QUANDO C’È DA PENSARE AI CAZZI PROPRI I TEDESCHI SONO SEMPRE I PRIMI – LA DECISIONE DELLA GERMANIA DI MUOVERSI IN SOLITARIA SULLA CRISI DEL GAS GRAZIE A UN FONDO DA 200 MILIARDI È L’ENNESIMO COLPO ALL’UE: COME ACCADDE DUE ANNI FA A INIZIO PANDEMIA, ANCHE IN QUESTO CASO I 27 SARANNO COSTRETTI A MUOVERSI SINGOLARMENTE – SUL TETTO AL GAS SI CONTINUA A PRENDERE TEMPO, MA LA VERITÀ È CHE I TEDESCHI NON HANNO INTENZIONE DI COMPIERE ALCUN PASSO. SPALLEGGIATI DALL’OLANDA, ORA SCHOLZ SI PREPARA A DISTORCERE LA CONCORRENZA EUROPEA: PREFERISCE PAGARE DI PIÙ CHE…

-

Condividi questo articolo


Claudio Tito per "La Repubblica"

 

OLAF SCHOLZ OLAF SCHOLZ

L'Ue si spacca sulla crisi del gas. Con l'aggravante che la Germania ha deciso di agire per conto proprio con un fondo da 200 miliardi. Un vero colpo all'Unione.

Con i 27 costretti a muoversi singolarmente. Come accadde due anni fa all'inizio della pandemia.

Ieri, il Consiglio dei ministri dell'energia ha assunto decisioni operative solo sui risparmi. Di certo non sul tetto al prezzo al gas. Tutto rinviato, nel migliore dei casi, alla prossima settimana. Anche se più probabilmente si dovrà aspettare il vertice del 20 ottobre. Per martedì è attesa dai governi una nuova proposta della Commissione. Ma difficilmente sarà un "piano di azione". Prendere tempo in questa fase, però, significa perdere tempo. La presidenza di turno della Repubblica Ceca ha chiesto un'accelerazione. Il punto è che la Germania non intende compiere ora alcun passo.

URSULA VON DER LEYEN OLAF SCHOLZ MARIO DRAGHI URSULA VON DER LEYEN OLAF SCHOLZ MARIO DRAGHI

 

Spalleggiata dalla fida Olanda che anche ieri ha parlato in maniera sprezzante della proposta di 15 partner - tra cui Italia e Francia - di fissare un "price cap" sugli acquisti di gas naturale.

Per di più Berlino ha voluto fare da sola. Il fondo da 200 miliardi stanziato dal governo del cancelliere Olaf Scholz significa aiutare i cittadini e le imprese tedesche, distorcendo la concorrenza europea.

Scholz preferisce pagare di più le forniture senza correre il rischio di comprometterle, per non creare difficoltà alle fabbriche tedesche.

 

MEME SUI PREZZI DEL GAS MEME SUI PREZZI DEL GAS

Una misura legittima ma poco europeista. Un tema che ieri diversi ministri dell'energia hanno sollevato con forza. La risposta della Commissione è stata imbarazzata e burocratica: «Spetta agli Stati membri valutare se una misura specifica comporta aiuti di Stato» e nel caso «deve essere notificata alla Commissione ».

 

La notizia del piano tedesco, ha ammesso Stefano Grassi capo di gabinetto della Commissaria all'energia Simson, «è stata inusuale nei tempi, e anche se legittima mostra chiaramente che ogni misura nazionale è insufficiente e iniqua. In molti oggi al Consiglio Ue hanno echeggiato le dichiarazioni del presidente del Consiglio Draghi». Il premier italiano aveva criticato l'altro ieri con asprezza la scelta di Scholz. Il Commissario italiano agli Affari economici, Paolo Gentiloni, è stato altrettanto duro: «Non possiamo pensare che di fronte a una crisi di questo genere che riguarda tutti ciascuno risponda per sé magari misurando la propria risposta sulla base dello spazio fiscale, dello spazio di bilancio. È la logica che abbiamo evitato durante la pandemia». Un concetto analogo espresso anche dal presidente del consiglio europeo, Charles Michel: «Ora va sviluppata una nuova Unione europea dell'energia».

