IN NOMINE PATRIS - I VESCOVI ITALIANI HANNO SCELTO LA TERNA DEI NOMI DA PRESENTARE AL PAPA PER LA GUIDA DELLA CEI: SONO IL CARDINAL ZUPPI, MONSIGNOR RASPANTI E IL CARDINALE LOJUDICE. TRA LORO IL PONTEFICE SCEGLIERÀ IL NUOVO PRESIDENTE DELLA CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA CHE SUCCEDERÀ AL CARDINALE GUALTIERO BASSETTI - COME FUNZIONA IL MECCANISMO DI VOTO

-

Condividi questo articolo


BERGOGLIO CON AUGUSTO PAOLO LOJUDICE BERGOGLIO CON AUGUSTO PAOLO LOJUDICE

Sono il cardinale Matteo Zuppi (Bologna), il cardinale Paolo Lojudice e mons. Antonino Raspanti (Acireale) i tre nomi della terna, scelta dai vescovi, per la presidenza della Conferenza Episcopale Italiana. Ora la scelta finale spetta al Papa. 

 

 

 

(ANSA) I vescovi italiani votano, da questa mattina, per scegliere la terna dei nomi da presentare al Papa, tra i quali il Pontefice sceglierà il nuovo presidente della Conferenza episcopale italiana. Per la carica di presidente della Cei non esistono candidature formali: sono eleggibili tutti i vescovi diocesani, non invece i vescovi ausiliari e neppure gli emeriti. Le operazioni avvengono a scrutinio segreto.

 

matteo zuppi 1 matteo zuppi 1

Le votazioni sono multiple: i tre candidati da sottoporre al Papa saranno eletti uno alla volta, con votazioni distinte, e ognuno di loro, per finire nella terna, dovrà avere ottenuto la maggioranza assoluta, cioè il 50 per cento più uno dei consensi (nel caso si effettueranno anche dei ballottaggi). Una volta eletta, la terna di nomi sarà portata a Santa Marta e consegnata al Pontefice. A lui spetta la scelta finale. Questa modalità di voto è unica tra le conferenze episcopali del mondo che scelgono direttamente il proprio presidente. In Italia lo ha sempre scelto il Papa. Francesco aveva invitato in passato i vescovi italiani a procedere autonomamente come le altre conferenze episcopali. Ma la Cei decise per una sorta di 'compromesso' fornendo la terna dei nomi al Papa. Già nel 2017 si è proceduto in questo modo e il Papa scelse il più votato, allora il cardinale Gualtiero Bassetti, confermando dunque la volontà dei presuli italiani.

mons.antonino raspanti mons.antonino raspanti

gualtiero bassetti gualtiero bassetti papa francesco angelus papa francesco angelus

 

Condividi questo articolo

politica

TRA I VOLTAGABBANA DEI NOSTRI TEMPI C’E’ ANCHE MASSIMO CACCIARI – OSPITE DI “OTTO E MEZZO”, DOPO I NUMEROSI ATTACCHI AL GOVERNO DRAGHI (ACCUSATO DI ESSERE IL GOVERNO SERVO DEGLI AMERICANI, DEL PENSIERO UNICO, FEROCE OPPRESSORE DELLE NOSTRE LIBERTÀ CON IL GREEN PASS), IL FILOSOFO SI E’ ILLUMINATO ALL’IMPROVVISO: “SENZA DRAGHI NOI NON STAREMMO MEGLIO, STAREMMO 10 MILIARDI DI VOLTE PEGGIO. SENZA DI LUI, L’EUROPA NON CI AVREBBE DATO I SOLDINI E BENE O MALE CI STA PARANDO DALLE VARIE EMERGENZE, PRIMA LA PANDEMIA E POI LA GUERRA” – CHISSA’ SE IL RAVVEDIMENTO OPEROSO DI CACCIARI SI DEVE ALLA DEFLAGRAZIONE DEL M5S A CUI HA TIRATO LA VOLATA NEGLI ULTIMI ANNI…

GRILLO CANCELLA CANCELLERI – IL SOTTOSEGRETARIO GRILLINO NON SARÀ CANDIDATO ALLE PRIMARIE IN SICILIA: IL TEMPO STA PER SCADERE E SENZA DEROGA AL LIMITE AI DUE MANDATI, NON PUÒ SCENDERE IN CAMPO. BEPPE-MAO NON HA INTENZIONE DI CEDERE E LE TRATTATIVE VANNO A OLTRANZA, MA ORMAI LO STESSO CANCELLERI HA CAPITO CHE DOVRÀ FARE PIPPA – L’ELEVATO HA LA MEMORIA LUNGA: “LO CONOSCIAMO, IN PASSATO MI HA ATTACCATO PIÙ VOLTE E IO LO AVEVO ACCOLTO COME UN FIGLIO. DELLA SUA RICANDIDATURA NON SE NE PARLA”

ALTRO CHE MALATTIA: IL VIAGGIO DI BERGOGLIO IN AFRICA È SALTATO PERCHÉ TROPPO PERICOLOSO! – FILIPPO DI GIACOMO: “QUANDO IL PONTEFICE PROGRAMMA UN VIAGGIO, PRIMA CHE LA NOTIZIA VENGA RESA PUBBLICA, I LUOGHI DA VISITARE VENGONO ISPEZIONATI DA UNA COMMISSIONE CHE INCLUDE ANCHE ESPERTI DELLA SICUREZZA. COSA HANNO VISTO DURANTE I LORO SOPRALLUOGHI? IL VIAGGIO, ANNUNCIATO A FINE MARZO E UFFICIALIZZATO A FINE MAGGIO, È STATO SEMPRE ACCOMPAGNATO DALLE NOTIZIE SULLA RIPRESA DELLE OSTILITÀ NELLA REGIONE. POI, SONO ARRIVATI I DOLORI ALLA GAMBA DEL PONTEFICE E LA REALTÀ HA RIAVUTO VOCE...”

POSTA! - CARO DAGO, IL CROLLO DEI VOTI A FAVORE DEI 5 STELLE È L'OVVIA CONSEGUENZA PER QUANTO DIMOSTRATO POLITICAMENTE (NULLA) IN QUESTI ANNI DALL'AVVENTO AL POTERE. LA COSA PREOCCUPANTE È CHE ESSENDO, IL MOVIMENTO, L'ESPRESSIONE DEL CITTADINO COMUNE VUOL DIRE CHE MEDIAMENTE SAPPIAMO TANTO PARLARE MA NULLA FARE. SAI CHE ALLEGRIA! - LA PRESIDENTE DELLA BCE, CHRISTINE LAGARDE: "NON CREDO CHE TORNEREMO A UNA SITUAZIONE DI BASSA INFLAZIONE". È LA STESSA SIGNORA CHE NEL 2021 DICEVA "INFLAZIONE TRANSITORIA, SCENDERÀ NEL 2022"?