI, STA GIÀ PREPARANDO MANOVRA

GIANCARLO GIORGETTI E MATTEO SALVINI GIANCARLO GIORGETTI E MATTEO SALVINI

(ANSA) - Il leader della Lega, Matteo Salvini arriva in Transatlantico a Montecitorio e scorta in Aula Lorenzo Fontana, il nome proposto dalla Lega per la presidenza. Subito dopo scherza con alcuni deputati, fermi a parlare con Giancarlo Giorgetti: "Sta già preparando la legge di bilancio". Dopo un caffè alla buvette, Salvini, accompagnato da Giorgetti e Roberto Calderoli esce in cortile a salutare Umberto Bossi.

 

CAMERA: STATO MAGGIORE LEGA IN CORTILE CON BOSSI, "OGGI È BUONA"

(ANSA) - Stato maggiore della Lega in cortile a Montecitorio in delegazione a salutare Umberto Bossi, accompagnato per l'occasione dal figlio Renzo. Matteo Salvini arriva insieme a Giancarlo Giorgetti e Roberto Calderoli. "Oggi è buona, i numeri dovrebbero esserci", dice prima di mandare a chiamare anche Lorenzo Fontana, il nome indicato dalla Lega per la presidenza della Camera.

LORENZO FONTANA UMBERTO BOSSI LORENZO FONTANA UMBERTO BOSSI MATTEO SALVINI GIANCARLO GIORGETTI MATTEO SALVINI GIANCARLO GIORGETTI giancarlo giorgetti giorgia meloni matteo salvini giancarlo giorgetti giorgia meloni matteo salvini salvini giorgetti salvini giorgetti

 

Condividi questo articolo

politica

PERCHÉ RENZI SI È TRASFORMATO IN UN ARIETE LANCIATO CONTRO I SERVIZI SEGRETI? - IL LEGALE DEL “PATRIOTA DI RIGNANO”, LUIGI PANELLA, GIÀ DIFENSORE DELLO 007 MARCO MANCINI SINO AL 2014, STA PROVANDO A IMBASTIRE UN PROCESSO PER LA NOSTRA INTELLIGENCE, “COLPEVOLE” DI AVER PREPENSIONATO NEL 2021 IL DIRIGENTE DEL DIS PROPRIO A CAUSA DI QUELL’INCONTRO ALL’AUTOGRILL PROBABILMENTE NON SUFFICIENTEMENTE MOTIVATO TRA UN LEADER DI PARTITO E UN CAPO REPARTO DEL DIS - PARLA L’UOMO CHE A “REPORT” HA CONFERMATO L’IDENTITÀ DI MANCINI: “LE SUE AMBIZIONI ERANO NOTE..”

“I SERVIZI ITALIANI AVEVANO OFFERTO UNA SOFFIATA ESPLOSIVA, CHE COLLEGAVA TRUMP AD ALCUNI SOSPETTI CRIMINI FINANZIARI” – PRESTO, CHIAMATE CONTE E VECCHIONE: IL “NEW YORK TIMES” RIAPRE IL CASO DELLE VISITE DI WILLIAM BARR E JOHN DURHAM A ROMA, NELLA CALDA ESTATE DEL 2019. L'ALLORA SEGRETARIO ALLA GIUSTIZIA E IL PROCURATORE CERCAVANO DETTAGLI SUL “RUSSIAGATE”, CHE TRUMP RITENEVA FOSSE PARTITO DALL’ITALIA (REMEMBER MIFSUD?). INVECE, DAI SERVIZI ITALIANI AVREBBERO RICEVUTO "SOFFIATE" PER SALVARE DA EVENTUALI REATI IL LORO DONALD, QUELLO CHE CHIAMAVA CONTE "GIUSEPPI" AUGURANDOGLI DI RESTARE A PALAZZO CHIGI...