“RENZI PROMETTE DI LASCIARE IL SENATO PER BRUXELLES? NE HA DETTE TANTE…” – CARLO CALENDA OFFRE PASSAGGI IN AUTO AI SUOI SOSTENITORI E TUMULA MATTEONZO: “I SEI MESI DI CONVIVENZA NEL TERZO POLO SONO STATI LA MIA PEGGIORE ESPERIENZA PROFESSIONALE” - LO SBARRAMENTO AL 4%? NON HO DUBBI, LO PASSIAMO” – A CHI GLI CHIEDE PERCHE’ SI SIA CANDIDATO ANCHE SE POI IN EUROPA NON ANDRA’, RISPONDE: “PER TRAINARE LA LISTA” – QUELLA VOLTA CHE E' STATO BOCCIATO A SCUOLA

-

Condividi questo articolo


Federica Venni per la Repubblica - Estratti

 

 

«Mi pagate lo stipendio, potrò almeno offrire».

 

CALENDA CALENDA

Bar di fronte alla Stazione Centrale di Milano, caffè volante prima di partire. Destinazione: pranzo elettorale. Mezzo di trasporto: Bla Bla Carl di Calenda, il format del leader di Azione che, tra una tappa e l’altra del suo tour a caccia di voti, offre passaggi a chi vuole imbarcarsi per fare due chiacchiere con lui.

 

«Incredibile, manco a farlo apposta parcheggiato fuori dal mio hotel c’è il pulmino di Renzi». Ironia della sorte, la stessa che ha scelto i nomi dei suoi passeggeri: Emma e Matteo, come gli avversari di Stati Uniti d’Europa. Diciannove anni lei, ventitré lui, Emma, ambiziosa aspirante diplomatica o ministra, è una fan sfegatata.

 

Matteo, ingegnere col piglio dello startupper, un più sobrio ma convinto simpatizzante. La prima domanda di Emma è secca: «Perché ti sei candidato se poi in Europa non ci vai?». Lui risponde come ha cambiato idea, passando dal proporre a tutti i leader di non farlo, al correre come capolista in quasi tutte le circoscrizioni: «Ho deciso dopo Meloni e gli altri, per trainare la lista e farla conoscere, indicando di dare la preferenza non a me ma al resto dei candidati».

blablacarl calenda blablacarl calenda

 

Su Renzi che promette di lasciare il Senato per Bruxelles non punta un euro: «Ne ha dette tante…». Mentre scommette assai sullo sbarramento: «Non ho dubbi, lo passiamo, la media dei sondaggi ci dà al 3,9 per cento». Emma vuole sapere quali sono i suoi rapporti, ora, con Renzi: «Matteo è stato un bravo presidente del Consiglio », ma «i sei mesi di convivenza nel Terzo Polo dopo le elezioni sono stati la mia peggiore esperienza professionale». 

 

 

 

carlo calenda blablacarl carlo calenda blablacarl

L’auto fa una sosta a Parma dove c’è l’ex sindaco grillino Pizzarotti ora candidato con Azione. C’è la visita al Teatro Farnese, tappa di un percorso culturale che per Calenda lega l’Italia all’Europa. La guida fa fatica a parlare perché lui è un fiume in piena: appassionato di Rinascimento le sa tutte.

«Eri un secchione a scuola?».

Ride: «Pessimo studente, mi hanno pure bocciato».

 

(...)

 

carlo calenda blablacarl carlo calenda blablacarl

Il libro di Salvini non lo ha letto perché «mi offende solo il fatto che Salvini abbia scritto un libro». Su quello del generale Vannacci un tentativo invece lo ha fatto, anche se «ho mollato a pagina 7». Poi c’è il momento playlist. Tra Springsteen e i Dire Straits spunta Roberto Murolo.

 

Arrivati a Maranello Calenda non può non raccontare ai ragazzi del suo vecchio lavoro alla Ferrari. Poi c’è la presentazione di alcuni candidati e si pranza.

 

Emma è felice di aver conosciuto il suo beniamino e non riesce a trovargli difetti. Anzi, uno sì: «È un po’ logorroico», ride. Ma a «Carlo» lei perdona questo e altro.

calenda calenda renzi calenda renzi calenda

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA RUOTA DELLA FORTUNA INIZIA A INCEPPARSI PER MARTA FASCINA. CAPITO CHE TAJANI LA CONSIDERA UN DEPUTATO ABUSIVO, LA “VEDOVA” HA CONFIDATO ALL'AMICO MARCELLO DELL’UTRI CHE AL TERMINE DELLA LEGISLATURA NON SI RICANDIDERÀ IN FORZA ITALIA - ‘’MARTA LA MUTA’’, DOPO AVER INNALZATO ALESSANDRO SORTE A COORDINATORE DELLA LOMBARDIA, SE L'E' RITROVATO COINVOLTO (MA NON INDAGATO) NEL CASO TOTI PER I LEGAMI CON DUE DIRIGENTI DI FORZA ITALIA, A LUI FEDELISSIMI, I GEMELLI TESTA, INDAGATI PER MAFIA - C’È POI MEZZA FAMIGLIA BERLUSCONI CHE SOGNA CHE RITORNI PRESTO A FARE I POMODORINI SOTT’OLIO A PORTICI INSIEME AL DI LEI PADRE ORAZIO, UOMO DI FLUIDE VEDUTE CHE AMMINISTRA IL MALLOPPONE DI 100 MILIONI BEN ADDIVANATO NEGLI AGI DOVIZIOSI DI VILLA SAN MARTINO - SI MALIGNA: FINCHÉ C’È MARINA BERLUSCONI CI SARÀ FASCINA. MA LA GENEROSITÀ DELLA PRIMOGENITA, SI SA, NON DURA A LUNGO... (RITRATTONE AL CETRIOLO DI MARTA DA LEGARE)