MONTECITORIO È MIO E ME LO GESTISCO IO – CON LA DESTRA AL POTERE, LA CAMERA DEI DEPUTATI È DIVENTATA AZIONISTA UNICO DI UNA SOCIETÀ IN HOUSE PER TUTTI I SERVIZI DI PULIZIE, FACCHINAGGIO E RISTORAZIONE (LA MITICA BUVETTE) – QUESTO PERMETTERÀ DI ASSUMERE SENZA CONCORSO, SPENDERE SENZA L’OBBLIGO DI GARA PER APPALTI FINO A 140 MILA EURO E SENZA CONTROLLI DI ANAC O CORTE DEI CONTI – ESULTA IL QUESTORE DI FDI, PAOLO TRANCASSINI (DETTO “L'OSTE DI GIORGIA”): “NON SARÀ UN BARACCONE, RISPARMIEREMO”. MA LE OPPOSIZIONI INSORGONO...

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Ilaria Proietti per “il Fatto quotidiano”

 

Paolo Trancassini e giorgia meloni Paolo Trancassini e giorgia meloni

Incredibile, ma vero: Montecitorio non sa quanto spenderà peri servizi di pulizie, facchinaggio, ristorazione, parcheggio e molto altro oggi forniti dalle ditte esterne, ma è pronto a giurare che gestirli in proprio conviene.

 

Sono le ultime novità da Palazzo, che martedì scorso ha deciso di metter mano al portafogli per diventare azionista unico di una società in house: benvenuti alla Camera dei deputati Spa, dove si assumerà senza concorso, si spenderà senza l’obbligo di gara per appalti fino a 140 mila euro e senza l’incomodo di controlli da parte di Anac o Corte dei Conti. E intanto bisognerà subito sborsare 1 milione di euro solo di capitale sociale più tutto il resto legato ai costi di avviamento.

 

buvette montecitorio buvette montecitorio

Ma è soprattutto l’incognita dei costi futuri che ha indotto mezzo ufficio di presidenza, tra cui di due vicepresidenti Ascani e Costa oltre che il questore del M5S Scerra, a dire no al progetto evidenziandone i rischi.

 

Anche perché rispetto alle stime fatte solo a dicembre, ossia tre mesi fa, è stato nel frattempo necessario prevedere prudenzialmente un aggiornamento al rialzo delle spese: solo per la manodopera oltre 600 mila euro in più, altri 300 mila e spicci per le spese generali. E il timore è che sia solo l’inizio anche perché è la prima volta in assoluto che un organo costituzionale come la Camera si fa una società in house […]

 

paccheri al granchio blu al ristorante della camera 4 paccheri al granchio blu al ristorante della camera 4

Una su tutte l’ha esplicitata Stefano Vaccari del Pd rivolgendosi al presidente della Camera Lorenzo Fontana ed è la seguente: “Se si dovesse creare un buco nei conti tale da far saltare la Spa, chi risponderebbe del danno erariale?”.

 

Di tutt’altro avviso Paolo Trancassini questore di Fratelli d’Italia (per i maligni “l’oste della Meloni”: è proprietario di un noto ristorante a due passi dal partito) che ha voluto fortemente la Spa: “Abbiamo fatto un lavoro certosino. Non solo non ci saranno più spese, ma si avrà un risparmio che sarà reinvestito per ottimizzare i servizi e migliorare i salari dei lavoratori. Abbiamo ereditato una situazione disastrosa con un numero di addetti fuori controllo: quando andranno in pensione non li rimpiazzeremo, ma intanto miglioriamo le loro condizioni. Non sarà un baraccone”.

 

paolo trancassini paolo trancassini

Ma la sostenibilità finanziaria dell’operazione è solo uno degli aspetti che preoccupa l’opposizione. A dicembre la società di consulenza Ernst&Young aveva vivamente consigliato alla Camera di mettere da parte almeno 400 mila euro per fronteggiare le incognite legate principalmente alla impossibilità di svolgere una puntuale due diligence.

