“PER QUANTO CI CONCERNE NON C’È SPAZIO PER SINISTRA E VERDI NELLA COALIZIONE” – CARLETTO RISPONDE CON UN ULTIMATUM A FRATOIANNI, CHE L'AVEVA SPERNACCHIATO SULL'AGENDA DRAGHI (“NON ESISTE, LO HA DETTO DRAGHI STESSO”): “DIREI CHE ABBIAMO RAGGIUNTO UN PUNTO DI CHIAREZZA. È EVIDENTE CHE C’È UNA SCELTA NETTA DA FARE PER IL PD, CHE HA SIGLATO UN PATTO CHIARO CON NOI, CHE DICE L’OPPOSTO…”

-

Condividi questo articolo


Estratto da www.corriere.it

 

carlo calenda 2 carlo calenda 2

Calenda: «Nessuno spazio in coalizione per Sinistra e Verdi»

«Direi che abbiamo raggiunto un punto di chiarezza. Mi pare del tutto evidente che c’e’ una scelta netta da fare per il Pd che ha siglato un patto chiaro con noi che dice l’opposto», puntualizza su Twitter il leader di Azione, Carlo Calenda, con riferimento al segretario di Sinistra italiana, Nicola Fratoianni, che osserva come lo stesso Draghi dica che una sua agenda non esiste. «A queste condizioni per quanto ci concerne non c’e’ spazio per loro nella colazione», conclude Calenda.

 

nicola fratoianni enrico letta nicola fratoianni enrico letta

Fratoianni: «L’agenda Draghi non esiste. Povero Calenda...»

«Agenda Draghi? Non esiste. Lo ha detto Draghi stesso. Povero Calenda, deve correre in cartoleria a comprarsene un’altra. Noi intanto lavoriamo per un’Italia più giusta e più verde». Lo scrive su Twitter il segretario nazionale di Sinistra Italiana Nicola Fratoianni.

 

[…] Patuanelli (M5S): «Fratoianni e Bonelli? Faranno accordo con Pd»

«Credo che Fratoianni e Bonelli alla fine faranno l’accordo con il Pd e non con noi». Lo ha detto il ministro per le Politiche agricole ed esponente del Movimento cinque stelle, Stefano Patuanelli, a «24Mattino Estate» su Radio 24.

 

enrico letta carlo calenda enrico letta carlo calenda

[…] Calenda: «Intesa Pd? Può essere cancellata, no annacquata»

«Abbiamo fatto una scelta di responsabilità molto sofferta ma a condizioni nette. Non siamo disponibili a rivedere nessun punto di quanto sottoscritto. Ogni giorno vediamo aggiungere alla coalizione un partito zattera e iniziative incoerenti con quanto definito. Anche basta».

 

Lo scrive su Twitter il segretario di Azione Carlo Calenda. «Della sorte di Di Maio, D’Inca’, Di Stefano e compagnia non ce ne importa nulla.

 

Al contrario, prima tornano alle loro professioni precedenti meglio è per il paese. E per quanto concerne l’agenda o è quella di Draghi o è quella dei no a tutto. Chiudiamo questa storia ora», aggiunge. «C’è una ambivalenza che tormenta la sinistra dalla sua origine: riformismo o massimalismo. Una scelta mai compiuta fino in fondo che ha determinato contraddizioni e sconfitte. L’accordo sottoscritto dal Pd è una scelta. Può essere cancellata ma non annacquata. Decidete», conclude Calenda.

draghi letta draghi letta LETTA DRAGHI LETTA DRAGHI ENRICO LETTA CARLO CALENDA ENRICO LETTA CARLO CALENDA MARIASTELLA GELMINI - CARLO CALENDA - MARA CARFAGNA MARIASTELLA GELMINI - CARLO CALENDA - MARA CARFAGNA benedetto della vedova enrico letta carlo calenda 2 benedetto della vedova enrico letta carlo calenda 2

 

Condividi questo articolo

politica

DAGOREPORT! CRONACHE DALL’ASILO MARIUCCIA A 5 STELLE - IL PROSSIMO MATCH TRA GRILLO E CONTE È IN AGENDA DOPO IL 25 SETTEMBRE: SE IL MOVIMENTO VA SOTTO IL 10% E PERSISTERANNO GLI ATTUALI SCAZZI TRA IL FONDATORE E L’AVVOCATO, CON IL COMPLEMENTO IN CHIAVE ESTREMISTICA DELLA RAGGI E DI BATTISTA, CONTE POTREBBE RIPETERE L’ITER DI DI MAIO: SCISSIONE, PORTANDOSI APPRESSO UNA PATTUGLIA DI PARLAMENTARI FEDELISSIMI - UNA VOLTA FUORI, GIUSEPPI SARÀ LIBERO, IN TESTA AL SUO NUOVO PARTITO, DI CORRERE TRA LE BRACCIA DI BETTINI E ZINGARETTI, ORLANDO E BOCCIA, CHE LO ATTENDONO IMPAZIENTI…

“BERLUSCONI HA DETTO UNA COSA OVVIA MA È STATA USATA PER LA SOLITA GAZZARRA POLITICA” – BELPIETRO CONTRO IL "MONARCA" MATTARELLA: “IN NESSUNA DEMOCRAZIA OCCIDENTALE UN UOMO CHE NON SIA STATO ELETTO POTREBBE RIMANERE PER UN COSÌ LUNGO PERIODO AI VERTICI DELLE ISTITUZIONI” – “SE GLI ITALIANI VOGLIONO DECIDERE DA CHI FARSI RAPPRESENTARE, È EVIDENTE CHE CHI LI RAPPRESENTA OGGI NON È PIÙ LEGITTIMATO A FARLO” – “LA SINISTRA È TERRORIZZATA ALLA SOLA IDEA CHE A DECIDERE IL CAPO DELLO STATO NON SIA LA PARROCCHIETTA LORO, MA GLI ITALIANI. LA COSA PARADOSSALE È CHE..."

GIORGIA, L’OSSESSIONE DI SALVINI – LA MELONI È LA BESTIA NERA DEL “CAPITONE”: PRIMA CHE SI METTESSE DI TRAVERSO ANDAVA TUTTO BENE, POI DAL PAPEETE IN POI, È ANDATO TUTTO STORTO – IL “CORRIERE”: “MATTEO SI VEDE COSTRETTO A SCOMODARE GIULIO CESARE E UNO DI SUOI MOTTI: SE NON PUOI BATTERLI, UNISCITI A LORO. CHE NELLA TRADUZIONE LETTERALE SUONA COSÌ: SE NON PUOI SCONFIGGERE IL TUO NEMICO, FATTELO AMICO. SEMPRE CHE GIORGIA CI CASCHI” - L'ESORDIO TV CON CORRADO TEDESCHI, IL GOVERNO CON DI MAIO, IL 34% E LE MAGLIETTE CON PUTIN: IL RITRATTONE