MACRON E SCHOLZ HANNO NOSTALGIA DI DRAGHI – LA COPPIA NON BASTA, OCCORRE IL TRIANGOLO PER FRONTEGGIARE LA CRISI: MANCA MARIOPIO E IL SUO RUOLO DI CANALE DI MEDIAZIONE TRA EUROPA E USA –  IL MANDATO DI CHARLES MICHEL ALLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO EUROPEO SCADE A NOVEMBRE 2024. MA L'EMERGENZA E' ORA, E QUINDI LO TAMPINANO CON LUNGHE TELEFONATE CHIEDENDO CONSIGLI – LA PROPOSTA (SCARICA) DI BRETON-GENTILONI PER SEDARE I MAL DI PANCIA EUROPEI: “SE ANDIAMO AVANTI COSÌ, PRIMA O POI TUTTI DIRANNO CHE SULLE SANZIONI ALLA RUSSIA HA RAGIONE ORBAN...”

-

Condividi questo articolo


DAGOREPORT

emmanuel macron olaf scholz emmanuel macron olaf scholz

Nonostante le cene riservate e la rinnovata sintonia nell'asse franco-tedesco, Macron e Scholz sanno che la loro intesa non è sufficiente ad affrontare l’emergenza politico-energetica-economica dei prossimi mesi. In questo scenario manca, e molto, Mario Draghi. Anzi: quello che Mario Draghi ha sempre rappresentato, cioè il canale di comunicazione (e mediazione) tra l’Unione europea e Stati Uniti.

 

Oggi, Parigi e Berlino mancano di un vero raccordo con Washington, ruolo che ha sempre ricoperto Mariopio, anche ai tempi della Bce, nonostante l’ostilità e il fastidio della filo-putiniana Angela Merkel. Per far rientrare Draghi nel giro che conta, si guarda alla poltrona di presidente del Consiglio europeo, ora occupata dall’insipido Charles Michel. Peccato che l’incarico andrà in scadenza soltanto tra due anni, il 30 novembre 2024.

 

draghi biden draghi biden

Non c’è tempo per aspettare così a lungo, l’emergenza è ora. Non potendo disporre di Mariopio come interlocutore ufficiale in un incarico istituzionale, Macron e Scholz  tampinano Draghi con continui colloqui telefonici. I due stalker hanno bisogno di consigli, idee, e di una spalla amica su cui frignare di fronte alle ritrosie di Biden.

 

mario draghi olaf scholz emmanuel macron 2 mario draghi olaf scholz emmanuel macron 2

Anche perché lo scenario in Europa, legato alla crisi energetica, rischia di avvitarsi in una spirale problematica, e non solo da un punto di vista economico, ma soprattutto politico. La proposta Gentiloni-Breton di creare una sorta di Recovery energetico era un’arma già scarica. I due commissari, che sapevano benissimo che tedeschi, austriaci e olandesi avrebbero detto no, volevano rimarcare il volto solidale dell’Unione, sull’onda di quanto già realizzato durante l’emergenza Covid.

 

Anche perché a Bruxelles sono in molti a temere lo sfarinamento del fronte anti-russo. La paura è che alla lunga, di fronte al costo esorbitante delle bollette e ai tentennamenti degli Euro-poteri, qualcuno possa deragliare lì dove lo aspetta Putin. Qualche lungimirante funzionario già sussurra: “se andiamo avanti così, prima o poi tutti diranno che sulle sanzioni alla Russia ha ragione Orban...”.

 

putin orban putin orban

Del resto, la risposta europea al caro bollette procede a macchia di leopardo: la Francia patisce meno grazie all’energia prodotta dalle sue centrali nucleari, la Germania ha finanze robuste, che le permettono di stanziare 200 miliardi sull’unghia per coprire l’extra costo delle bollette (e quindi salvare l’intera industria tedesca).

