PROFUMO IN BILICO – E PENSARE CHE ALL’ANNUNCIO DELLA CONDANNA A 6 ANNI, VOLEVA DIMETTERSI. MA È BASTATA UNA SBIRCIATA ALLE AGENZIE PER RIMANERE BASITO: ERA ASSOLTO DA TUTTI I PARTITI. A PARTIRE DAL PD, VISTO CHE LO AVEVA NOMINATO GENTILONI - MALGRADO LA RICHIESTA DI DIMISSIONI DI CRIMI E DIBBA, NON HA FIATATO DI MAIO VISTO LA “BEFANA” CHE HA RICEVUTO LA NATIA POMIGLIANO DA PROFUMO - IN COMPENSO, NEMMENO MEZZA PAROLA DI SOLIDARIETÀ AL CONDANNATO DAL PRESIDENTE DI LEONARDO, LUCIANO CARTA - IN SOSTANZA, LA POLITICA ASPETTA: SE LA COSA MONTA SUI MEDIA, ALLORA FACCIAMO SÌ CHE SI DIMETTA…

-

Condividi questo articolo

DAGONEWS

luigi di maio con profumo e de gennaro alla leonardo di pomigliano luigi di maio con profumo e de gennaro alla leonardo di pomigliano

All’annuncio della condanna a 6 anni di galera, quindi senza condizionale, Alessandro Profumo voleva dimettersi da ad di Leonardo. Ma è bastata una semplice sbirciata alle agenzie stampa per rimanere basito: a parte la nicchia di grillini puri e duri in modalità Di Battista-Lezzi, dai partiti sia di maggioranza che di opposizione la sentenza era un inatteso: “Ego te absolvo a peccatis tuis in nomine Patris et Filii et Spiritus Sancti. Amen”

 

luigi di maio con profumo e de gennaro alla leonardo di pomigliano luigi di maio con profumo e de gennaro alla leonardo di pomigliano

Certo all’interno del Ministero dell’Economia, i funzionari che formano il Deep State erano d’accordo con Dibba sull’opportunità di rimettere il mandato. Ma subito si è precipitato il vice ministro del Mef, il piddino Antonio Misiani, a bloccarli con una dichiarazione categorica: “Alessandro Profumo non deve dimettersi. Non c’è una condanna definitiva e non ci sono nemmeno le motivazioni della sentenza di primo grado. Tra l’altro, la Procura ne aveva chiesto l’assoluzione".

zingaretti gentiloni zingaretti gentiloni

 

Ovviamente, anche Zingaretti non ha fiatato dato che fu l’allora premier Gentiloni a mettere Profumo al vertice di Leonardo.

Un’amicizia che nasce all’epoca di Legambiente per il tramite di Ermete Realacci e in virtù delle simpatie ambientaliste della intrepida Sabina Ratti, moglie dell’ex banchiere.

 

STEFANO BUFFAGNI LUIGI DI MAIO STEFANO BUFFAGNI LUIGI DI MAIO

Spaccato come una mela anche l’altro alleato di maggioranza. I 5Stelle se ne sono usciti con un tosto tweet del reggente Crimi (‘’ci aspettiamo che rimetta il mandato di Ad di Leonardo’’) e con una nota dei deputati della commissione Finanze della Camera: “La condanna di Alessandro Profumo riferita al suo trascorso in Mps, anche se di primo grado, pone una questione di opportunità. Profumo dovrebbe dimettersi quanto prima dalla sua carica di amministratore delegato in una società pubblica e strategica quale è Leonardo”.

 

Luciano Carta Luciano Carta

La stessa solfa ha sostenuto il ministro Patuanelli parlando con Buffagni. Quest’ultimo, dopo la paginata di intervista sul Corriere dei giorni scorsi, ha subito la “scomunica” di un incazzatissimo Luigi Di Maio che gli ha proibito di occuparsi di questioni che esulano dal suo ministero;  e il pingue Buffagni ha traslocato sotto l’ombrello d’opposizione del duplex Casaleggio-Dibba.

 

Luigi Di Maio Alessandro Profumo Luigi Di Maio Alessandro Profumo

Da una parte. Dall’altra Di Maio si è ben guardato di fare una dichiarazione sulla condanna di Profumo visto la manna che ha ricevuto da Leonardo-Finmeccanica la natia Pomigliano d’Arco: la società Aerotech che punta a diventare un centro di eccellenza sui programmi di ricerca innovativi per l’aeronautica, lo spazio e la difesa. 

 

Da registrare anche il silenzio del presidente di Leonardo, Luciano Carta, gran consigliere di Di Maio: nemmeno mezza parola di solidarietà al condannato. Anche il Quirinale è diviso. In sostanza tutti aspettano: se la cosa monta sui media, allora facciamo sì che si dimetta…

 

Alessandro Profumo - locandina Alessandro Profumo - locandina

POST SCRIPTUM: "ALESSANDRO AMA"

La locandina che pubblichiamo era attaccata in tutte le sedi di Leonardo e reclamizza “loveforlearning”, l’amore per il sapere di Profumo. "Alessandro ama..."

 

 

Condividi questo articolo

politica

CHI DI SPERANZA VIVE, DISPERATO PUBBLICA - LA FIGURACCIA DEL MINISTRO: SCRIVE UN LIBRO SUL CORONAVIRUS, ''PERCHÉ GUARIREMO'', E LO FA SPARIRE DAI MAGAZZINI PER EVITARE LE OVVIE POLEMICHE, TIPO ''IN UNA PANDEMIA HAI TEMPO DI SCRIVERE?'', ''STAI LUCRANDO SUI MORTI'' O ANCORA ''COSA PARLI DI GUARIGIONE SE C'È LA SECONDA ONDATA?'' - NEL LIBRO SI DIPINGE FAUTORE DELLA LINEA DURA, MA NELLA REALTÀ ERA CONTRO LE MASCHERINE E LASCIAVA CHE I COLLEGHI ORGANIZZASSERO APERITIVI. MA LA COSA PIU' IMBARAZZANTE E'...