PIÙ CHE UNA MEMORIA, UN CONTENITORE DI “PIZZINI” – NELLA DIFESA DI GIOVANNI TOTI CI SONO MOLTI MESSAGGI IN CODICE, SOPRATTUTTO AL CENTRODESTRA: RICHIAMA PIÙ VOLTE LA “MAGGIORANZA CHE MI SOSTIENE” (TRADOTTO: SE VOLETE LE DIMISSIONI CHIEDETEMELE VOI) E ACCUSA L’OPPOSIZIONE PIDDINA DI ESSERE A SUA VOLTA COMPROMESSA CON SPINELLI – LA PRECISAZIONE AL VELENO SUI FRATELLI TESTA: “ME LI PRESENTARONO DUE ONOREVOLI, (ALESSANDRO) SORTE E (STEFANO) BENIGNI, CHE NE GARANTIVANO LE QUALITÀ PERSONALI…”

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di M. Gra. per “il Fatto quotidiano”

 

giovanni toti mangia 10 giovanni toti mangia 10

Più che alla difesa di un indagato, assomiglia a un manifesto politico, basato su un “pensiero liberale”, che “vede nell’attività privata non già un fattore egoistico da contrastare, ma una risorsa”. Più che una strategia giudiziaria, sembra un contropiede comunicativo, destinato a prendersi la scena mediatica altrimenti riservata all’accusa […].

 

Ieri sera, a interrogatorio quasi concluso, dallo staff di Giovanni Toti trapela la memoria difensiva che il governatore ligure […] ha depositato alla Procura di Genova. Il testo viene anticipato e pubblicato integralmente, a incontro con i magistrati ancora in corso, dall’emittente locale Telenord. È la risposta più diretta a chi aveva ancora dubbi: Giovanni Toti non ha nessuna intenzione di dimettersi.

 

LA MEMORIA DIFENSIVA DI GIOVANNI TOTI SUL SITO DI TELENORD LA MEMORIA DIFENSIVA DI GIOVANNI TOTI SUL SITO DI TELENORD

Nel documento, Toti rivendica sostanzialmente da un punto politico le azioni che gli vengono contestate su un piano penale […]. approfitta dell’occasione per rimarcare “errori”, “carenze” e “interpretazioni maliziose” dei giudici”. Ma non sembrano i magistrati i veri obiettivi del messaggio.

 

A leggere tra le righe, si possono trovare tanti riferimenti che hanno le sembianze di avvertimenti. Nella sua autodifesa Toti richiama la “maggioranza che mi sostiene” (almeno fino a questo momento), allude a possibili compromissioni dell’opposizione (nel testo vengono citati gli incontri di Claudio Burlando con Aldo Spinelli, e quelli della Regione Liguria con il gruppo dell’ex parlamentare Pd Matteo Colaninno e con un’azienda rappresentata da Ariel Dello Strologo, candidato sindaco di Genova del centrosinistra).

 

Gianluigi Aponte, Paolo Signorini e Alfonso Lavarello Gianluigi Aponte, Paolo Signorini e Alfonso Lavarello

Ancora, Toti contesta la credibilità di alcuni personaggi che nell’inchiesta si oppongono ai progetti di quella che per i pm era la consorteria d’affari che teneva insieme Toti, Aldo Spinelli e il presidente dell’autorità Portuale Paolo Emilio Signorini: l’ex giornalista Giorgio Carozzi, che si opponeva al rinnovo trentennale del Terminal Rinfuse dato a Spinelli, viene definito “ondivago” e “contraddittorio”, uno che parla (di tangenti) più che altro “per sentito dire”;

 

PAOLO EMILIO SIGNORINI - GIOVANNI TOTI PAOLO EMILIO SIGNORINI - GIOVANNI TOTI

Rino Canavese, membro del Comitato portuale che vota contro la proroga, viene bollato come un “uomo dei Gavio”, dunque a libro paga della concorrenza di Spinelli. Ci sono inoltre alcuni passaggi che non riservano sconti per altri gruppi privati, come gli armatori Grimaldi (ritenuti più vicini alla Lega che a Toti) o Giulio Schenone, rappresentante del colosso Psa e definito “contiguo” a Burlando.

 

C’è infine una precisazione al veleno su come il governatore sarebbe entrato in contatto con i fratelli Testa, che secondo i magistrati sarebbero i procacciatori dei voti della comunità riesina, inquinati dalle infiltrazioni clan Cammarata: “Me li presentarono due onorevoli, (Alessandro) Sorte e (Stefano) Benigni, che ne garantivano le qualità personali”. Per inciso, due onorevoli di Forza Italia.

 

GIOVANNI TOTI - L UOMO CHE SUSSURRAVA AI CAMALLI - MEME BY EMILIANO CARLI GIOVANNI TOTI - L UOMO CHE SUSSURRAVA AI CAMALLI - MEME BY EMILIANO CARLI

La lunga memoria a favore di media, è dunque soprattutto un avvertimento a coloro, soprattutto se alleati, che pensavano che l’interrogatorio sarebbe bastato a far calare il sipario sul destino politico di Toti. È come se il governatore, rievocando di essere stato prima un giornalista che un politico, avesse trovato un modo per comunicare all’esterno tutto ciò che non era ancora riuscito a dire.

