LA MELONI È PRONTA A SOSTENERE URSULA AL CONSIGLIO EUROPEO E PROVA A CONVINCERE ORBAN A FARE LO STESSO: È LA SUA MIGLIORE CHANCE PER CONTARE QUALCOSA – DOPO LE EUROPEE, AL G7 LA SORA GIORGIA SARÀ MESSA ALL’ANGOLO DAGLI AVVELENATI MACRON E SCHOLZ, CHE FORZERANNO SULL’USO DEGLI ASSET RUSSI PER L’UCRAINA – SOCIALISTI MALE MA NON MALISSIMO – IL CROLLO DI SCHOLZ CAUSATO DALL’ECONOMIA TEDESCA E LA STRATEGIA KAMIKAZE DI MACRON CHE HA DECISO DI PORTARE LA FRANCIA AL VOTO ANTICIPATO PER...

Condividi questo articolo


DAGOREPORT

GIORGIA MELONI E URSULA VON DER LEYEN A FORLI GIORGIA MELONI E URSULA VON DER LEYEN A FORLI

Chiusa la battaglia per il voto europeo si apre quella per la presidenza della commissione. Il candidato da sottoporre al voto del parlamento europeo dovrà uscire dal vertice del Consiglio europeo della prossima settimana, all’interno del quale ci sono soltanto tre leader di destra: l’italiana Giorgia Meloni, l’ungherese Viktor Orban e il ceco Petr Fiala.

 

Per non restare fuori dai giochi, la Ducetta sta provando a convincere gli altri due premier mal-destri a convergere sul nome di Ursula von Der Leyen. Per la sora Giorgia è la migliore scommessa possibile, visto che i voti di Ecr non saranno determinanti per governare l’Europa, ma potrebbero esserlo per confermare il presidente della Commissione.

 

GIORGIA MELONI OLAF SCHOLZ E EMMANUEL MACRON ALL'HOTEL AMIGO DI BRUXELLES GIORGIA MELONI OLAF SCHOLZ E EMMANUEL MACRON ALL'HOTEL AMIGO DI BRUXELLES

Se è vero che la votazione avverrà a scrutinio segreto, è altrettanto vero che a Bruxelles quando si entra in aula per una consultazione decisiva sicuramente sono già stati presi a monte altri accordi.

 

Senza considerare inoltre che un’eventuale intesa sottobanco sarebbe facile da sgamare nel momento in cui si forma la nuova Commissione: in base al peso del commissario che otterrà l’Italia si capirà se la Meloni sosterrà o meno il bis dell’ex cocca della Merkel.

 

URSULA VON DER LEYEN - GIORGIA MELONI - OLAF SCHOLZ URSULA VON DER LEYEN - GIORGIA MELONI - OLAF SCHOLZ

Intanto, la premier deve già buttare un occhio al prossimo G7, dove incontrerà i vari Macron, Scholz, Biden, Trudeau: tutti strenui avversari delle destre. Avvelenati dalla batosta, i leader di Francia e Germania potrebbero essere i più determinati a spingere la Meloni a sbloccare l’accordo sull’utilizzo degli asset russi a favore dell’Ucraina, scelta su cui la  regina di Colle Oppio mantiene molte riserve, ma su cui invece gli americani hanno le idee chiarissime.

 

Per il partito socialista, nonostante la debacle della Spd il risultato complessivo non è così punitivo: tra Schlein in Italia, Costa in Portogallo, il recupero di Glucksmann in Francia, Sanchez in Spagna, il gruppo S&D avrà 139 seggi all’Europarlamento, 15 in meno dell’attuale legislatura, ma un risultato comunque accettabile considerando le previsioni della vigilia.

emmanuel macron olaf scholz emmanuel macron olaf scholz

 

Ps. A cosa si deve l’incredibile tranvata elettorale di Olaf Scholz e il sorpasso clamoroso di Afd? La Germania è l’unico grande Paese che è in recessione e gli elettori hanno punito i partiti di Governo (Spd e Verdi). Le svastichelle di Alternative fur Deutschland hanno fatto proseliti soprattutto nella ex Ddr, zona più povera e arretrata del Paese.

 

Ps.2/ Cosa passa per la testa di Emanuel Macron? Il toyboy dell’Eliseo ha deciso di sciogliere l’Assemblea nazionale e portare la Francia al voto anticipato per una sua pia illusione. Il portacipria di Brigitte si illude che grazie al doppio turno e alla retorica di un fronte antifascista e repubblicano riuscirà a fermare il Rassemblement National. In pratica, scommette che i francesi sceglieranno ancora una volta lui e non Marine. Se gli va bene, tornerà al centro delle dinamiche di potere europee. Se gli va male, ha spianato la strada dell’Eliseo alla Le Pen.

joe biden emmanuel macron joe biden emmanuel macron IL DISCORSO ALLA NAZIONE DI EMMANUEL MACRON DOPO LE EUROPEE IL DISCORSO ALLA NAZIONE DI EMMANUEL MACRON DOPO LE EUROPEE

 

 

brigitte macron con emmanuel - meme by osho brigitte macron con emmanuel - meme by osho emmanuel macron olaf scholz emmanuel macron olaf scholz ursula von der leyen giorgia meloni ursula von der leyen giorgia meloni THE ECONOMIST - COPERTINA CON URSULA VON DER LEYEN, GIORGIA MELONI E MARINE LE PEN - LE TRE DONNE CHE PLASMERANNO L'EUROPA THE ECONOMIST - COPERTINA CON URSULA VON DER LEYEN, GIORGIA MELONI E MARINE LE PEN - LE TRE DONNE CHE PLASMERANNO L'EUROPA

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DOVE ABBIAMO GIÀ VISTO LA VERSIONE SPECIALE DELLA FIAT 500 CON CUI GIORGIA MELONI È ARRIVATA SUL PRATO DI BORGO EGNAZIA? È UN MODELLO SPECIALE REALIZZATO DA LAPO ELKANN E BRANDIZZATO “GARAGE ITALIA”. LA PREMIER L’HA USATA MA HA RIMOSSO IL MARCHIO FIAT – A BORDO, INSIEME ALLA DUCETTA, L’INSEPARABILE PATRIZIA SCURTI E IL DI LEI MARITO, NONCHÉ CAPOSCORTA DELLA PREMIER – IL POST DI LAPO: “È UN PIACERE VEDERE IL NOSTRO PRIMO MINISTRO SULLA FIAT 500 SPIAGGINA GARAGE ITALIA DA ME CREATA...”

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE