“LA NOSTRA LINEA INTERNAZIONALE È NETTA E SALDA, NON PUÒ ESSERE INCRINATA DALLE DICHIARAZIONI DI NESSUNO” – IL COGNATO DI GIORGIA MELONI, FRANCESCO LOLLOBRIGIDA, LIQUIDA LE PUTINATE DI BERLUSCONI: “ABBIAMO DETTO CHE IN CAMPAGNA ELETTORALE CI SAREMMO ALLEATI SOLO CON CHI SOSTIENE L’UCRAINA” (QUINDI HANNO DECISO DI GOVERNARE SENZA L’APPOGGIO DI BERLUSCONI?)

-

Condividi questo articolo


AUDIO ESCLUSIVO DI LAPRESSE SMENTISCE BERLUSCONI

 

 

Da www.liberoquotidiano.it

 

putin berlusconi putin berlusconi

Sul caso Silvio Berlusconi, dentro Fratelli d'Italia, parlano ufficialmente solo i capigruppo. E sono bordate che tradiscono il nervosismo di Giorgia Meloni e dei suoi per l'atteggiamento e le uscite dell'alleato ingombrate. D'altronde, basta dare un'occhiata ai retroscena incrociati per carpire quello che i meloniani pensano veramente del leader di Forza Italia, salutato addirittura come "testa di c***o" e "rimbambito".

 

meloni lollobrigida meloni lollobrigida

Formalmente, per esempio, la dichiarazione di Francesco Lollobrigida, che guida i deputati di FdI e soprattutto è da sempre "l'altra voce" della Meloni, il Cav non lo cita ma il messaggio è più che chiaro: "La nostra linea internazionale è netta e salda e non può essere inclinata dalle dichiarazioni di nessuno. Abbiamo detto che in campagna elettorale ci saremmo alleati solo con chi sostiene l'Ucraina". "Per noi - conclude Lollobrigida - l'alleanza è un discrimine fondamentale". Nessuno, però, sembra mettere in dubbio la buona riuscita delle trattative sui ministri: la fiducia al governo in Parlamento, anticipa il capogruppo di FdI, "è possibile che ci sia martedì".

 

GIORGIA MELONI FRANCESCO LOLLOBRIGIDA GIORGIA MELONI FRANCESCO LOLLOBRIGIDA

Si sbilancia, sul versante toto-ministri, anche Luca Ciriani, presidente dei senatori di Fratelli d'Italia. che spende parole pesanti sul Ministero della Giustizia: "Il dottor Carlo Nordio è stato un ottimo magistrato, è una persona stimata trasversalmente e, secondo me, sarebbe un ottimo ministro della Giustizia. Ha posizioni peraltro molto vicine alla storia anche culturale di Forza Italia in termini di garantismo. Quindi, credo che sarebbe un ottimo ministro della giustizia", spiega a Radio anch'io su Rai Radio 1. Peccato che Berlusconi abbia citato, martedì pomeriggio, Elisabetta Alberti Casellati come la sua candidata per via Arenula. "La sintesi la farà Giorgia Meloni come sempre, scegliendo la persona più adatta senza guardare all'appartenenza politica. Perché, come ha detto, serve un governo forte e autorevole. Io credo che Nordio in un governo forte e autorevole ci starebbe benissimo".

giorgia meloni francesco lollobrigida giorgia meloni francesco lollobrigida giorgia meloni alla camera con il cognato francesco lollobrigida giorgia meloni alla camera con il cognato francesco lollobrigida

 

Condividi questo articolo

politica

I "KAMICAZZONI" DELLA MELONI - L'"IDEOLOGO" SOTTOSEGRETARIO ALLA PRESIDENZA FAZZOLARI ATTACCA LA BANCA D'ITALIA. IL PRESIDENTE DEL SENATO LA RUSSA TRA IL SERIO E IL FACETO SE LA PRENDE CON IL CAPO DELLO STATO. CROSETTO INVOCA "IL MACHETE" PER DISBOSCARE GLI ALTI RAMI DELLA BUROCRAZIA. URSO TRATTA CON I BENZINAI E QUELLI SCIOPERANO LO STESSO. SONO I CAMPIONI DEL "TIRO ALLA GIORGIA". MIRANO, TIRANOE CENTRANO LA PREMIER-BERSAGLIO. A CUI TOCCA DALL'INDOMANI METTERSI PAZIENTEMENTE A RAMMENDARE…"

RENZI, SEGNATI QUESTA: “LA SATIRA È ESPRESSIONE DI LIBERTÀ DEMOCRATICA E UN UOMO POLITICO DEVE SEMPRE TOLLERARLA” – MATTEUCCIO PERDE LA CAUSA E DOVRÀ RISARCIRE CON 42MILA EURO MARCO TRAVAGLIO PER IL CELEBRE ROTOLO DI CARTA IGIENICA CON SOPRA LA FACCIA DELL’EX PREMIER COMPARSO IN DIRETTA TV ALLE SPALLE DEL DIRETTORE DEL FATTO - RENZI AVEVA CHIESTO 500MILA EURO PER DANNI. IL TRIBUNALE GLI HA DATO TORTO ACCUSANDOLO ANCHE DI AVER ABUSATO DELLO STRUMENTO PROCESSUALE – COSA DICE LA CORTE DI GIUSTIZIA EUROPEA: "LA SATIRA AI POLITICI E' L'ANIMA DELLA DEMOCRAZIA" - VIDEO