DI-PARTITO DEMOCRATICO – LA SCHLEIN, SOTTO ASSEDIO NEL PD, VA AL CONTRATTACCO: "GLI ATTACCHI DEM ARRIVANO DA CHI NON SA FARE AUTOCRITICA” – ALLA MINORANZA RIFORMISTA E A CHI LA CONTESTA NEL PARTITO RIBATTE: “ABBIAMO DETTO METTETEVI COMODI, SIAMO QUI PER RESTARE”. E SE LA PRENDE COL MASCHILISMO (CIAO CORE) - LA REPLICA ALLE ACCUSE DI CONTE SULLA QUESTIONE MIGRANTI: “USA GLI ARGOMENTI DELLE DESTRE. SI VEDE CHE SI STANNO AVVICINANDO LE ELEZIONI EUROPEE…”

-

Condividi questo articolo


Alessandro Di Matteo per la Stampa

elly schlein elly schlein

 

Elly Schlein risponde alle critiche. Intervistata da Marco Damilano su Rai 3, la leader Pd ribatte sia al leader M5s Giuseppe Conte che a coloro che la incalzano nel partito. Vanno bene i rilievi, dice, ma «servirebbe anche un po' di autocritica» da chi ha avuto responsabilità negli anni passati. 

 

 

(...)

 

Giuseppe Conte, le viene ricordato, sta però attaccando il Pd sui migranti, accusa il Nazareno di volere una «accoglienza indiscriminata», e Schlein è netta nella risposta: «È un argomento che di solito usano le destre contro di noi. Credo che sbagli ad usare gli argomenti delle destre, noi abbiamo fatto sette proposte molto concrete». Per la leader Pd la spiegazione di questo atteggiamento è semplice: «Penso che ci stiamo avvicinando alle elezioni europee…».

 

elly schlein elly schlein

Nonostante ciò, Schlein insiste, ricordando che sull'immigrazione «noi (come Pd, ndr) intanto abbiamo presentato sette punti. Avremo presto modo di affrontare le proposte delle altre forze di opposizione. Penso che possiamo trovarci d'accordo sulla necessità di ristabilire un'accoglienza diffusa e di rivedere la Bossi-Fini, legge ipocrita che crea irregolarità».

 

Quando poi le vengono ricordate le critiche degli ultimi tempi, i rimproveri per non essere abbastanza comprensibile nelle sue dichiarazioni pubbliche, la reazione è secca: «A me vanno benissimo le critiche, ogni tanto servirebbe però anche un po' di autocritica. Noi siamo qui da pochi mesi». Schlein ribatte con un argomento pesante, quello del maschilismo: «L'esperienza che faccio io penso la facciano tantissime donne e ragazze: ogni giorno, quando si pongono un obiettivo, c'è qualcuno che dall'alto in basso le guarda e dice che non sono abbastanza, che non sono adeguate. Io vorrei dire loro una cosa: non ascoltateli, non fermatevi». 

 

schlein zingaretti schlein zingaretti

(...)

 

In particolare, a chi la contesta nel Pd ripete: «Abbiamo detto mettetevi comodi, siamo qui per restare. Abbiamo vinto le primarie su una linea che stiamo portando avanti con la responsabilità di tenere insieme un grande partito plurale. Nel Pd si discute, e questo è un bene. Discutiamo e dopo quella discussione andiamo compatti fuori a fornire un'alternativa alle destre». Ma, ribadisce, «il Pd deve capire come ricostruire una credibilità di questo partito, una identità chiara. Io penso che stia funzionando». 

 

 

elly schlein elly schlein schlein festa unità ravenna schlein festa unità ravenna furfaro schlein furfaro schlein bonaccini schlein bonaccini schlein schlein festa unita schlein festa unita elly schlein elly schlein

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - COME MAI I QUOTIDIANI DEGLI ANGELUCCI (“LIBERO” A FIRMA SECHI, “IL GIORNALE” CON MINZOLINI) HANNO SPARATO A PALLE INCATENATE CONTRO LA MELONA, DOPO LA SCONFITTA IN SARDEGNA, BEN EVIDENZIANDO I SUOI ERRORI E LA SUA ARROGANZA? - MAGARI L'ANGELUCCI FAMILY E’ SCONTENTA PER LE PROMESSE NON MANTENUTE DALLA DUCETTA? - O FORSE LE RASSICURAZIONI RICEVUTE, DOPO LA PRESA DEL SECONDO QUOTIDIANO A MILANO, SI SONO RIVELATE ARIA FRITTA? - LA CAUTELA DI SALLUSTI CHE, PER NON IRRITARE LA DUCETTA, HA LASCIATO SCRIVERE L'EDITORIALE A MINZOLINI…

