“SONO UNA DONNA, AMO UN'ALTRA DONNA, NON SONO UNA MADRE, MA NON PER QUESTO SONO MENO DONNA” – ELLY SCHLEIN PROVA A MARCARE UNA DISTANZA DA GIORGIA MELONI FACENDO IL VERSO AL SUO DISCORSO TORMENTONE (“SONO UNA DONNA, SONO UNA MADRE”): “NON BASTA ESSERE DONNA PER AIUTARE LE ALTRE DONNE E C'È UNA BELLA DIFFERENZA TRA LE LEADERSHIP FEMMINILI E FEMMINISTE” – LA SCHLEIN, DI ORIGINI EBRAICHE, CON CITTADINANZA SVIZZERA E AMERICANA, FIGLIA DELL’ESTABLISHMENT E DICHIARATAMENTE BISEX, E’ L’EMBLEMA DELLA SINISTRA D’ÉLITE (E QUINDI MINORITARIA)

-

Condividi questo articolo


Da huffingtonpost.it

 

ELLY SCHLEIN ELLY SCHLEIN

Elly Schlein infiamma Piazza del Popolo quando dal palco della chiusura di campagna elettorale dice: "Sono una donna. Amo un'altra donna e non sono una madre, ma non per questo sono meno donna. Non siamo uteri viventi, ma persone coi loro diritti". Schlein capovolge così il discorso di Giorgia Meloni, che disse: "Sono giorgia, sono una madre, sono cristiana".

 

Giacca e camicia rossa, un piccolo foglio di appunti, i passaggi del suo discorso in particolare sulle donne sono stati segnati da forti applausi, qualcuno ha gridato 'Elly sei una di noi!'.

 

 

M5S VS BERLUSCONI

SALVINI BERLUSCONI MELONI LUPI SALVINI BERLUSCONI MELONI LUPI

Da repubblica.it

 Si apre con un attacco nei confronti di Silvio Berlusconi la manifestazione grillina di Piazza Santi Apostoli. "Oggi i ventenni vanno su TikTok e trovano un uomo di 85 anni che chiede il voto delle donne, dicendo che è sempre andato a caccia del loro amore, proprio lui che ha sdoganato un comportamento predatorio verso le donne, soprattutto giovanissime", dice la senatrice Alessandra Maiorino, nel corso del suo intervento. Ad accompagnare la parlamentare sul palco un gruppo di ventenni.

ELLY SCHLEIN ELLY SCHLEIN MELONI SALVINI 45 MELONI SALVINI 45 ELLY SCHLEIN ELLY SCHLEIN

 

SALVINI MELONI SALVINI MELONI

 

Condividi questo articolo

politica

E TANTI SALUTI ALLA SEGRETEZZA DELLE FONTI – LA PROCURA DI ROMA HA ACQUISITO I TABULATI TELEFONICI DI SIGFRIDO RANUCCI E GIORGIO MOTTOLA, DI “REPORT”, PER IDENTIFICARE LA FONTE DELLA NOTIZIA DELL’INCONTRO TRA RENZI E MARCO MANCINI, IL 23 DICEMBRE 2020 – LA QUESTIONE È QUANTOMENO DELICATA: POTREBBERO MONITORARE TUTTI I CONTATTI AVUTI DAI CRONISTI NEGLI ULTIMI MESI, ENTRANDO IN POSSESSO DI UN NUMERO NOTEVOLE DI POSSIBILI FONTI - L'INSEGNANTE CHE HA FILMATO L'INCONTRO NON HA LEGAMI CON I SERVIZI, COME IPOTIZZATO DA RENZI

“LA NOMINA DI LUIGI DI MAIO DEVE AVERE UN PROFONDO SENSO DELL’UMORISMO EUROPEO CHE MI SFUGGE” – NEGLI EMIRATI ARABI NON HANNO PRESO BENISSIMO LA DECISIONE DELL’UE DI NOMINARE LUIGINO INVIATO UE NEL GOLFO PERSICO. IL CAPO DEL CENTRO DI RICERCA SULLE POLITICHE PUBBLICHE DI DUBAI, MOHAMMED BAHARON: “DA SOLO HA ROVINATO LE RELAZIONI ITALIANE CON EMIRATI ARABI UNITI E ARABIA SAUDITA” - AD ABU DHABI SI RICORDANO BENE DELLO STOP ALLA VENDITA DI ARMI DECISA DALL’EX GRILLINO NEL 2021…