IL NONNO DI STATO - FINO A 1.200 EURO DI BONUS BABY SITTER AI NONNI CHE BADANO AI NIPOTINI. CERTO, MENTRE SI NEGA UN CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO PER 2,3 MILIONI DI PROFESSIONISTI O RICONOSCE UNA PENSIONE DA 310 EURO AI CIECHI TOTALI E 287 AI DISABILI CHE NON POSSONO LAVORARE, UNA SOMMA DEL GENERE FA UN PO' IMPRESSIONE - COTTARELLI: LO HANNO SEMPRE FATTO GRATIS, PERCHÉ BUTTARE SOLDI COSÌ?

-

Condividi questo articolo

 

 

Fausto Carioti per ''Libero Quotidiano''

 

nonni e nipoti si riabbracciano a milano nonni e nipoti si riabbracciano a milano

Perché il governo che ha negato il contributo a fondo perduto a 2,3 milioni di professionisti inguaiati dall'epidemia, che passa un'umiliante pensione di 310 euro al mese ai ciechi totali ed è stato costretto dalla Corte Costituzionale a innalzare il micragnoso assegno di 287 euro per i disabili impossibilitati a lavorare, adesso dà sino a 1.200 euro ai nonni che si prendono cura dei nipotini, anche se lo farebbero gratis, e a chi gioca alla Playstation con i cuginetti? Incapacità a scrivere le leggi? Voglia di rendersi simpatico in vista delle elezioni? Nell'uno e nell'altro caso, non sarebbe la prima volta. Però la logica dietro a quest' ultima novità, ammesso che una logica ci sia, sfugge.

 

nonno e nipote nonno e nipote

Di tutti i modi in cui si possono spendere adesso i pochi soldi pubblici a disposizione, l'unico davvero sensato è la difesa a oltranza dei posti di lavoro e delle attività economiche: chi esce dal mercato fa fatica a rientrarci e da contribuente netto diventa un assistito dallo Stato, col rischio di rimanerlo per anni. Eppure tanti italiani che producono e pagano le tasse sono abbandonati a se stessi, mentre dai provvedimenti dell'Inps spuntano fuori astrusità come quella scoperta ieri. La circolare dell'istituto di previdenza, in realtà, porta la data del 17 giugno.

 

nonni metal nonni metal

Nessuno, però, aveva capito cosa c'era scritto. La traduzione del testo è stata completata solo dopo dieci giorni. Quando il direttore generale dell'Inps, nel linguaggio arabescato tipico della pubblica amministrazione, scrive che «si chiarisce la non applicabilità del principio di carattere generale della presunzione di gratuità delle prestazioni di lavoro rese in ambito familiare, salvo si tratti di familiari conviventi con il richiedente», e che «in caso di convivenza i familiari sono esclusi dal novero dei soggetti ammessi a svolgere prestazioni di lavoro come baby-sitting remunerate mediante il bonus in argomento», intende dire, in realtà, che chi ha fatto assistere i figli a consanguinei non conviventi avrà diritto al buono per baby sitter previsto dal decreto Rilancio.

 

In italiano corrente significa che potranno ricevere un contributo del valore massimo di 1.200 euro (2.000 euro per gli operatori dei comparti sanità, difesa e soccorso pubblico impiegati nell'emergenza Covid), anche le famiglie che dichiarano di avere affidato i figli alle cure di nonni, zii e cugini nel periodo tra il 5 marzo, giorno in cui chiusero gli asili, e il 31 luglio 2020. Valgono le regole generali: i pargoli non debbono avere un'età inferiore ai 12 anni, mentre gli amorevoli parenti, oltre a vivere sotto un altro tetto, debbono essere titolari di pensione di vecchiaia o di invalidità, oppure avere meno di 25 anni ed essere iscritti a un ciclo di studi, o altrimenti risultare disoccupati o ricevere assegni di sostegno dallo Stato.

NONNI E NIPOTI NONNI E NIPOTI

 

Chi non ha almeno un familiare in una di queste condizioni? Tutto ciò tramite un'autocertificazione che può essere fatta online, telefonando all'Inps o rivolgendosi ai soliti enti di patronato. Accolta la domanda, il bonus sarà concesso tramite il "libretto famiglia", lo strumento che l'istituto utilizza per il pagamento di lavori saltuari. Per chi ha congiunti non conviventi e un minimo di dimestichezza con certe pratiche, insomma, è facile, anche a posteriori, bussare alla porta dell'Inps per chiedere il contributo.

 

Il pericolo è che siano in troppi a farlo, a maggior ragione ora che si è saputo che è possibile accordarsi con i propri familiari. L'istituto ha già fatto sapere che si regolerà in base al criterio cronologico: prenderà i soldi chi arriverà prima, e quando lo stanziamento del governo si esaurirà non ce ne sarà più per nessuno.

NONNI E NIPOTI NONNI E NIPOTI

 

 

Condividi questo articolo

politica

GARA DI RUTTE! – STATE A VEDERE: ALLA FINE CI TOCCHERÀ PRENDERE IL MES PERCHÉ IL RECOVERY FUND AVRÀ PIÙ CONDIZIONALITÀ – DALL’INCONTRO CON IL PREMIER OLANDESE CONTE NON HA CAVATO UN RAGNO DAL BUCO. I FRUGALI VOGLIONO DARCI SOLDI SOLO VERIFICANDO LO STATO DELLE RIFORME. E LA MERKEL SOSTANZIALMENTE È D’ACCORDO (INFATTI HA FATTO PASSARE LA GOVERNANCE DEL PIANO AL CONSIGLIO UE) – IL CARTELLO DI GEERT WILDERS, ALLEATO DI SALVINI IN EUROPA: “NON UN CENTESIMO ALL’ITALIA

LA VERA EMERGENZA È CONTE – IL VOLPINO DI PALAZZO CHIGI DOPO LE POLEMICHE COSTRETTO A PRECISARE: “LA PROROGA DELLO STATO DI EMERGENZA SARÀ UNA DECISIONE FATTA CON IL PARLAMENTO”. COME SE FOSSE UNA SUA ILLUMINATA CONCESSIONE! –  MATTIA FELTRI: “DUNQUE, DA QUI A FINE ANNO, CONTINUEREBBE A DECIDERE QUESTO E QUELLO PER COME GLI GIRA. ED È BUFFO PERCHÉ SIAMO (QUASI) TUTTI TORNATI AL LAVORO, VIAGGIAMO, ANDIAMO AL RISTORANTE. SOLTANTO IL GOVERNO SI SENTE DI RESTARE IN UN REGIME ECCEZIONALE E, A ESSERE MALIZIOSI, VIEN DA PENSARE CHE SIA…”