“LA MELONI HA UN VANTAGGIO: NON È SEXY” - NATALIA ASPESI: “È UNA DONNA, GIOVANE, BIONDA, GRAZIOSA, MA SE SUSCITA PENSIERI CATTIVI, È SOLO PER RAGIONI POLITICHE, NON EROTICHE. IN CAMPAGNA ELETTORALE MELONI ERA CIVETTUOLA MA CONQUISTATO PALAZZO CHIGI, MELONI USA IL PRIVILEGIO DI VESTIRSI COME LE FA PIÙ COMODO AFFINCHÉ SOCIAL E INFORMAZIONE NON PERDANO TEMPO COL SUO GUARDAROBA. BISOGNA DIRE CHE IN OGNI CASO SA MUOVERSI BENISSIMO: PORTANDO CON SÉ AL G20 SUA FIGLIA GINEVRA, È RIUSCITA A DIVIDERE LE DONNE PIÙ O MENO DI SINISTRA; CHI CONTRO MA ANCHE CHI PRO, LA MAMMA È SEMPRE MAMMA, ANCHE SE PREMIER”

Condividi questo articolo


GIORGIA MELONI GIORGIA MELONI

IL VANTAGGIO DI MELONI: NON ESSERE SEXY

Dal “Venerdì di Repubblica”

 

Ha mai sentito discutere sugli abiti degli uomini di governo e di potere che del resto non mutano mai, perché per la fantasia bastano i cantanti? Allora perché ci sono state dotte analisi sulle scelte del premier Meloni che ha smesso i vestiti "da donna" della campagna elettorale per scegliere un insieme "da uomo"?

 

Certo che l'aspetto che uno si sceglie è una testimonianza, e lo è anche quello della Giorgia, però quante sono le donne che lavorano che si vestono così? Milioni, credo non per omologarsi ma per non essere importunate.

Inviato da cellulare

Natalia Aspesi Natalia Aspesi

 

Risposta di Natalia Aspesi

Fisicamente, tra i maschi della politica, la Meloni ha un vantaggio: è una donna, è giovane, è bionda, è piccola, è graziosa, eppure non è sexy, quindi se suscita pensieri cattivi, è solo per ragioni politiche, non erotiche.

 

Le signore in vetta ai poteri, mettiamo come Christine Lagarde, presidente della Banca Europea, o Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea, non sono più giovani, ed è forse per questo che indossano tailleur pantaloni di colori pastello, come i cappottini della defunta regina Elisabetta II (una mia dottoressa raccomandava, "dopo i 50, mai in nero").

 

GIORGIA MELONI GIORGIA MELONI

Nel tempo della campagna elettorale Meloni era molto civettuola, abiti semplici ma colorati, gonne ondeggianti, quei capelli biondi al vento, da ragazza, una donna attraente rispetto a una quantità di altre dame in lizza per tutti i partiti, di minor impatto visivo.

 

giorgia meloni 9 giorgia meloni 9

I maschi di governo, soprattutto di questo nuovo, non sono certo attraenti; ma è solo alle donne che in qualsiasi circostanza si chiede di esserlo, se poi non lo sono pazienza, ma insomma Conquistato Palazzo Chigi, Meloni non ha più bisogno di essere vista, quindi usa il privilegio di vestirsi come le fa più comodo, in nero, affinché social e informazione non perdano troppo tempo col suo guardaroba.

 

Bisogna dire che in ogni caso sa muoversi benissimo: portando con sé al G20, incontro dei padroni del mondo, la sua figlioletta Ginevra, è riuscita a dividere le donne più o meno di sinistra; chi contro ma anche chi pro, la mamma è sempre mamma, anche se premier.

GIORGIA MELONI FUMA GIORGIA MELONI FUMA il comizio di giorgia meloni per vox, in spagna 2 il comizio di giorgia meloni per vox, in spagna 2 MELONI MELONI il comizio di giorgia meloni per vox, in spagna 5 il comizio di giorgia meloni per vox, in spagna 5

giorgia meloni al g20 di bali 2 giorgia meloni al g20 di bali 2

giorgia meloni al comizio di vox in spagna giorgia meloni al comizio di vox in spagna giorgia meloni giorgia meloni giorgia meloni al comizio di vox in spagna giorgia meloni al comizio di vox in spagna GIORGIA MELONI GIORGIA MELONI GIORGIA MELONI GIORGIA MELONI il comizio di giorgia meloni per vox, in spagna 3 il comizio di giorgia meloni per vox, in spagna 3