 

E tutti gli altri paesi d’Europa? Quando arriverà l’inverno si rischia la grande morìa delle vacche: gas in abbondanza, ma a prezzi talmente elevati da mettere in ginocchio l’intero sistema produttivo.

emmanuel macron olaf scholz emmanuel macron olaf scholz

 

 

emmanuel macron. emmanuel macron. draghi biden draghi biden joe biden mario draghi joe biden mario draghi vladimir putin viktor orban 4 vladimir putin viktor orban 4 olaf scholz emmanuel macron olaf scholz emmanuel macron

 

vladimir putin viktor orban vladimir putin viktor orban

 

Condividi questo articolo

politica

ETICA E COTICA – URSULA VON DER LEYEN HA GLISSATO DI FRONTE ALLE DOMANDE SUL SUO ABITO BLU NOTTE: A CHI LE CHIEDEVA CHI FOSSE LO STILISTA, HA RISPOSTO CANDIDAMENTE DI NON RICORDARSI IL NOME, A DIFFERENZA DI GIORGIA MELONI, CHE HA SUBITO URLATO “ARMANI” A QUANTI LE FACEVANO LA STESSA DOMANDA. MORALE DELLA FAVA? LA DIMENTICANZA DI URSULA SIGNIFICA CHE QUEL VESTITO SE L’È COMPRATO. CHI INVECE TENDE A RIVELARE CON ECCESSIVA FOGA (E POCA ELEGANZA) IL MARCHIO DELL’ABITO CHE INDOSSA, DI SOLITO LO FA PERCHÉ SI TRATTA DI UN REGALO…

FLASH! – IL “BORIS GODUNOV” ALLA SCALA HA “SCONGELATO” IL RAPPORTO BRUXELLES-ROMA: FONDAMENTALE L’INCONTRO TRA VON DER LEYEN E MATTARELLA, NEL QUALE I DUE HANNO PARLATO A LUNGO DEL PNRR - ENTRO DOMANI SARÀ COMUNICATO IL NUOVO ACCORDO SULLA SOGLIA MINIMA PER I PAGAMENTI CON IL POS. L’EUROPA GRADIREBBE CHE IL LIMITE NON SUPERI DIECI EURO, MENTRE IL GOVERNO, COME NOTO, LO VUOLE ALZARE A 60. SI ANDRÀ A UNA MEDIAZIONE E SI TROVERÀ UN COMPROMESSO. NESSUNA INTESA INVECE (PER IL MOMENTO) SUL TETTO AL CONTANTE…

COSE CHE POSSONO SUCCEDERE SOLO IN ITALIA: I MASSONI DIFENDONO IL REDDITO DI CITTADINANZA! – IN POCHI HANNO FATTO CASO ALLA VISITA DI GIUSEPPE CONTE AGLI ASILI NOTTURNI UMBERTO I DI TORINO, STORICA ISTITUZIONE LEGATA ALLA MASSONERIA. AD ACCOGLIERE PEPPINIELLO APPULO C’ERA IL GRAN MAESTRO ONORARIO DEL GRANDE ORIENTE D’ITALIA, SERGIO ROSSO, CHE SI È SPERTICATO IN UNA DIFESA DEL SUSSIDIO GRILLINO: “SENZA QUESTO STRUMENTO MOLTE PERSONE NON POTREBBERO SOPRAVVIVERE”. E TANTI SALUTI A UN ALTRO TABÙ GRILLINO: GLI STRALI CONTRO GREMBIULI, COMPASSI E CAPPUCCIONI. NON A CASO TRA LE REGOLE PER LE AUTOCANDIDATURE DEL MOVIMENTO SPUNTA IL DIVIETO PER CHI È ISCRITTO AD ASSOCIAZIONI MASSONICHE. IL MELENCHON CON LA POCHETTE AVRÀ CAMBIATO IDEA?

SALVINI COME AL SOLITO NON C’HA CAPITO UNA MAZZA – IL “CAPITONE” ESULTA PERCHÉ L’UE HA FISSATO UN TETTO MASSIMO A 10MILA EURO PER I PAGAMENTI IN CONTANTI. MA LA DECISIONE NON C’ENTRA NIENTE CON LA MANOVRA ITALIANA, CHE VUOLE ALZARE IL TETTO AL CASH FINO A 5MILA EURO – LA MISURA COMUNITARIA È UN PASSO IN DIREZIONE OPPOSTA ALL’AUMENTO DELLA CIRCOLAZIONE DELLE BANCONOTE, VISTO CHE IN GERMANIA NON C’ERA ALCUN LIMITE. E COMUNQUE, ROMA NON È BERLINO, E NEPPURE PARIGI O MADRID. IL NOSTRO TASSO DI EVASIONE È IL PIÙ ALTO D’EUROPA (26 MILIARDI DI IVA NON RISCOSSA…)