MENTRE ZINGA E DI MAIO FANNO BARUFFA, IN VATICANO APRONO AL GOVERNO PD-M5S: "È IL MALE MINORE, BASTA CON IL CLIMA DI ODIO" – I CARDINALI TIREREBBERO “UN SOSPIRO DI SOLLIEVO” CON L’USCITA DALL’ESECUTIVO DI SALVINI - TRA L'ALTRO IL CAPITONE AVREBBE CHIESTO, QUALCHE TEMPO FA, UN INCONTRO CON IL PONTEFICE TRAMITE 'AMICI DEGLI AMICI'. "IL CANALE È LA SEGRETERIA DI STATO", SPIEGANO NEI SACRI PALAZZI…

-

Condividi questo articolo

Domenico Agasso jr per la Stampa

 

papa francesco 2 papa francesco 2

Dall' altra parte del Tevere si attende la soluzione della crisi di governo con prudenza e realpolitik. Un accordo tra M5S e Pd viene considerato - a livello non ufficiale - il male minore. Con una «stella polare»: Sergio Mattarella. E molti sussurri a voce neanche tanto bassa: l' uscita dall' esecutivo del «Capitano» farebbe tirare «un sospiro di sollievo».

 

La discrezione delle Sacre Stanze ha un' eccezione nei Gesuiti, protagonisti in queste settimane di appelli a colpi di post e cinguettii in chiave anti-Lega. Padre Bartolomeo Sorge, già direttore de La Civiltà Cattolica, ha scritto che «la mafia e Salvini comandano con la paura e l' odio, fingendosi religiosi». Mentre padre Francesco Occhetta, analista politico, entra nella diatriba del toto-premier per il successore di Conte - a proposito, non si sono registrate speranze per un suo bis - e scrive che «Marta Cartabia potrebbe essere un' ottima candidata a Palazzo Chigi» per la guida di un esecutivo a trazione giallorossa.

 

FOTOMONTAGGIO – LUIGI DI MAIO NICOLA ZINGARETTI FOTOMONTAGGIO – LUIGI DI MAIO NICOLA ZINGARETTI

Non è questa la posizione ufficiale della Santa Sede, rintracciabile unicamente nell' editoriale successivo alle dimissioni di Conte, a firma di Andrea Monda, direttore de L' Osservatore Romano, che ha avuto toni bilanciati sulla crisi, compresa la questione dell' uso dei simboli religiosi.

 

Monda ora accetta di parlare precisando che le sue sono opinioni personali e non entra nella logica degli schieramenti: «La crisi desta preoccupazione per due motivi. Il primo è legato alla situazione internazionale, la coesione dell' Europa, la tenuta dei conti, la crisi del lavoro».

 

L' altro riguarda «lo stato morale e spirituale del Paese che sembra diviso, smarrito, impaurito e quindi aggressivo».

 

Per Monda è «il livello che tocca anche i temi sociali ed etici, di difesa della giustizia e della vita, che come ho sottolineato nel mio editoriale, non possono essere disgiunti e che riguardano tutti, non solo questo o quel partito o esponente politico». Il Papa è attentissimo a non lasciarsi sfuggire commenti. E anche se gli slogan leghisti anti-migranti hanno creato malumori, il Vaticano vuole stare fuori dalla «regia» che dovrebbe condurre all' uscita dall' impasse. I rapporti con i governi sono demandati ai rispettivi episcopati nazionali. E Gualtiero Bassetti, presidente Cei, è riuscito a defilarsi da ogni polemica.

zingaretti di maio zingaretti di maio

 

Certo, spegnendo i registratori, i prelati manifestano i loro timori per sviluppi ritenuti «pericolosi». Uno su tutti: un possibile nuovo asse M5S-Lega. «Vedere Salvini vincere ci farebbe male, sebbene si proclami difensore dei valori cristiani», afferma un cardinale, che peraltro riconosce: «Su certi argomenti ha ragione, però non interpreta il pensiero di un cristiano vero».

