PONTI D'ORO AL LUIGINO DECADENTE – I COLLEGHI EUROPEI HANNO RISERVATO UN LUNGO APPLAUSO A DI MAIO, NEL SUO ULTIMO APPUNTAMENTO INTERNAZIONALE - L'EX GRILLINO, CON SPREZZO DEL RIDICOLO, E' STATO DEFINITO “UN GRANDE MINISTRO DEGLI ESTERI” DALL’ALTO RAPPRESENTANTE UE BORRELL (MA GLI ELETTORI ITALIANI NON SE NE SONO ACCORTI) - LUIGINO HA CAMBIATO CELLULARE, È SPARITO DAI SOCIAL, STA PER INCASSARE UNA BUONUSCITA DA 100 MILA EURO PER I 9 ANNI IN PARLAMENTO ED È PRONTO A REINVENTARSI LOBBISTA  

-

Condividi questo articolo


Michel Dessì per “il Giornale”

 

LUIGI DI MAIO MEME LUIGI DI MAIO MEME

Si spengono le luci, cala il sipario su Luigi Di Maio. E tra i palazzi romani c'è qualcuno che tira un sospiro di sollievo allarga le braccia ed esclama: «Era ora!». Il de profundis del ministro è servito. L'ultimo atto al Consiglio degli Affari Esteri europeo in Lussemburgo. Mentre in Italia è scomparso dai radar (tanto da allarmare perfino Federica Sciarelli e la redazione di Chi l'ha visto?) in Europa è accolto da applausi. A spellarsi le mani l'Alto rappresentante dell'Unione Josep Borrell, che ha definito Di Maio «un grande ministro degli Esteri».

 

Peccato scoprirlo solo ora, alla fine del suo mandato. A ruota, tutti i ministri omonimi, hanno congedato Giggino da Pomigliano con un lungo applauso. Lo stesso che si riserva ai grandi funerali. D'altronde per lui lo è. Il funerale politico se l'è fatto da solo. Lo 0,6% ottenuto alle elezioni dal suo Impegno Civico è l'iscrizione sulla lapide della sua vita politica. Inciso sul marmo, a perenne memoria: zerovirgolasei.

 

luigi di maio a napoli luigi di maio a napoli

Beffato dalle urne, trombato come tutti i suoi compagni di «partito» scippati al Movimento 5 stelle. Tutti tranne uno. Solo Bruno Tabacci, politico navigato, è riuscito ad ottenere il seggio ed entrare in Parlamento fregandolo. Ora anche lui abbandonerà la creatura di Luigi per approdare nel Pd. L'ape raffigurata nel simbolo invece di prendere il volo è morta.

 

Si è schiantata contro la realtà. Le comode stanze dal Palazzo sono solo un lontano ricordo. Per lui non ci sarà più nessuna occasione per sfoggiare i vestiti sartoriali. «Non lo sentiamo più dal giorno delle elezioni» - confessano gli ex parlamentari dimaiani - «È sparito». Scomparso non solo dalle chat ma anche dai social. Troppo grande la vergogna, anche per uno come lui che non si è mai fatto troppi problemi a cambiare idea e casacca.

luigi di maio a napoli luigi di maio a napoli

 

Da «uno vale uno» a «io valgo doppio»; da «mai con il partito di Bibbiano» ad un accordo con quel partito, il Pd simbolo del male (per Di Maio) tranne che utilizzarlo come traghetto per il transatlantico. Gli è andata male. Il saluto dei colleghi europei è il giusto tributo, un ricordo che lo accompagnerà nel tempo.

 

Una meteora caduta nell'ultimo appuntamento internazionale del suo mandato. Al prossimo consiglio Esteri, previsto a Bruxelles il 14 novembre, infatti, parteciperà il suo successore alla Farnesina nel governo che dovrebbe prendere vita nei prossimi giorni. Forse Antonio Tajani, politico di spessore. Già presidente del Parlamento europeo. Nessuna grande perdita, né per l'Europa né per l'Italia.

 

luigi di maio a napoli 2 luigi di maio a napoli 2

Lo statista in salsa campana pare essersi presentato nelle colorate stanze del Consiglio Europeo con dei nuovi biglietti da visita freschi di stampa: «Luigi Di Maio - lobbista». Questa potrebbe essere la sua nuova professione. Dopo qualche anno al ministero, anche lui si è fatto i suoi contatti. Abile trasformista saprà fare tesoro della sua agenda ricca di numeri, soprattutto quelli con il prefisso cinese. I soldi non mancano, 100mila euro per 9 anni in Parlamento. A tanto ammonta la buonuscita.

 

la dirty dancing di luigi di maio 1 la dirty dancing di luigi di maio 1

Anche il numero di cellulare è nuovo. C'è chi dice che non risponda più al telefono nemmeno ad alcuni dei suoi più stretti collaboratori, al suo fianco da quando, appena trentenne, il politico campano aveva fatto il suo ingresso nell'agone politico. In quel Parlamento che avrebbe voluto aprire come una scatoletta. La stessa scatoletta ora lo ha inghiottito. Per sempre.

luigi di maio in ucraina luigi di maio in ucraina volodymyr zelensky luigi di maio 1 volodymyr zelensky luigi di maio 1 luigi di maio bruno tabacci luigi di maio bruno tabacci luigi di maio luigi di maio luigi di maio virginia saba luigi di maio virginia saba

 

Condividi questo articolo

politica

I "KAMICAZZONI" DELLA MELONI - L'"IDEOLOGO" SOTTOSEGRETARIO ALLA PRESIDENZA FAZZOLARI ATTACCA LA BANCA D'ITALIA. IL PRESIDENTE DEL SENATO LA RUSSA TRA IL SERIO E IL FACETO SE LA PRENDE CON IL CAPO DELLO STATO. CROSETTO INVOCA "IL MACHETE" PER DISBOSCARE GLI ALTI RAMI DELLA BUROCRAZIA. URSO TRATTA CON I BENZINAI E QUELLI SCIOPERANO LO STESSO. SONO I CAMPIONI DEL "TIRO ALLA GIORGIA". MIRANO, TIRANOE CENTRANO LA PREMIER-BERSAGLIO. A CUI TOCCA DALL'INDOMANI METTERSI PAZIENTEMENTE A RAMMENDARE…"

RENZI, SEGNATI QUESTA: “LA SATIRA È ESPRESSIONE DI LIBERTÀ DEMOCRATICA E UN UOMO POLITICO DEVE SEMPRE TOLLERARLA” – MATTEUCCIO PERDE LA CAUSA E DOVRÀ RISARCIRE CON 42MILA EURO MARCO TRAVAGLIO PER IL CELEBRE ROTOLO DI CARTA IGIENICA CON SOPRA LA FACCIA DELL’EX PREMIER COMPARSO IN DIRETTA TV ALLE SPALLE DEL DIRETTORE DEL FATTO - RENZI AVEVA CHIESTO 500MILA EURO PER DANNI. IL TRIBUNALE GLI HA DATO TORTO ACCUSANDOLO ANCHE DI AVER ABUSATO DELLO STRUMENTO PROCESSUALE – COSA DICE LA CORTE DI GIUSTIZIA EUROPEA: "LA SATIRA AI POLITICI E' L'ANIMA DELLA DEMOCRAZIA" - VIDEO