 

Olaf Scholz - Olaf Scholz -

Tra diversi Stati membri inizia quindi a farsi largo il sospetto che solo quando la Germania riceverà uno scossone e capirà che anche i suoi interessi possono essere colpiti se il resto d'Europa non riesce a reagire efficacemente, sarà possibile procedere unitariamente. L'unico passo avanti è stata la disponibilità tedesca a creare un "tavolo" degli otto paesi energivori (Germania, Francia, Italia, Spagna, Belgio, Polonia, Olanda e Grecia) per studiare il tetto al prezzo del gas. Questi otto si sono visti prima del Consiglio e si vedranno lunedì in videoconferenza. Una procedura ben poco "europea". E che per il momento ha prodotto l'ipotesi di introdurre non un "limite" fisso ma variabile: una sorta di forchetta entro cui si muoverebbe la quotazione del gas.

MEME SU PUTIN E IL GAS MEME SU PUTIN E IL GAS

 

«Il tetto al prezzo del gas - è la fredda risposta del ministro tedesco dell'Economia Robert Habeck - può essere applicato solo se si dice cosa succede se non arriva abbastanza gas in Europa. L'unica risposta che sento sempre è che la carenza sarà redistribuita su tutta Europa. Ma non credo che possa essere tollerato, porterebbe l'Europa ai suoi limiti, probabilmente alla sua fine».

Alla fine l'accordo ieri è stato solo sulla tassa di solidarieta sugli extraprofitti e sui risparmi: 5 per cento obbligatorio di consumi in meno nell'arco di quattro mesi e nelle ore di punta

IL PREZZO DEL GAS IL PREZZO DEL GAS olaf scholz 1 olaf scholz 1 TETTO LA QUALUNQUE - BY CARLI TETTO LA QUALUNQUE - BY CARLI olaf scholz olaf scholz

 

Condividi questo articolo

politica

AMATO-MELILLO, CHE DUELLO SULL’ANTIMAFIA! ALL’AUDITORIUM DI ROMA, DURANTE LA PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI ALESSANDRO BARBANO, IL DOTTOR SOTTILE CHE DA EX PREMIER FIRMÒ LE LEGGI SPECIALI CONTRO LA MAFIA HA AMMESSO CHE L’ORDINAMENTO GIUDIZIARIO HA “PASSATO IL SEGNO”. TOTALMENTE OPPOSTA LA POSIZIONE DEL PROCURATORE NAZIONALE, CONTRARIO ALL’IDEA DI COMPRIMERE L’AZIONE DEGLI INQUIRENTI – IN PLATEA ANCHE GIANNI LETTA, PAOLO SAVONA, CARLO CALENDA, MARIA ELENA BOSCHI, MATTEO RICHETTI, RENATO BRUNETTA…

MANOVRA DELLE MIE BRAME: CHI HA SBAGLIATO DI PIU’ NEL REAME? MELONI E SALVINI - LE BOCCIATURE DI BANKITALIA, CNEL E CORTE DEI CONTI ALLA FINANZIARIA DEL CENTRODESTRA VERTONO SU QUATTRO PUNTI (POS E CONTANTE, FISCO, REDDITO DI CITTADINANZA E RIDUZIONE DEL DEBITO), TRE DEI QUALI HANNO LE IMPRONTE DIGITALI DI SALVINI (E GIORGIA NON SI SMARCA) - FITTO, IN ROTTA CON SALVINI, NON SA COME SPIEGARE A BRUXELLES CHE IL PNRR E’ IN ALTO MARE - BISOGNA SEMPLIFICARE IL CODICE DEGLI APPALTI: DRAGHI AVEVA MOBILITATO IL CONSIGLIO DI STATO, IL CAPITONE VUOLE RISOLVERE “CON L’ACCETTA” (ED E' FINITA A SCHIFIO)