Nella speranza che questo basti, almeno per il momento, a trasformare la sua vicenda giudiziaria in un caso politico, e a rinviare la resa dei conti che in un consiglio regionale paralizzato.

PAOLO EMILIO SIGNORINI PAOLO EMILIO SIGNORINI GIOVANNI TOTI IN AUTO IL GIORNO DELL INTERROGATORIO DAVANTI AI PM GIOVANNI TOTI IN AUTO IL GIORNO DELL INTERROGATORIO DAVANTI AI PM giovanni toti mangia 11 giovanni toti mangia 11 tamara musso e paolo emilio signorini partono per la vacanza insieme tamara musso e paolo emilio signorini partono per la vacanza insieme focaccia e amuchina per giovanni toti focaccia e amuchina per giovanni toti GIOVANNI TOTI - ALESSANDRO BOZZANO GIOVANNI TOTI - ALESSANDRO BOZZANO Matteo Cozzani giovanni toti Matteo Cozzani giovanni toti giovanni toti mangia 12 giovanni toti mangia 12 giovanni toti mangia 13 giovanni toti mangia 13 E IO PAGO - MEME BY EMILIANO CARLI - IL GIORNALONE - LA STAMPA E IO PAGO - MEME BY EMILIANO CARLI - IL GIORNALONE - LA STAMPA

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT – DOPO LE EUROPEE, NULLA SARÀ COME PRIMA! LA LEGA VANNACCIZZATA FA PARTIRE IL PROCESSO A SALVINI: GOVERNATORI E CAPIGRUPPO ESCONO ALLO SCOPERTO E CHIEDONO LA DATA DEL CONGRESSO – CARFAGNA E GELMINI VOGLIONO TORNARE ALL’OVILE DI FORZA ITALIA MA TAJANI DICE NO – CALENDA VORREBBE TORNARE NEL CAMPO LARGO, MA ORMAI SI È BRUCIATO (COME RENZI) – A ELLY NON VA GIÙ RUTELLI: MA LA VITTORIA DEL PD È MERITO DEI RIFORMISTI DECARO,BONACCINI, GORI, RICCI, CHE ORA CONTERANNO DI PIÙ – CONTE NON SI DIMETTE MA PATUANELLI VUOLE ACCOMPAGNARLO ALL’USCITA

VOTI A PERDERE - NELL’ITALIA DEI SONDAGGI TAROCCHI ANCHE I VOTI (REALI) SI PESANO E NON SI CONTANO - ALLE EUROPEE LA MELONI HA PERSO 700 MILA ELETTORI (-10%) RISPETTO ALLE POLITICHE 2022 – LA SCHLEIN (PD) NE HA GUADAGNATI 160 MILA RIDUCENDO LA DISTANZA TRA I DUE PARTITI AL 5% (CIRCA UN MILIONE DI CONSENSI) -  E’ LA LEGGE DELL’ASTENSIONISMO: GIU’ I VOTANTI E SU LE PERCENTUALI (EFFIMERE) – ALTRO CHE “SVOLTA A DESTRA” O LEADERSHIP RAFFORZATA DELLA DUCETTA DELLA GARBATELLA…

DAGOREPORT - NON HA VINTO FRATELLI D’ITALIA, HA STRAVINTO LA MELONA. LA CAMPAGNA ELETTORALE L’HA FATTA SOLO LEI, COL SUO PIGLIO COATTO E COL SUO MODO KITSCH DI APPARIRE TRA BANCHI DI CILIEGIE E CORRENDO CON I BERSAGLIERI. UNA NARRAZIONE RINFORZATA DALLO SVENTOLIO DEL TRICOLORE NEL MONDO: AHO', CON GIORGIA LA ''NAZIONE'' (NON IL PAESE) CONTA - CHI DICE CHE ELLY SCHLEIN HA VINTO, SPARA UNA CAZZATA. GLI ELETTI DEM SONO IN GRAN PARTE RIFORMISTI, LONTANI DALLE SUPERCAZZOLE DELLA MULTIGENDER CON TRE PASSAPORTI - SEPPELLITO RDC, A BAGNOMARIA IL SUPERBONUS, IL PAVONE CONTE E' STATO SPENNATO. I GRILLINI NON SI IDENTIFICANO NEI CONTIANI IN SALSA CASALINO E/O IN MODALITÀ TRAVAGLIO - LA SORPRESA AVS NON VA ACCREDITATA UNICAMENTE ALLA SALIS: IL BUM È AVVENUTO GRAZIE A UNA TRASMIGRAZIONE DI VOTI DA ELETTORI 5STELLE CHE NON SE LA SENTIVANO DI VOTARE PD - SALVINI: L’UNICO FATTORE CHE PUÒ MANTENERE IN PIEDI LA SUA LEADERSHIP È L’AUTONOMIA - DA QUI AL 2027, LA DUCETTA AVRÀ TRE GATTE DA PELARE: PREMIERATO, AUTONOMIA E GIUSTIZIA. MA IL VERO ICEBERG DELLA NAVIGAZIONE DEL GOVERNO DUCIONI SARANNO L’ECONOMIA E IL PATTO DI STABILITÀ