MENO MALE CHE SILVIO...FU! - I LETTORI SCRIVONO AL “CORRIERE” PER LAMENTARSI DEL “SANTINO” FATTO A BERLUSCONI A UN ANNO DALLA MORTE E ALDO CAZZULLO RISPONDE: “IL SANTINO CHE SI STA DIPINGENDO NON GLI ASSOMIGLIA. NEL MALE, E NEPPURE NEL BENE. BERLUSCONI NON SOLO È STATO CONDANNATO IN VIA DEFINITIVA PER REATI FISCALI, HA COMPRATO SENATORI, HA COMPRATO SENTENZE TRAMITE L’AVVOCATO PREVITI. È IL VERO FONDATORE DEL POPULISMO ITALIANO, CHE SDOGANÒ ‘I FASCISTI’ (LI CHIAMAVA LUI COSÌ) E LA LEGA SEPARATISTA. CIÒ DETTO, DALL’ALTRA PARTE NON C’ERA UN ESERCITO DI ANGELI DEDITI AL BENE…”

-

Condividi questo articolo


Dalla rubrica delle lettere del “Corriere della Sera”

 

aldo cazzullo 4 foto di bacco aldo cazzullo 4 foto di bacco

Caro Aldo, certo è che Forza Italia non può fare a meno di Berlusconi: il suo nome compare ancora nel logo del partito, quale presidente. Ma non è defunto?

Natale Occhipinti

 

Va bene il rispetto per una persona che non c’è più, ma ricordarlo con un francobollo mi sembra esagerato.

Umberto Tassi

 

L’Italia è un Paese che ha il berlusconismo nel sangue, Silvio è stato il sogno americano degli italiani. Si merita il francobollo. Ho visto il primo episodio della docu-serie su Berlusconi, io dico che bisogna giudicare la serie, non lui, a me è piaciuto. Grande imprenditore, è entrato nella storia e bisogna farsene una ragione.

Carlo Martino

 

silvio berlusconi silvio berlusconi

Risposta di Aldo Cazzullo

Cari lettori, non c’è dubbio che Silvio Berlusconi appartenga alla storia d’Italia. Proprio per questo merita di essere raccontato nella sua complessità, nei suoi chiaroscuri, restituendo i motivi per cui è stato tanto amato e tanto avversato. Il santino che si sta dipingendo a meno di un anno della sua scomparsa non gli assomiglia. Nel male, e neppure nel bene. Berlusconi non solo è stato condannato in via definitiva per reati fiscali (una medaglia al valore, nel Paese in cui evasori ed elusori vengono applauditi).

 

silvio berlusconi - il giovane berlusconi silvio berlusconi - il giovane berlusconi

Berlusconi ha comprato senatori, per ammissione del comprato — Sergio De Gregorio — e del mediatore, Valter Lavitola. Berlusconi ha comprato sentenze, tramite l’avvocato Previti, che tentò di portare al ministero della Giustizia, fermato da Scalfaro, la cui memoria è stata poi demolita dai media berlusconiani. Soprattutto, Berlusconi è il vero fondatore del populismo italiano, che sdoganò sia «i fascisti» (li chiamava lui così) sia la Lega all’epoca separatista.

 

Ciò detto, dall’altra parte non c’era un esercito di angeli dediti al bene. C’erano uomini che erano stati comunisti per tutta la vita, epigoni di un fallimento e di una tragedia, che nonostante questo si ammantavano di una superiorità morale in molti casi del tutto immaginaria.

 

silvio berlusconi - il giovane berlusconi silvio berlusconi - il giovane berlusconi

Ecco, il santino non è un’esaltazione, è una riduzione di Berlusconi. Che fino all’ultimo ha rivendicato la sua ribalderia, il suo vitalismo, il suo spirito di combattente, lo stesso che l’ha portato a fondare la tv privata in Italia e a vincere cinque Coppe dei Campioni, tre più di Agnelli. A guardare le fiction o a leggere certi articoli viene in mente il quadro di Magritte, con la pipa e la scritta: «Questa non è una pipa». Ecco: questo non è Berlusconi.

silvio berlusconi dell'utri - il giovane berlusconi silvio berlusconi dell'utri - il giovane berlusconi silvio berlusconi - il giovane berlusconi silvio berlusconi - il giovane berlusconi silvio berlusconi silvio berlusconi silvio berlusconi brindisi alla figa silvio berlusconi brindisi alla figa silvio berlusconi - il giovane berlusconi silvio berlusconi - il giovane berlusconi

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - CHE SUCCEDE SE IL 10 GIUGNO, APERTE LE URNE, IL DIVARIO TRA M5S E PD RISULTASSE MOLTO FORTE, O ADDIRITTURA ELLY SCHLEIN RIUSCISSE A DOPPIARE LA PERCENTUALE DEI 5STELLE? - I SOGNI DI GLORIA DI CONTE "LEADER DELLA SINISTRA” FINIREBBERO NEL CESTINO DELLE AMBIZIONI SBAGLIATE MA SOPRATTUTTO COMINCEREBBE LA GUERRA CIVILE NEL MOVIMENTO - CONTE HA CONTRO LA NOMENKLATURA CHE È STATA TAGLIATA FUORI DALLA NORMA DEL DOPPIO MANDATO: FICO, FRACCARO, BONAFEDE, BUFFAGNI, TAVERNA, RAGGI, DI BATTISTA, TUTTI MIRACOLATI CHE SI ERANO ABITUATI ALLA CUCCAGNA PARLAMENTARE DEI 15 MILA EURO AL MESE - ALL’OSTILITÀ DEI REDUCI E COMBATTENTI DEL GRILLISMO CON AUTO BLU, AGGIUNGERE LA FRONDA DEI PENTASTELLATI CHE NON HANNO PER NULLA DIGERITO L’AUTORITARISMO DI CONTE QUANDO HA SCELTO I SUOI FEDELISSIMI DA PIAZZARE IN LISTA PER LE EUROPEE, SENZA PASSARE DALLE SELEZIONI ONLINE E FACENDOLI VOTARE DAGLI ATTIVISTI IN UN ELENCO BLOCCATO... 

"NELLA CHIESA C'È TROPPA ARIA DI FROCIAGGINE" - IERI DAGOSPIA HA SANTIFICATO LA SANTA DOMENICA CON UNO SCOOP SU BERGOGLIO COATTO CHE OGGI IMPAZZA SU TUTTI I SITI (A PARTE ''REPUBBLICA'') - PAPALE PAPALE: I VESCOVI DEVONO SEMPRE   "METTERE FUORI DAI SEMINARI TUTTE LE CHECCHE, ANCHE QUELLE SOLO SEMI ORIENTATE"  - LO RIFERISCONO PARECCHI VESCOVI ITALIANI INTERVENUTI ALL’ASSEMBLEA GENERALE DELLA CEI, DOVE PAPA FRANCESCO HA RIBADITO PUBBLICAMENTE, MA A PORTE CHIUSE, LA SUA NOTA CONTRARIETÀ AD AMMETTERE AL SACERDOZIO CANDIDATI CON TENDENZE OMO - BERGOGLIO NON È NUOVO A UN LINGUAGGIO SBOCCATO. DURANTE LA RECENTE VISITA A VERONA, HA RACCONTATO UNA STORIELLA… - VIDEO