giorgia meloni 4 giorgia meloni 4 giorgia meloni 1 giorgia meloni 1

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY


politica

PERCHÉ RENZI SI È TRASFORMATO IN UN ARIETE LANCIATO CONTRO I SERVIZI SEGRETI? - IL LEGALE DEL “PATRIOTA DI RIGNANO”, LUIGI PANELLA, GIÀ DIFENSORE DELLO 007 MARCO MANCINI SINO AL 2014, STA PROVANDO A IMBASTIRE UN PROCESSO PER LA NOSTRA INTELLIGENCE, “COLPEVOLE” DI AVER PREPENSIONATO NEL 2021 IL DIRIGENTE DEL DIS PROPRIO A CAUSA DI QUELL’INCONTRO ALL’AUTOGRILL PROBABILMENTE NON SUFFICIENTEMENTE MOTIVATO TRA UN LEADER DI PARTITO E UN CAPO REPARTO DEL DIS - PARLA L’UOMO CHE A “REPORT” HA CONFERMATO L’IDENTITÀ DI MANCINI: “LE SUE AMBIZIONI ERANO NOTE..”

“I SERVIZI ITALIANI AVEVANO OFFERTO UNA SOFFIATA ESPLOSIVA, CHE COLLEGAVA TRUMP AD ALCUNI SOSPETTI CRIMINI FINANZIARI” – PRESTO, CHIAMATE CONTE E VECCHIONE: IL “NEW YORK TIMES” RIAPRE IL CASO DELLE VISITE DI WILLIAM BARR E JOHN DURHAM A ROMA, NELLA CALDA ESTATE DEL 2019. L'ALLORA SEGRETARIO ALLA GIUSTIZIA E IL PROCURATORE CERCAVANO DETTAGLI SUL “RUSSIAGATE”, CHE TRUMP RITENEVA FOSSE PARTITO DALL’ITALIA (REMEMBER MIFSUD?). INVECE, DAI SERVIZI ITALIANI AVREBBERO RICEVUTO "SOFFIATE" PER SALVARE DA EVENTUALI REATI IL LORO DONALD, QUELLO CHE CHIAMAVA CONTE "GIUSEPPI" AUGURANDOGLI DI RESTARE A PALAZZO CHIGI...

FERMI TUTTI: IL PROGRESSISTA MICHELE SERRA È D’ACCORDO CON IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA NORDIO SULLE INTERCETTAZIONI – “DAI TEMPI DI TANGENTOPOLI LA SINISTRA HA SPOSATO UNA SPECIE DI SCORCIATOIA GIUDIZIARIA. CIÒ CHE NON POTEVA ESSERE AFFRONTATO POLITICAMENTE TROVAVA UNA INSPERATA SOLUZIONE GIUDIZIARIA” – LA STOCCATA AI COLLEGHI GIORNALISTI ACCUSATI DI VOYEURISMO: “LE INTERCETTAZIONI SONO UNO STRUMENTO DI VIOLENZA MEDIATICA. SE IL COLPEVOLE FINISCE IN GALERA O SPUTTANATO SUI GIORNALI, PER LUI QUELLO È RISCHIO D'IMPRESA. MA SE SUCCEDE ALL'INNOCENTE, QUELLO È UN UOMO MORTO…”

COME MAI TUTTA ‘STA PREMURA PER L’ALGERIA? – IN UN ANNO CI SONO STATE BEN QUATTRO CERIMONIE IN ONORE DELL’AMICIZIA TRA L’ITALIA E IL PAESE AFRICANO: DRAGHI, MELONI E MATTARELLA SONO STATI BEN ATTENTI A INCENSARE IL PRESIDENTE TEBBOUNE. LA CONVENIENZA È RECIPROCA. NOI ABBIAMO UN DRAMMATICO BISOGNO DI GAS E LORO DI ARMI - DITE A MELONI & C. CHE LA GEOPOLITICA EUROPEA VUOLE CHE IL PRIMO ACCORDO DEBBA ESSERE FATTO CON LA FRANCIA E L'ALGERIA NON E' BEN VISTA DALLE PARTI DELL'ELISEO...