 

Spiega: «La sua battaglia affinché i genitori si chiamino papà e mamma e non 1 e 2, la sua voce grossa in Europa su temi a noi cari: tutto questo ci sta bene, ma non possiamo accettare che costringa in mare decine di disperati». Inoltre, «non si può tollerare il clima di istigazione all' odio e al razzismo, e anche di volgarità, che il "salvinismo" ha sdoganato». Tra l' altro Salvini avrebbe chiesto, qualche tempo fa, un incontro con il Pontefice. Tramite «amici degli amici». Una scarsa cura del galateo istituzionale che ha portato per ora a un nulla di fatto: «Chi ha un incarico di governo deve seguire i protocolli, anche per visite private. Il canale è la Segreteria di Stato», spiegano nei Sacri Palazzi.

luigi di maio nicola zingaretti luigi di maio nicola zingaretti

 

Il «sostegno silenzioso» dei prelati dunque sembra essere per un' alleanza M5S-Pd, vista come «il meno peggio». E nella fase di trattative grande fiducia viene riposta in Graziano Delrio. Nessun facile entusiasmo, peraltro, perché se asse giallorosso dovrà essere, «penderà a sinistra». Così, «avranno mano libera sulle questioni etiche». Però, dall' altro lato, ci sarà «un modo più umano di affrontare l' emergenza immigrati». E maggiore «serietà nei comportamenti pubblici, soprattutto grazie al Pd, che compenserà la difettosa preparazione culturale dei grillini». In ogni caso, il punto di riferimento politico è uno e indiscutibile: Sergio Mattarella. «Ciò che deciderà il Presidente della Repubblica, il Vaticano lo sosterrà», assicura un porporato.

PAPA FRANCESCO MESSA PER I MIGRANTI PAPA FRANCESCO MESSA PER I MIGRANTI matteo salvini matteo salvini

 

Condividi questo articolo

politica

FLASH! SIETE CURIOSI DI SAPERE PERCHÉ IL GIOVANE DIBBA SPARI UN GIORNO SÌ E L'ALTRO PURE CONTRO I SUOI AMICI GRILLINI? BEH, IL CHE GUEVARA DI PONTE MILVIO A MARZO 2018 AVEVA DECLINATO L'OFFERTA DI UN MINISTERO CONVINTO CHE IL SUO MOMENTO DA LEADER SAREBBE ARRIVATO PRESTO. INVECE, VISTI I CHIARI DI LUNA, LUI NEL CONTE-BIS UN POSTO LO VOLEVA ECCOME, SOLO CHE SI È DOVUTO SCONTRARE COL VETO DEL PD. UN VETO CHE A DI MAIO È PIACIUTO MOLTO… - AMORALE DELLA FAVA: SE OGGI SI DESSE FUOCO COME UN BONZO DAVANTI A PALAZZO CHIGI, I SUOI COMPAGNI DI PARTITO MANCO SE NE ACCORGEREBBERO…

ITALIA FATTA A MAGLIE - CARO DAGO, NON SONO IN GRA-MAGLIE PER SALVINI: NON SAI CHE SOLLIEVO SAPERE CHE FRANCESCHINI POTRÀ PRANZARE NELLE TRATTORIE ROMANE SENZA CHE QUALCHE GRILLINO LO INSULTI. A ME L'OPPOSIZIONE MI METTE DI BUONUMORE, E DAL GOVERNO PASSATO NON AVEVO OTTENUTO NEMMENO UNO STRACCIO DI STRISCIA DI 5 MINUTI (VERO, GIANLUIGI PARAGONE?). CERTO, TRUMP HA CACCIATO BOLTON COME UN TONINELLI QUALUNQUE, E SI È PRESO IN CARICO GIUSEPPI CONTE, MA IL FALCO È GIÀ STATO VENDICATO