“A NAPOLI C’E’ UN IMBECILLE CHE LITIGA DA SOLO E FA SCIACALLAGGIO PER FARSI PUBBLICITÀ PER NASCONDERE LA PROPRIA NULLITÀ AMMINISTRATIVA” - DE LUCA FA A PEZZI DE MAGISTRIS, PUR NON NOMINANDOLO MAI: “NON HA MOSSO UN DITO CONTRO IL COVID” - POI HA BASTONATO I MINISTRI SPERANZA (“E’ UNA CIALTRONATA L'INVIO DEGLI ISPETTORI IN CAMPANIA”), SPADAFORA (“È UNO SCIACALLO, L'HO DETTO A CONTE”) E BONAFEDE (“IMPROBABILE MINISTRO BONANOTTE”) - VIDEO

-

Condividi questo articolo

 

Niccolò Carratelli per “la Stampa”

 

VINCENZO DE LUCA VINCENZO DE LUCA

Ci ha provato Vincenzo De Luca. Voleva davvero fare il bravo, ascoltare l' appello del presidente Mattarella e riporre nell' armadio il lanciafiamme. «Dobbiamo fare tutti gli sforzi possibili per garantire il massimo di unità e collaborazione con il governo», ha esordito il presidente della Campania nel consueto comizio online del venerdì. Ma è stato un attimo, poi lo sceriffo ha ripreso il sopravvento sullo statista.

 

Al minuto 2 ha sfoderato il suo cavallo di battaglia, dando dell'«imbecille» (senza nemmeno nominarlo) al sindaco di Napoli Luigi De Magistris, che «litiga da solo e non ha mosso un dito contro il Covid». Poi si è dedicato a bastonare i ministri Speranza - «una cialtronata l' invio degli ispettori in Campania» -, Spadafora - «è uno sciacallo, l' ho detto a Conte» -, e Bonafede, «improbabile ministro Bonanotte». Quindi si è soffermato sul suo bersaglio preferito, «tale Di Maio, che ha detto delle bestialità» ed è un «coniglio» per non aver accettato la sfida a un dibattito in tv.

DE MAGISTRIS E DE LUCA DE MAGISTRIS E DE LUCA

 

Per tutti De Luca ha dispensato lo stesso paterno consiglio: «Chiedete scusa e tacete». Che a parlare ci pensa lui, per descrivere al meglio «il triplo miracolo» fatto sulla sanità in Campania. Dove, se la curva dei contagi è in discesa, «il governo non c' entra, è merito delle misure prese da noi». Vabbè, anche stavolta è andata così. Apprezziamo lo sforzo "unitario", ma niente da fare. Compito per venerdì prossimo, presidente: zero insulti nei primi 5 minuti.

ROBERTO SPERANZA ROBERTO SPERANZA ALFONSO BONAFEDE ALFONSO BONAFEDE ALFONSO BONAFEDE GIUSEPPE CONTE ALFONSO BONAFEDE GIUSEPPE CONTE spadafora conte spadafora conte

 

Condividi questo articolo

politica

CONTE A UN PASSO DALLE DIMISSIONI - CONTE RECALCITRA MA LA SUA RESISTENZA SI AFFIEVOLISCE ORA PER ORA SOTTO LA SPINTA DI PD E M5S. MOSSI DAL SOSPETTO CHE SIA LUI L'UNICO A NON TEMERE (O ADDIRITTURA A VOLERE) LE ELEZIONI - SE GIOVEDÌ IN SENATO BONAFEDE CADE, CONTE SAREBBE COSTRETTO A DIMETTERSI. ‘’E IN QUEL CASO NON POTRESTI AVERE UN REINCARICO DA MATTARELLA’’, LO HANNO AVVISATO. ARGOMENTO CHE PARE AVER FATTO BRECCIA, AL PUNTO CHE NEI PALAZZI ROMANI TUTTI SI ASPETTANO CHE CONTE SALGA AL COLLE TRA STASERA E DOMANI, PRIMA DEL VOTO IN SENATO - RENZI PUR DI SCALZARE CONTE SAREBBE ARRIVATO AL PUNTO DI PROPORRE A DI MAIO DI FARE LUI IL PREMIER...