ORMAI “GIUSEPPI” NON NE AZZECCA PIÙ UNA! - PEPPINIELLO PROVA A DIFENDERSI DALLE ACCUSE PER AVER PARTECIPATO A UNA CONFERENZA AD AMSTERDAM: “NON HO MAI SOSTENUTO CHE È ETICAMENTE DISDICEVOLE RICEVERE UN COMPENSO PER IL PROPRIO CONTRIBUTO INTELLETTUALE OFFERTO INTERVENENDO A UNA CONFERENZA”. IL PROBLEMA SAREBBE SE UN LEADER LO FA CON UN PAESE STRANIERO. TRADOTTO: PUOI PRENDERE SOLDI PER LE CONFERENZE, BASTA CHE LEI FAI IN ITALIA. LO DICE PER DIFENDERSI DAGLI ATTACCHI DI RENZI? LEGITTIMANDO UN PARTITO ALL’1%?

-

Condividi questo articolo


Dalla pagina Facebook di Giuseppe Conte

 

GIUSEPPE CONTE ALLA CONFERENZA The Revolution of Hope AD AMSTERDAM GIUSEPPE CONTE ALLA CONFERENZA The Revolution of Hope AD AMSTERDAM

Sta destando qualche curiosità la mia partecipazione a una conferenza che si è svolta ad Amsterdam lo scorso sabato. È un bene, perché chiariti alcuni aspetti su cui già iniziano a circolare strumentali indiscrezioni, questo mi dà l’occasione di condividere con voi qualcosa che spesso sfugge alla frenesia della vita politica.

 

Arrivo subito al dunque: non ho incassato né richiesto un euro per questa mia partecipazione. Ma qui sta sorgendo un equivoco. Non ho mai sostenuto che è eticamente disdicevole ricevere un compenso per il proprio contributo intellettuale offerto intervenendo a una conferenza.

 

l inglese sbiascicato di giuseppe conte ad amsterdam l inglese sbiascicato di giuseppe conte ad amsterdam

La questione di cui si sta animatamente discutendo nell’ambito del dibattito politico italiano è diversa e ben specifica: se sia legittimo che un parlamentare o un leader politico riceva compensi da Stati stranieri o da società per le quali si stanno adottando provvedimenti normativi tali da far sorgere un evidente conflitto di interessi.

 

l inglese sbiascicato di giuseppe conte ad amsterdam l inglese sbiascicato di giuseppe conte ad amsterdam

Per me e per tutto il Movimento 5 Stelle è assolutamente inopportuno: ecco perché alla Camera c’è una nostra proposta di legge per regolamentare in maniera più stringente il tema dei conflitti di interesse.

 

Quanto al merito dell’iniziativa, preciso che ad Amsterdam sono andato a parlare dello stato di diritto e della crisi delle democrazie, di derive autoritarie.

 

giuseppe conte e rocco casalino giuseppe conte e rocco casalino

La conferenza “The Revolution of Hope”, organizzata dal Nexus Instituut, è stata un’occasione di riflessione ad ampio raggio in omaggio alla migliore tradizione della cultura umanistica europea. È stato molto stimolante confrontarsi con premi Nobel per la letteratura, economisti di caratura internazionale, rappresentanti del mondo culturale, studiosi e attivisti dei movimenti per la democrazia e l’inclusione sociale, come Black Lives Matter.

 

GIUSEPPE CONTE ALLA CONFERENZA The Revolution of Hope AD AMSTERDAM GIUSEPPE CONTE ALLA CONFERENZA The Revolution of Hope AD AMSTERDAM

È stata un’occasione per scambiare vedute tra persone che hanno sensibilità, estrazione culturale e orientamenti di pensiero diversi. Per quanto mi riguarda è stata la possibilità per richiamare i principi di quel “nuovo umanesimo” fondato sul principio della dignità dell’essere umano e che irradia una costellazione di valori etici e sociali che ne promuovono la personalità e la piena integrazione nel consorzio umano.

Abbiamo parlato del nostro tempo, di speranza e di cambiamento: momenti di confronto che non hanno prezzo.

giuseppe conte conferenza stampa al tempio di adriano 4 giuseppe conte conferenza stampa al tempio di adriano 4 l inglese sbiascicato di giuseppe conte ad amsterdam 2 l inglese sbiascicato di giuseppe conte ad amsterdam 2 giuseppe conte mario draghi giuseppe conte mario draghi giuseppe conte conferenza stampa al tempio di adriano 5 giuseppe conte conferenza stampa al tempio di adriano 5 giuseppe conte alla conferenza the revolution of hope amsterdam giuseppe conte alla conferenza the revolution of hope amsterdam

 

Condividi questo articolo

politica

LA RICONFERMA DI MATTARELLA AL COLLE? UN PANNICELLO CALDO - MASSIMO FRANCO: "NON RISOLVEREBBE L'INCOGNITA DEL FUTURO DI DRAGHI E DEL SUO GOVERNO. SERVIREBBE SOLO A NASCONDERE LE DIVERGENZE DENTRO E TRA LE FORZE POLITICHE, SENZA SALVARE L'ESECUTIVO. NAPOLITANO, RIELETTO DOPO UNA RICHIESTA PRESSANTE E QUASI UNANIME DEI PARTITI, QUANDO DUE ANNI DOPO SI È DIMESSO, È STATO SALUTATO IN MODO INGENEROSO DA MOLTE DELLE STESSE FORZE POLITICHE CHE LO AVEVANO PREGATO DI ACCETTARE. CONGELARE IL PRESENTE SIGNIFICHEREBBE SOLO RINVIARE I CONTI CON LA NUOVA FASE CHE L'ITALIA SI TROVA DI FRONTE…"

LARGO AL CAMPO LARGO! – ENRICO LETTA TENDE LA MANO A BERLUSCONI: “DOBBIAMO COSTRUIRE QUALCOSA CHE SIA VINCENTE RISPETTO AL 40% RAPPRESENTATO DA SALVINI E MELONI. IL CAMPO LARGO DEVE ESSERE DAVVERO LARGO”. BASTA FARE I CONTI: IL PD È AL 20% E I CINQUE STELLE AL 12. BASTA AGGIUNGERE L’8% DI FORZA ITALIA E COME PER MAGIA SI ARRIVA AL 40. A CUI ANDREBBE AGGIUNTO CALENDA, CHE PERÒ SUBITO FA LO GNORRI: “DA 30 ANNI L'UNICA RAGIONE DI STARE INSIEME È NON FARE VINCERE GLI ALTRI, SEMBRA IL PALIO DI SIENA. IO NON LO CONDIVIDO"