 

[…]

 

Poi però c’è anche il resto che è stato evidenziato dall’Osa, il sindacato dei consiglieri parlamentari ossia gli alti ranghi dell’amministrazione: sulla Camera Spa hanno sollecitato quanto meno “l’adozione delle più stringenti misure di controllo sulla spesa e sugli organici della nuova struttura”. Perché “le attuali evidenze di società in house costituite nell’ambito della Pubblica amministrazione hanno messo in evidenza le forti criticità di tale strumento organizzativo sul piano dell’efficienza e del contenimento dei costi pubblici”.

 

paccheri al granchio blu al ristorante della camera 1 paccheri al granchio blu al ristorante della camera 1

Tradotto: se l’obiettivo era migliorare le condizioni dei 346 lavoratori esterni che verranno ora assunti a tempo indeterminato dalla società in house, chi per servire il caffè ai deputati, chi per parcheggiare le loro auto o pulirne bagni e stanze, bastava riconoscere loro un’indennità senza appesantire il bilancio di Montecitorio.

 

Dei rischi di anti-economicità e dei costi della struttura di management che di riffa e di raffa costerà quasi 700 mila euro. Una macchina, questo l’altro timore, che sarà peraltro totalmente immune da vigilanza e controlli esterni, a partire dalla Corte dei Conti, ma anche Inps, Inail o Anac: come per i vitalizi, per la Camera Spa varranno le regole dell ’autodichia, la giustizia interna di Palazzo amministrata dagli inquilini del Palazzo stesso: nessuno potrà metterci bocca. E se sarà un fallimento, chi paga? Pantalone.

paolo trancassini foto di bacco paolo trancassini foto di bacco buvette Montecitorio sitocamera x buvette Montecitorio sitocamera x TRANCASSINI MELONI 4 TRANCASSINI MELONI 4 paolo trancassini simonetta matone arianna meloni foto di bacco paolo trancassini simonetta matone arianna meloni foto di bacco

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ALLA VIGILIA DEL DERBY CHE FORSE CONSEGNERÀ ALL’INTER LA SECONDA STELLA IN FACCIA AI TIFOSI DEL MILAN, GIUSEPPE MAROTTA METTE A SEGNO UN ALTRO COLPO: OTTIENE DA PIMCO UN FINANZIAMENTO DA 400 MILIONI PER RIPAGARE IL DEBITO CON OAKTREE, DANDO FIATO AL SUO AZIONISTA-FANTOCCIO ZHANG – INVECE GERRY CARDINALE VINCE LO SCUDETTO DEL BILANCIO, CHE IN UNA NAZIONE DOVE COMANDANO I FURBETTI, SA TANTO DELLA COPPA DEL NONNO – OGGI AL “SOLE 24 ORE”, CARDINALE RIPETE DI NON AVER BISOGNO DI SOCI PER IL MILAN. INTANTO HA FATTO SCADERE L’ESCLUSIVA CON GLI ARABI DI PIF, CHE AVREBBERO PORTATO 550 MILIONI E ANTONIO CONTE IN OMAGGIO…

DAGOREPORT - UN PUCCINI ALL’IMPROVVISO! – SCOOP! UN BRANO INEDITO DI GIACOMO PUCCINI SARA’ ESEGUITO PER LA PRIMA VOLTA AL LUCCA CLASSICA MUSIC FESTIVAL, IL PROSSIMO 28 APRILE – COMPOSTO NEL 1877 DA UN GIOVANE PUCCINI, S’INTITOLA “I FIGLI DELL’ITALIA BELLA – CESSATO IL SUO DELL’ARMI”: ERA RIMASTO A LUNGO “NASCOSTO”, POI DISPONIBILE SOLO IN FORMA INCOMPIUTA E, INFINE, RIPORTATO ALLA LUCE NELLA SUA INTEGRITA’ GRAZIE AL CENTRO STUDI PUCCINI – IL MISTERO DIETRO ALLA PARTITURA E I DIRITTI ACQUISITI ORA DAL CONSERVATORIO “LUIGI BOCCHERINI” DI LUCCA...

