DI MAIO IN PEGGIO - SE NON CI FOSSE LUIGINO, BISGNEREBBE INVENTARLO. NEL SUO LIBRO SCRIVE DI AVER INCONTRATO MICHAEL BOLTON (E NON JOHN BOLTON, ALLORA CONSIGLIERE PER LA SICUREZZA DI TRUMP) ALLA CASA BIANCA: MAGARI GLI HA CANTATO “WHEN A MAN LOVES A WOMAN”-  DI MAIO COLLEZIONISTA DI GAFFE: HA COLLOCATO PINOCHET IN VENEZUELA, HA CHIAMATO 'PING' IL PRESIDENTE CINESE XI JINPING ED E’ CONVINTO CHE LA RUSSIA SIA "BAGNATA DAL MEDITERRANEO"... - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Luigi Di Maio – Estratto dal libro Un amore chiamato politica

 

il libro di luigi di maio il libro di luigi di maio

(…) Quasi per un gioco del destino, a 24 ore dalla firma della Via della Seta partii alla volta di Washington, la mia prima visita ufficiale negli States. Arrivai alla Casa Bianca in veste di ministro dello Sviluppo  economico e un po’ mi sorprese: era assai più piccola di come me la immaginavo, Mi accolse Michael Bolton, consigliere per la sicurezza di Trump…

luigi di maio foto di bacco luigi di maio foto di bacco

 

michael bolton michael bolton john bolton john bolton

libro di maio errore libro di maio errore

 

Condividi questo articolo

politica

IL MIRACOLO DI LETTA: CON LA DE-RENZIZZAZIONE DELLE LISTE HA FATTO INCAZZARE TUTTI – IL CEPPALONICO MASTELLA SDERENA IL SEGRETARIO DEM: “IL PD TRATTA LA CAMPANIA DA TERZO MONDO. LA INVADE, LA MORTIFICA, MALTRATTA I CITTADINI CAMPANI. SCEGLIE MEZZI LEADER SENZA CONSENSO POPOLARE E SACRIFICA ASPIRAZIONI E QUALITÀ” – LA DEPUTATA ROSA MARIA DE GIORGI (ESCLUSA DALLE LISTE): “I TERRITORI SONO STATI USATI IN MODO STRUMENTALE PER PORTARE AVANTI UN DISEGNO RANCOROSO CHE NON FA CERTO ONORE AL PD E CHE MI PORTA A RIFLETTERE SERIAMENTE SULLA MIA APPARTENENZA”