“A NAPOLI C’E’ UN IMBECILLE CHE LITIGA DA SOLO E FA SCIACALLAGGIO PER FARSI PUBBLICITÀ PER NASCONDERE LA PROPRIA NULLITÀ AMMINISTRATIVA” - DE LUCA FA A PEZZI DE MAGISTRIS, PUR NON NOMINANDOLO MAI: “NON HA MOSSO UN DITO CONTRO IL COVID” - POI HA BASTONATO I MINISTRI SPERANZA (“E’ UNA CIALTRONATA L'INVIO DEGLI ISPETTORI IN CAMPANIA”), SPADAFORA (“È UNO SCIACALLO, L'HO DETTO A CONTE”) E BONAFEDE (“IMPROBABILE MINISTRO BONANOTTE”) - VIDEO

-

Condividi questo articolo

 

Niccolò Carratelli per “la Stampa”

 

VINCENZO DE LUCA VINCENZO DE LUCA

Ci ha provato Vincenzo De Luca. Voleva davvero fare il bravo, ascoltare l' appello del presidente Mattarella e riporre nell' armadio il lanciafiamme. «Dobbiamo fare tutti gli sforzi possibili per garantire il massimo di unità e collaborazione con il governo», ha esordito il presidente della Campania nel consueto comizio online del venerdì. Ma è stato un attimo, poi lo sceriffo ha ripreso il sopravvento sullo statista.

 

Al minuto 2 ha sfoderato il suo cavallo di battaglia, dando dell'«imbecille» (senza nemmeno nominarlo) al sindaco di Napoli Luigi De Magistris, che «litiga da solo e non ha mosso un dito contro il Covid». Poi si è dedicato a bastonare i ministri Speranza - «una cialtronata l' invio degli ispettori in Campania» -, Spadafora - «è uno sciacallo, l' ho detto a Conte» -, e Bonafede, «improbabile ministro Bonanotte». Quindi si è soffermato sul suo bersaglio preferito, «tale Di Maio, che ha detto delle bestialità» ed è un «coniglio» per non aver accettato la sfida a un dibattito in tv.

DE MAGISTRIS E DE LUCA DE MAGISTRIS E DE LUCA

 

Per tutti De Luca ha dispensato lo stesso paterno consiglio: «Chiedete scusa e tacete». Che a parlare ci pensa lui, per descrivere al meglio «il triplo miracolo» fatto sulla sanità in Campania. Dove, se la curva dei contagi è in discesa, «il governo non c' entra, è merito delle misure prese da noi». Vabbè, anche stavolta è andata così. Apprezziamo lo sforzo "unitario", ma niente da fare. Compito per venerdì prossimo, presidente: zero insulti nei primi 5 minuti.

ROBERTO SPERANZA ROBERTO SPERANZA ALFONSO BONAFEDE ALFONSO BONAFEDE ALFONSO BONAFEDE GIUSEPPE CONTE ALFONSO BONAFEDE GIUSEPPE CONTE spadafora conte spadafora conte

 

Condividi questo articolo

politica

L’INFORMAZIONE È SFATTA - URBANO CAIRO SI PORTA AVANTI COL LAVORO E PRENDE LA TESSERA NUMERO UNO DEL FUTURO PARTITO DI CONTE: “LA CRISI NON CI VOLEVA E CONTE FA BENE A CERCARE I RESPONSABILI. IO ANDREI AVANTI FINO A FINE LEGISLATURA” – VI SEMBRA NORMALE CHE L’EDITORE DEL PRIMO QUOTIDIANO ITALIANO E DELL’EMITTENTE LA7 SI SCHIERI IN MANIERA COSÌ SFACCIATA VERSO IL CAZZARO CON LA POCHETTE? IMMAGINATE ORA I NOTISTI DI POLITICA DI VIA SOLFERINO E I CONDUTTORE DE LA7 QUANDO DOVRANNO SPARARE CRITICHE A CONTE…

SE ZINGA VIENE INDAGATO, NON VALE - NELLE STESSE ORE IN CUI DI MAIO DICHIARAVA LA ROTTURA DEI RAPPORTI CON L'UDC PER L'AVVISO DI GARANZIA AL SEGRETARIO (DIMISSIONARIO), LORENZO CESA, ANCHE ZINGARETTI FINIVA IN UNA INCHIESTA GIUDIZIARIA - SULLA GRATICOLA PER LE NOMINE ASL, ANCHE L'ASSESSORE ALLA SALUTE DEL LAZIO, ALESSIO D'AMATO E ALMENO ALTRI SETTE BIG DELLA SANITÀ LAZIALE - SALVINI: “I GUAI DEL LEADER PD COMPLICANO IL RECLUTAMENTO DI VOLTAGABBANA O PER IL MOVIMENTO 5 STELLE I POLITICI INDAGATI NON SONO PIÙ UN PROBLEMA?”

MENTRE CONTE VA A CACCIA DI SCILIPOTI E RAZZI, L’ITALIA VA A PUTTANE - SEBBENE LA PROSPETTIVA DI ELEZIONI SIA “IMPROBABILE”, IL GOVERNO “INDEBOLITO DALLA RECENTE CRISI” HA DI FRONTE A SÉ ‘’SFIDE POLITICHE SPAVENTOSE’’, SENTENZIA MOODY'S - E SULL'ITALIA SI RIAFFACCIA COSÌ LO SPETTRO DEL DECLASSAMENTO E I MERCATI ACCUSANO SUBITO IL COLPO CON LO SPREAD CHE TOCCA QUOTA 126 PUNTI (AI MASSIMI DA NOVEMBRE), IL RENDIMENTO DEI BTP DECENNALI CHE TOCCA LO 0,75% E LA BORSA DI MILANO CHE PERDE L' 1,52%

UN GOVERNO APPESO A UN UOMO DI BONAFEDE - LA RESA DEL CONTE È RINVIATA A MERCOLEDÌ QUANDO SI VOTA SULLA RELAZIONE DELLO STATO DELLA GIUSTIZIA DI BONAFEDE: IL GUARDASIGILLI INCARNA IL GIUSTIZIALISMO DEI 5 STELLE CHE STA SUL GROPPONE A METÀ PARLAMENTO E ORA PROPRIO LUI CHE HA PORTATO LA VOLPE CON LA POCHETTE AI PENTASTELLATI RISCHIA DI AFFOSSARLO – SUL GUARDASIGILLI IL GOVERNO AVEVA GIÀ VACILLATO A FEBBRAIO, MA ADESSO AVERLO TRA LE BALLE DIVENTA UN OSTACOLO ALLA RICERCA DEI RESPONSABILI…