NELLE MANI DI 'GNAZIO - GIORGIA MELONI TEME AGGUATI DI SALVINI E AFFIDA A LA RUSSA LE RIFORME COSTITUZIONALI CHE INIZIERANNO IL LORO ITER LEGISLATIVO DAL SENATO E NON DALLA CAMERA – ‘GNAZIO VIENE RITENUTO PIÙ AFFIDABILE DEL LEGHISTA FONTANA, PRESIDENTE DELLA CAMERA, SPECIE ORA CHE IL CARROCCIO FA IL DIAVOLO A QUATTRO PER L’AUTONOMIA DIFFERENZIATA - IL SOSPETTO DELLA LEGA, INFATTI, È CHE MELONI VOGLIA MARCARE STRETTO IL PERCORSO DEL DDL SUL FEDERALISMO CHE A GENNAIO DOVREBBE APPRODARE IN AULA – E SULLA LEGGE ELETTORALE…

-

Condividi questo articolo


1 - GIORGIA METTE LE RIFORME NELLA MANI DI LA RUSSA

Wanda Marra per il “Fatto quotidiano” - Estratti

 

giorgia meloni e ignazio la russa giorgia meloni e ignazio la russa

Raccontano ironicamente che Roberto Calderoli in questi giorni assomigli a uno “stalker”, pronto ad approfittare di tutti gli spazi. Ieri mattina presto ha convocato la bicamerale per gli Affari regionali per votare il parere della sua proposta di Autonomia differenziata. Tutto per accelerare, con una dinamica che rende evidente lo scambio, tra la riforma storicamente voluta dalla Lega e il premierato spinto da Giorgia Meloni.

 

La polemica delle opposizioni, che in Senato non hanno partecipato al voto denunciando la “forzatura”, è appena iniziata quando arriva la notizia che le riforme costituzionali inizieranno il loro iter legislativo dal Senato e non dalla Camera: partire da Montecitorio sarebbe stata una scelta naturale, proprio perché la commissione Affari costituzionali del Senato è impegnata con l’Autonomia. Denuncia il capogruppo Pd, Francesco Boccia: “I nostri timori erano fondati: Palazzo Madama sarà il luogo dove FdI e Lega si controlleranno a vicenda”.

(...) 

 

matteo salvini roberto calderoli matteo salvini roberto calderoli

Poi l’Aula si blocca per la manovra, ma per fine gennaio il testo dovrebbe essere licenziato dal Senato. E a febbraio dovrebbe essere completata la prima lettura delle riforme costituzionali. Un modo per procedere in parallelo. A parte lo scambio c’è un’altra ragione per cui per Meloni partire dal Senato è meglio: il presidente, Ignazio La Russa, è sicuramente più affidabile di Lorenzo Fontana, presidente della Camera; così come Attilio Balboni (FdI), presidente della commissione è più affidabile di Nazario Pagano, l’omologo forzista, a Montecitorio. Senza contare che i tempi sono contingentati, il che rende più difficile l’ostruzionismo. Pure se a guardare la commissione di Palazzo Madama qualche problema la maggioranza potrebbe averlo: c’è anche Marcello Pera, che sul testo ha avanzato non poche perplessità.

 

(...)

 

MATTEO SALVINI LUCA ZAIA LORENZO FONTANA MATTEO SALVINI LUCA ZAIA LORENZO FONTANA

2 - MELONI PREMIERATO IN MANO AI FEDELISSIMI

Francesco Olivo per “la Stampa” - Estratti

 

 

 

(…)

Portare al Senato la prima delle quattro letture vuol dire anche cercare di arginare con più facilità il probabile ostruzionismo dell'opposizione. Con i nuovi regolamenti di Palazzo Madama, infatti, si può andare più spediti. In FdI, poi, si immagina che La Russa possa mostrarsi più intransigente sugli emendamenti del centrosinistra rispetto a quello che farebbe alla Camera, il presidente leghista Lorenzo Fontana.

 

Qui si innesta un altro tema che a Palazzo Chigi tengono in grande considerazione: il percorso parallelo tra premierato e autonomia.

 

ignazio la russa giorgia meloni 1 ignazio la russa giorgia meloni 1

Il sospetto della Lega, infatti, è che Meloni voglia marcare stretto il percorso del ddl sul federalismo che a gennaio dovrebbe approdare in Aula. La tesi ufficiale è che lo spostamento al Senato della riforma del premierato si debba soltanto a motivi di organizzazione del calendario delle Camere. Palazzo Madama, infatti, sta già lavorando sulle riforme e la commissione Affari costituzionali, licenziato il ddl sull'Autonomia differenziata, sarà libera di esaminare quella sull'elezione diretta del capo del governo. «Non è una scelta politica», dice Casellati.