DAGOREPORT - SUSSURRI MILANESI DI TERZO POLO TV: LA7 DI CAIRO, TV8 DI SKY E NOVE DEL GRUPPO WARNER BROS-DISCOVERY STANNO RAGIONANDO SULL’OPPORTUNITÀ DI CREARE UN “CARTELLO” PER ARRIVARE A PALINSESTI “RAGIONATI”, EVITANDO DI FARSI CONCORRENZA NELLE RISPETTIVE SERATE “FORTI” - FABIO FAZIO “PESCE PILOTA” PER PORTARE A NOVE ALTRI TELE-DIVI RAI (L’ARRIVO DEL DESTRISSIMO GIAMPAOLO ROSSI COME AD A VIALE MAZZINI DARÀ L’AVVIO ALLA DIASPORA DEI RANUCCI E COMPAGNI...)

DAGOREPORT! - LA SCONFITTA IN SARDEGNA AVVIA LA RESA DEI CONTI MELONI-SALVINI - DUCETTA-VENDETTA: VUOLE DISARCIONARE IL “CAPITONE” DALLA GUIDA DELLA LEGA, PER AVERE UN CARROCCIO MODERATO A TRAZIONE NORDISTA CON LA “SUPERVISIONE” DI ZAIA, FEDRIGA E GIORGETTI -  MA PER “CONQUISTARE” IL DOGE, TOCCA RISOLVERE LA GRANA DEL TERZO MANDATO: CON UNA LEGGE DI RIORDINO DEGLI ENTI LOCALI: LE REGIONI DECIDERANNO SUL NUMERO DEI MANDATI - LA ''CONCESSIONE'' CHE SI MATERIALIZZERÀ PER ZAIA SOLTANTO DOPO LA DETRONIZZAZIONE DI SALVINI DALLA GUIDA DELLA LEGA. DELLA SERIE: FRIGGERE IL “CAPITONE”, VEDERE CAMMELLO - LA CONTROMOSSA DI SALVINI: CHIEDERE AL CONSIGLIO FEDERALE DELLA LEGA UN MANDATO PER CHIARIRE LO STATO DI SALUTE DELL'ALLENZA PER POI TOGLIERE L'APPOGGIO  AL GOVERNO - QUANDO LA MELONA SI AUTO-DEFINISCE “NANA” VUOLE FAR SAPERE A SALVINI CHE CONOSCE LO SFOTTÒ CHE LUI USA PER SBERTUCCIARLA (“NANA BIONDA”) – ABRUZZO, EFFETTO TODDE: CALA IL VANTAGGIO DEL MELONIANO MARSILIO SUL CANDIDATO DEL CAMPOLARGO, D'AMICO...

DAGOREPORT - LA FESTA APPENA COMINCIATA È GIÀ FINITA? NO: MA LA SARDEGNA SARÀ L’INIZIO DELLA FINE SE LA DUCETTA NON SI FICCA NELLA TESTOLINA CHE LA POLITICA NON È “QUI COMANDO IO!” - GRAZIE A SU POPULU SARDU, IL CENTROSINISTRA UNITO HA PIÙ NUMERI DEL CENTRODESTRA A PEZZI - FINO A IERI, ALLE AVVISAGLIE DI SALVINI DI TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO, LA MELONA GHIGNAVA MINACCIANDO DI RIPORTARE LA “NAZIONE” AL VOTO. E CON LA VITTORIA DI TRUZZU, AVREBBE CAPITALIZZATO LA SUA PREMIERSHIP DA EROE DEI DUE MONDI - CON LA DISFATTA SARDA E SALVINI AL MURO, DOVE VA “IO SO’ GIORGIA E VOI NON SIETE UN CAZZO”? - SENZA IL TERZO MANDATO, ZAIA PRONTO A SCENDERE DAL CARROCCIO E ADERIRE ALLA LIGA VENETA, LA LEGA SI SPACCA. PER LA DUCETTA INIZIANO GIORNI MOLTO, MOLTO DIFFICILI…