“I LEADER ITALIANI CERCANO LA VETRINA INTERNAZIONALE MA GLI EFFETTI SUGLI ELETTORI SONO TRASCURABILI” - IL DIRETTORE SCIENTIFICO IPSOS, ENZO RISSO: “QUANTI SONO GLI ITALIANI CHE GUARDANO LA CNN E CHE SE NE LASCIANO INFLUENZARE? L'IMMAGINE CHE ALL'ESTERO HANNO DEI NOSTRI CANDIDATI PESA POCO O NULLA, SULL'ELETTORATO ITALIANO. CERTO, PUÒ ESISTERE UNA QUOTA MINORITARIA CHE POTREBBE SENTIRSI INDOTTA A NON SCEGLIERE MELONI SE SU DI LEI PESASSE UN GIUDIZIO CRITICO A LIVELLO INTERNAZIONALE MA PARLIAMO DELL'UNO PER CENTO. BERLUSCONI HA SEMPRE GODUTO DI UNA POPOLARITÀ ELEVATA NONOSTANTE LE CRITICHE DEI MEDIA STRANIERI…”

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Andrea Bulleri per “il Messaggero”

 

GIORGIA MELONI ENRICO LETTA GIORGIA MELONI ENRICO LETTA

«Mi pare che la discussione risenta di un certo provincialismo tutto italiano. Per cui se una cosa viene detta alla Cnn, in genere è molto più importante di un'affermazione fatta alla Rai. Non è così che funziona».

 

Enzo Risso, direttore scientifico di Ipsos e docente di teoria e analisi dell'audience alla Sapienza di Roma, com' è allora che funziona? Meloni accusa Letta di screditare il Paese, dicendo «bugie» su di lei al pubblico Usa.

«Mi pare un giudizio esagerato. […] Quella di Letta è una valutazione che non influirà sul voto, né sull'immagine dell'Italia all'estero […] Se Meloni diventerà premier, dovrà dimostrare che è in grado di guidare il Paese con le sue proposte […]».

GIORGIA MELONI ENRICO LETTA GIORGIA MELONI ENRICO LETTA

 

Perché allora in Italia diamo sempre così tanta importanza a ciò che si dice sui nostri leader all'estero?

«Fa parte di quella dose di provincialismo di cui parlavo prima. […] la domanda da farsi è: quanti sono gli italiani che guardano la Cnn e che se ne lasciano influenzare, a parte forse i nostri connazionali all'estero?».

 

Però la guardano gli stranieri. E magari si fanno un'idea del nostro Paese.

«Vero. […] il motivo per cui i candidati italiani spesso cercano le attenzioni delle grandi reti estere è una forma di accreditamento internazionale […] Ma da noi non influisce molto, in termini di voti […]».

MERKEL BERLUSCONI BACIO MERKEL BERLUSCONI BACIO

 

Quanto, dal suo punto di vista?

«Riassumerei dicendo che l'immagine che all'estero hanno dei nostri candidati pesa poco o nulla, sull'elettorato italiano. Certo, può esistere una quota minoritaria di elettori moderati, informati e attenti a queste tematiche, che potrebbe sentirsi indotta a non scegliere Meloni se su di lei pesasse un giudizio critico a livello internazionale. Parliamo […] dell'uno per cento. Del resto, Berlusconi ha sempre goduto di una popolarità elevata nonostante le critiche dei media stranieri. […]». […]

 

Condividi questo articolo

politica

“NON SAPPIAMO SE PUTIN SIA ANCORA VIVO PERCHÉ NON C’È UN SOLO PUTIN” - OLEKSIY DANILOV, CAPO DEL CONSIGLIO DI SICUREZZA UCRAINO: “NON È UNA TESI COSPIRAZIONISTA, È REALTÀ. POTETE FARE ANALISI COMPARATIVE SULLE SUE IMMAGINI PUBBLICHE. OSSERVATE ANCHE IL SUO MODO DI CAMMINARE, LA PAURA AD AVVICINARSI ANCHE AI SUOI STRETTI COLLABORATORI E POI IL BAGNO DI FOLLA IL GIORNO DOPO. SONO COSE TIPICHE DEL KGB - PER DIVIDERE I PAESI OCCIDENTALI PUTIN USAVA VECCHI AMICI COME BERLUSCONI, CHE VOLEVA FACESSE PARTE DELLE TRATTATIVE…”

“GIOVANNI HA SBAGLIATO, MA IO DIFENDO GLI AMICI. PRIMA SONO UN UOMO E POI UN SOTTOSEGRETARIO” – ANDREA DELMASTRO ABBANDONA IL COINQUILINO DONZELLI AL SUO DESTINO: “NON DOVEVA LEGGERE TESTUALMENTE L’INFORMATIVA. SONO IN ORDINE CON LA MIA COSCIENZA. NON SAPEVO CHE L’AVREBBE USATA” – “HO CHIARITO LA MIA POSIZIONE CON LA PREMIER E MI HA CREDUTO. NON ERANO DOCUMENTI SECRETATI. NON MID IMETTO, MA STO PENSANDO DI CAMBIARE CASA” – LA TELEFONATA DELLA MELONI: “NON MI PRENDERE PER I FONDELLI, SE SEMO CAPITI?”

“CI VUOLE UNA BELLA FACCIA TOSTA COME QUELLA DI RENZI PER DIRE CHE IL 41 BIS È STATA UNA VITTORIA POLITICA” IL SENATORE M5S SCARPINATO PRENDE A SCARPATE MATTEUCCIO: “LA LEGGE SUL 41 BIS È UNA LEGGE SPORCA DI SANGUE, VERSATO DA PAOLO BORSELLINO E DAI 5 AGENTI DELLA SCORTA CHE COSTRINSE UN PARLAMENTO RIOTTOSO AD APPROVARE IL 41 BIS. FU UNA VITTORIA DELLO STATO E DELLA SOCIETÀ CIVILE” – LA REPLICA DI RENZI CHE TIRA IN BALLO PALAMARA E IL PRESIDENTE EMERITO NAPOLITANO - VIDEO