PROPAGANDA & REALPOLITIK - I GIORNALI STREPITANO SUL “PERICOLO FASCISTA” DELLA MELONI, LE CANCELLERIE EUROPEE SONO PIÙ PRAGMATICHE – SULLA COPERTINA DELLA RIVISTA TEDESCA "STERN" LA LEADER DI FDI È DEFINITA “LA DONNA PIÙ PERICOLOSA D’EUROPA”. MA DA PARIGI MACRON FA SAPERE CHE UNA VITTORIA DELLA DESTRA NON CAMBIEREBBE I RAPPORTI TRA ITALIA E FRANCIA: “DOBBIAMO LAVORARE CON ROMA, QUALUNQUE SIA L'ESECUTIVO” – E I DIPLOMATICI D'OLTRALPE RIPETONO CHE “MELONI NON È SALVINI”

-

Condividi questo articolo


RIVISTA STERN SU GIORGIA MELONI RIVISTA STERN SU GIORGIA MELONI

 

1 – LA RIVISTA STERN "IN UE LA DONNA PIÙ PERICOLOSA"

Da “la Repubblica”

 

La copertina della rivista tedesca Stern è dedicata alla leader FdI definita "postfascista" e "la donna più pericolosa d'Europa". Citazione per Fabio Rampelli, deputato di FdI: per lui "il fascismo aveva elementi positivi".

 

2 – MELONI E LA REALPOLITIK DI MACRON "EVITARE ROTTURE CON ROMA"

Estratto dall'articolo di Anais Ginori per “la Repubblica”

 

Emmanuel Macron ostenta un cauto ottimismo quando parla con il suo entourage del risultato del voto italiano. A dispetto dall'uscita del suo principale alleato in Europa, Mario Draghi, e del possibile avvento di un governo delle destre, il capo di Stato è convinto che la cooperazione tra Francia e Italia sia "ineluttabile" come ha confidato ai giornalisti. Una fonte governativa argomenta: «Con la guerra in Ucraina, lo scenario è cambiato: dobbiamo lavorare con Roma, qualunque sia l'esecutivo». Una rottura con l'Italia sarebbe un ulteriore regalo a Putin, ripetono i macronisti che spingono per una posizione di realpolitik tanto più che Giorgia Meloni continua a lanciare segnali distensivi a Parigi.

Emmanuel Macron Mario Draghi Emmanuel Macron Mario Draghi

 

È stata notata l'intervista conciliante al Figaro , nella quale la leader di Fdi presenta Francia e Italia come "nazioni amiche" e propone di "dare contenuto" al Trattato del Quirinale, il patto bilaterale firmato da Macron e Draghi meno di un anno fa. Le Monde e Les Echos hanno sottolineato il viatico dell'establishment economico italiano, condiviso da quello francese che ricorda come un incubo la crisi diplomatica tra Roma e Parigi ai tempi del primo governo Conte.

 

All'Eliseo i toni non sono più quelli del 2018 quando Macron aveva denunciato "la peste nazionalista" che dilagava in Europa, indicando esplicitamente Roma. Lo scontro con Salvini era diventato frontale sui porti chiusi alle navi di migranti, allargato rapidamente ai Cinque Stelle che fiancheggiavano i gilet gialli e partecipavano a una violenta campagna anti-francese.

 

putin macron telefonata putin macron telefonata

«Meloni non è Salvini» ripetono alcuni diplomatici d'Oltralpe, evidenziando la distanza da Mosca e la fede pro-Nato della leader di Fdi. «Attenzione a non spingere l'Italia nelle braccia di Orbàn» è il messaggio rivolto a chi vorrebbe alzare barricate nei confronti del nuovo esecutivo. Non tutti i macronisti sono convinti del rapido sdoganamento che si prepara. E c'è chi allerta sulla "trappola" in cui si troverà Macron: normalizzare un futuro governo Meloni, con azionista di peso Salvini, darà a Marine Le Pen un beneficio politico immediato.

 

Stéphane Sejourné, consigliere del presidente e nuovo leader del partito di governo Renaissance , ha postato giorni fa un tweet nel quale ricordava l'identità postfascista di Meloni. Si organizza una divisione dei ruoli tra i macronisti governativi e quelli più politici che avranno maggiore libertà di parola. […]

mario draghi olaf scholz emmanuel macron sul treno per kiev mario draghi olaf scholz emmanuel macron sul treno per kiev

 

Parigi è lontana da Berlino e dalle dichiarazioni di ostilità pronunciate dalla Spd sul pericolo dei "neofascisti". Un viaggio di Enrico Letta, che pure era di casa nella Ville Lumière, non è previsto anche se l'ipotesi è stata discussa. Macron mantiene un rapporto forte sia con Draghi che con il presidente Mattarella. E sembra aver avuto rassicurazioni sulla continuità nella relazione bilaterale nonostante la svolta in arrivo e la fine della complicità quasi irripetibile con l'attuale premier italiano. […]

putin e macron 1 putin e macron 1 MACRON - DRAGHI - SCHOLZ A KIEV MACRON - DRAGHI - SCHOLZ A KIEV MEME SULLA SCONFITTA ELETTORALE DI MACRON MEME SULLA SCONFITTA ELETTORALE DI MACRON putin e macron 2 putin e macron 2

 

mario draghi olaf scholz emmanuel macron 2 mario draghi olaf scholz emmanuel macron 2

 

Condividi questo articolo

politica

I “SINISTRATI” CHE CE LA MENANO CON LA SCARSA COMPETENZA DEL CENTRODESTRA SI RICORDANO CHI HANNO MANDATO LORO AL GOVERNO? - “LIBERO” RIPERCORRE TUTTI GLI SFONDONI DEI MINISTRI DE’ SINISTRA E AFFINI: IL GUARDASIGILLI DI BAFFETTO D'ALEMA, OLIVIERO DILIBERTO, GARANTIVA LA LATITANZA AL LEADER DEL PKK OCALAN NEL SUO VILLONE ALL'INFERNETTO - LE INFINITE GAFFE DI DANILO TONINELLI - BEATRICE LORENZIN, MINISTRO DELL'ISTRUZIONE CON LA LICENZA DA LICEALE E LA FINTA LAUREA DI VALERIA FEDELI...