DAGOREPORT – IL DIAVOLO TRA DUE FUOCHI. IL MATRIMONIO TRA LOPETEGUI E IL MILAN È A UN PASSO. L’ACCORDO ECONOMICO È STATO TROVATO. MA PER L’ARRIVO DEL BASCO AL POSTO DI STEFANO PIOLI MANCA L'OK DI IBRAHIMOVIC, NOMINATO DA CARDINALE SUO PLENIPOTENZIARIO NEL CLUB – ZLATAN SPINGE PER ANTONIO CONTE, SOLUZIONE PIÙ GRADITA ALLA PIAZZA, IN CERCA DI UN MISTER CON GLI ATTRIBUTI (E LOPETEGUI IN SPAGNA È DETTO “EL CAGON”…) – RIUSCIRÀ IBRA A CONVINCERE LA SOCIETÀ A PUNTARE SU UN TECNICO DALLA PERSONALITÀ STRARIPANTE E MOLTO COSTOSO?

MADONNA? EVITA-LA! – QUELLA VOLTA CHE MADONNA VENNE A ROMA PER LA PRIMA DI “EVITA’’ E SI INCAZZÒ FACENDO ASPETTARE IL PUBBLICO PER UN’ORA E MEZZO - IL PATTO ERA CHE SUA FIGLIA, LOURDES, VENISSE BATTEZZATA NEGLI STESSI GIORNI DAL PAPA ALLA PRESENZA DEL PADRE, CHE SI CHIAMAVA JESUS - IL PRODUTTORE VITTORIO CECCHI GORI CONOSCEVA UN CARDINALE: “PRONTO, AVREI MADONNA, L’ATTRICE, CHE VORREBBE BATTEZZARE LA FIGLIA, LOURDES, COL PADRE, JESUS… E SE FOSSE DISPONIBILE IL PAPA…” – VIDEO

DAGOREPORT - CON AMADEUS, DISCOVERY RISCHIA: NON È UN PERSONAGGIO-FORMAT ALLA STREGUA DI CROZZA E FAZIO. È SOLO UN BRAVISSIMO CONDUTTORE MA SENZA UN FORMAT FORTE CHE L’ACCOMPAGNI, SARÀ DURISSIMA FAR DIGITARE IL TASTO 9. NELLA TV DI OGGI I PRODUTTORI DI CONTENUTI VENDONO CHIAVI IN MANO IL PACCHETTO FORMAT+CONDUTTORE ALLE EMITTENTI - ALLA CRESCITA DI DISCOVERY ITALIA, NEL 2025 SEGUIRA' ''MAX'', LA PIATTAFORMA STREAMING DI WARNER BROS-HBO CHE PORTERÀ A UNA RIVOLUZIONE DEL MERCATO, A PARTIRE DALLA TORTA PUBBLICITARIA. E LE RIPERCUSSIONI RIMBALZERANNO SUI DIVIDENDI DI MEDIASET E LA7 - A DIFFERENZA DI RAI E IN PARTE DI MEDIASET, DISCOVERY HA UNA STRUTTURA SNELLA, SENZA STUDI DI REGISTRAZIONE, SENZA OBBLIGHI DI ASSUNZIONI CLIENTELARI NÉ DI FAR TALK POLITICI - LIBERI DI FARE UN CANALE5 PIÙ GIOVANE E UN’ITALIA1 PIÙ MODERNA, IL PROSSIMO 9 GIUGNO DOVRANNO DECIDERE SE FARE O MENO UNO SPAZIO INFORMATIVO. NEL CASO IN CUI PREVARRA' IL SÌ, SARÀ UN TG MOLTO LEGGERO, UNA SORTA DI ANSA ILLUSTRATA (E QUI RICICCIA L'OPZIONE ENRICO MENTANA)