IL PARADOSSO DI MELONI & FRIENDS: PER PAURA DI ESSERE TRADITI NON VOGLIONO ESSERE AIUTATI - E’ LA TEORIA DEL “VUOTO IDEALE” DI FAZZOLARI: OGNI COLLABORATORE DEI MINISTRI È UNA POSSIBILE TALPA, OGNI GIORNALISTA CRITICO È UN EMISSARIO DEI “POTERI FORTI”, OGNI ARTICOLO SEVERO CONTRO IL GOVERNO È LA PROVA DI “UNA MISSIONE” PER DISTRUGGERE L’ESECUTIVO - L'OBIETTIVO DI FAZZOLARI: ACCOMPAGNARE ALLA PORTA IL SEGRETARIO GENERALE DI PALAZZO CHIGI CARLO DEODATO E IL SOTTOSEGRETARIO ALFREDO MANTOVANO...

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Carmelo Caruso per “il Foglio”

 

fazzolari meloni fazzolari meloni

Per paura di essere traditi non vogliono essere aiutati. Il governo Meloni ha una teoria e un teorico. E’ la teoria del “vuoto ideale” e il suo teorico è Giovanbattista Fazzolari, […] che Giorgia Meloni e la sua segretaria particolare, Patrizia Scurti, chiamano il “genio”. Secondo questa teoria ogni collaboratore dei ministri è una possibile talpa, ogni giornalista critico è un emissario dei “poteri forti”, ogni articolo severo contro il governo è la prova di “una missione” per distruggere l’esecutivo. Nel mondo secondo volontà e rappresentazione di Fazzolari ogni multinazionale che vuole essere ricevuta può celare un piano diabolico, una possibile infiltrazione, ogni manager può nascondere un “faccendiere”.

 

CARLO DEODATO CARLO DEODATO

Dopo cento giorni di governo quella che era una giustissima prudenza si sta trasformando in paranoia. […] A Palazzo Chigi si parla adesso della strategia “reshuffle” di Fazzolari. Significa “rimpasto” di figure. Sono quelle di Carlo Deodato, segretario generale, e Alfredo Mantovano, sottosegretario alla presidenza. […]

 

Meloni di chi si fida eccetto Fazzolari? […] Le due figure che sono il “contropotere” di Fazzolari sono Deodato e Mantovano e hanno una storia personale che precede questo governo. E’ una storia diversa da quella di Fazzolari. […] La sua teoria del “vuoto ideale” è stata presa come catechismo. Il “genio” rimane dell’idea che chi appartiene a un’altra famiglia politica difficilmente potrà essere fidato.

 

giovanbattista fazzolari giorgia meloni al senato giovanbattista fazzolari giorgia meloni al senato

[…] In alcuni casi si preferisce non occupare le caselle piuttosto che decidere. Ci sono caselle vuote in ogni ministero […] La stessa premier ha una squadra di consiglieri esilissima. A eccezione dei due consiglieri, diplomatico e militare (scelte quasi dovute), la premier ha nominato Renato Loiero come consigliere economico, Francesco Maria Petricone come consigliere parlamentare e quello giuridico (Francesco Saverio Marini).

 

[…] Al momento le vere angosce provengono dal partito della premier. Si sono accentuate perché sta mancando a Meloni il vero arbitro di partito, il ministro dell’Agricoltura, Francesco Lollobrigida. In FdI spiegano che “c’è una guerra in corso tra Lollobrigida e Fabio Rampelli”.

alfredo mantovano giorgia meloni alfredo mantovano giorgia meloni

 

[…] Il governo Meloni rischia di creare il vuoto reale. Il 25 gennaio è andata via l’economista Fabrizia Lapecorella. Era stata chiamata per dirigere il dipartimento delle politiche europee da Fitto. E’ un ruolo fondamentale. Lapecorella è stata nominata vicesegretaria generale dell’Ocse. Il ruolo lasciato in Italia è al momento scoperto.

 

Meloni ha un sostituto? Il capo di gabinetto della premier, Gaetano Caputi, è un altro che viene sorvegliato perché ha una “macchia”. Ha lavorato nello scorso governo con il ministro della Lega, Massimo Garavaglia. Alla prova del potere la premier è arrivata pronta? […] Fantasmi, complotti: “Chi vi paga?”.

GIORGIA MELONI E FRANCESCO LOLLOBRIGIDA GIORGIA MELONI E FRANCESCO LOLLOBRIGIDA LOLLOBRIGIDA - LA RUSSA - MELONI ALLA FESTA PER I DIECI ANNI DI FRATELLI D ITALIA LOLLOBRIGIDA - LA RUSSA - MELONI ALLA FESTA PER I DIECI ANNI DI FRATELLI D ITALIA

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT – DOPO LE EUROPEE, NULLA SARÀ COME PRIMA! LA LEGA VANNACCIZZATA FA PARTIRE IL PROCESSO A SALVINI: GOVERNATORI E CAPIGRUPPO ESCONO ALLO SCOPERTO E CHIEDONO LA DATA DEL CONGRESSO – CARFAGNA E GELMINI VOGLIONO TORNARE ALL’OVILE DI FORZA ITALIA MA TAJANI DICE NO – CALENDA VORREBBE TORNARE NEL CAMPO LARGO, MA ORMAI SI È BRUCIATO (COME RENZI) – A ELLY NON VA GIÙ RUTELLI: MA LA VITTORIA DEL PD È MERITO DEI RIFORMISTI DECARO,BONACCINI, GORI, RICCI, CHE ORA CONTERANNO DI PIÙ – CONTE NON SI DIMETTE MA PATUANELLI VUOLE ACCOMPAGNARLO ALL’USCITA