 

maria elisabetta alberti casellati foto di bacco maria elisabetta alberti casellati foto di bacco

La ministra nel frattempo sta affrontando l'altra parte della riforma, ovvero la legge elettorale. Casellati camminando in Transatlantico rivela che qualcosa si sta muovendo, «sto già lavorando al testo», senza dare troppe indicazioni sui tempi della presentazione, «entro Natale? Non mi voglio sbilanciare, perché è un tema complicato». Anche stavolta, quindi, non sarà il parlamento a fare una proposta, aspetto che aggiunge malumori a un clima già non positivo tra i deputati e i senatori della maggioranza che si sentono esautorati da un esecutivo che governa a colpi di decreti. Nella legge elettorale, secondo quanto rivelato da Casellati, sarà affrontato anche il tema del limite ai mandati del premier, un'indicazione che non è presente nel ddl presentato la scorsa settimana. Non certo un dettaglio.

ignazio la russa giorgia meloni ignazio la russa giorgia meloni ignazio la russa sergio mattarella giorgia meloni ignazio la russa sergio mattarella giorgia meloni

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! – COME MAI L’INTERVISTA DI CHIARA FERRAGNI DA FABIO FAZIO ANDRÀ IN ONDA IL 3 MARZO E NON DOMANI? PER L’INFLUENCER È STATA DURISSIMA RIUSCIRE AD APPOGGIARE IL SUO SEDERINO DAVANTI ALL’ACQUARIO DI FAZIO: FABIOLO L’HA TRATTATA COME UNA SGUATTERA DEL GUATEMALA! – IL CONDUTTORE VOLEVA ADDIRITTURA RIMANDARE TUTTO AL 10 MARZO, SENZA CAVALCARE L’ONDA DEL DAGO-SCOOP SULLA FINE DEL MATRIMONIO CON FEDEZ. DAVANTI ALLE PRESSIONI DELLO STAFF DI CHIARA, FAZIO NON HA FATTO UN PLISSÉ: LUI INTERVISTA IL PAPA, I GRANDI ATTORI E PERSONAGGI INTERNAZIONALI E DOMANI HA NAOMI CAMPBELL IN STUDIO. MICA SI PUÒ SBATTERE PER UNA FERRAGNI QUALUNQUE…

DAGOREPORT! - LA GRANDE PAURA SARDA STA METTENDO IN SUBBUGLIO I FRAGILI OTOLITI DELLA MELONA -  L'ANSIA PER UNA POSSIBILE SCONFITTA ALLE REGIONALI IN SARDEGNA E IL TIMORE CHE I MEDIA LA RACCONTINO GIÀ IN DECLINO, FANNO SCOPA CON LA PREOCCUPAZIONE DI NON CONTARE UN CAZZO DOPO IL VOTO DEL 9 GIUGNO IN EUROPA, QUANDO I VOTI DI FRATELLI D'ITALIA POTREBBERO NON ESSERE DETERMINANTI PER LA RIELEZIONE DI URSULA VON DER LEYEN - NON BASTA: SE IL VOTO EUROPEO SARA' CRUDELE CON SALVINI, FARA' SALTARE IL GOVERNO? - MICA E' FINITA PER LADY "FASCIO TUTTO IO": A SETTEMBRE VA SQUADERNATA LA LEGGE DI BILANCIO 2025 CHE SARA' UNA VIA CRUCIS DI LACRIME E SANGUE, VISTE LE DURE NORME DEL NUOVO PATTO DI STABILITÀ SUL RIENTRO DEL MOSTRUOSO DEBITO PUBBLICO ITALIANO - A GUARDIA DELLA FRAGILITA' DELLA TENUTA PSICOFISICA DELLA DUCETTA DEL COLLE OPPIO CI SONO I "BADANTI DI PALAZZO CHIGI", FAZZOLARI E SCURTI, CHE NON LA MOLLANO UN ATTIMO…

DAGOREPORT! - ULTIMI BOATOS DALL’ITALIA FERRAGNIZZATA  -  TRAMONTATO DA TEMPO IL TRASTULLO MATRIMONIALE, QUEL POCO CHE ERA RIMASTO IN PIEDI ERA “THE FERRAGNEZ – LA SERIE” - ANCORA COL PANDORO SULLO STOMACO, L’EX BARBIE DEL WEB NON AVEVA NESSUNA INTENZIONE DI DAR VITA ALLA TERZA STAGIONE. IL RAPPER (PER MANCANZA DI VOCE) NON L’AVREBBE PRESA TANTO BENE: DEPRESSO PER LA MALATTIA, INFEROCITO PER I VAFFA E I PERCULAMENTI, DEPRIVATO, AL PARI DELLA MOGLIETTINA, DI SPONSOR E DI CONTRATTI VARI, FATTI DUE CONTI, FEDEZ LE AVREBBE FATTO SCRIVERE DALL’AVVOCATO: BISOGNA FARLA, CI SONO IN BALLO TROPPI SOLDI E IL PIATTO PIANGE. NIENTE! E DOPO IL DANNO, PER FEDEZ ARRIVA LA BEFFA PIU' CRUDELE: SI INSTALLA IN CASA MARINA, LA SUOCERA PIU' SGOMITANTE D'ITALIA..

DAGONEWS – COME MAI IL NUOVO ROMANZO DI CHIARA VALERIO, “CHI DICE E CHI TACE”, È STATO PUBBLICATO DA SELLERIO E NON, COME I PRECEDENTI, DA EINAUDI? SCREZI? LITI? MACCHÉ: È TUTTA UNA STRATEGIA PER VINCERE IL CAMPIELLO, PREMIO LAGUNARE PRESIEDUTO DA WALTER VELTRONI – LA VALERIO, SCRITTRICE CON LA PASSIONE PER LE SUPERCAZZOLE (E L’AGLIO, OLIO E PEPERONCINO), È UNA DELLE FIRME PIÙ AMATE DA ELLY SCHLEIN: SE VINCESSE IL CAMPIELLO, SAREBBE UNA FESTA GRANDE PER UOLTER E PER LA SEGRETARIA MULTIGENDER…