"CALENDA SI SCUSI CON EMMA BONINO" - IL VERDE BONELLI E' ROSSO DI LIVORE VERSO IL "BULLO DA SOLO" CALENDA: "DIVISIONI E PERSONALISMI TENGONO FUORI DAL PARLAMENTO UNA FIGURA IMPORTANTE COME BONINO. QUESTO GRAZIE A COMPORTAMENTI COME QUELLO DI PERSONE, COME CALENDA, CHE VOLEVANO RAGGIUNGERE LA DOPPIA CIFRA. IL 10% NON È ARRIVATO. SIAMO DI FRONTE ALL'IRRESPONSABILITÀ DI CHI PENSAVA DI CONQUISTARE IL MONDO..." - IL SILURO A LETTA: "SERVIVA L'ALLEANZA CON IL M5S"

-

Condividi questo articolo


ANGELO BONELLI ANGELO BONELLI

 (ANSA) "Nelle ultime tre settimane sono mancate tre parole: consapevolezza, responsabilità e unita. Se avessero prevalso ci troveremmo a commentare una situazione diversa. Pensiamo sia necessario costruire ponti per aprire dialogo. Ponti che si sono rotti e che hanno favorito la destra.

 

Divisioni e personalismi che tengono fuori dal parlamento una figura importante per la politica italiana come Bonino. Questo grazie a comportamenti come quello di persone che volevano raggiungere la doppia cifra. Il 10% non è arrivato, e lo dico a Calenda. Siamo di fronte all'irresponsabilità di chi pensava di conquistare il mondo. Non l'hanno conquistato e non solo: hanno consegnato il Paese alla destra. Almeno una scusa sarebbe dovuta per un comportamento di questo genere". Cosi Angelo Bonelli, leader dell'Alleanza Verdi Sinistra, durante la conferenza stampa della lista alla Camera.

controdibattito carlo calenda enrico letta giorgia meloni 5 controdibattito carlo calenda enrico letta giorgia meloni 5 letta bonelli fratoianni letta bonelli fratoianni angelo bonelli e nicola fratoianni angelo bonelli e nicola fratoianni ANGELO BONELLI NICOLA FRATOIANNI ANGELO BONELLI NICOLA FRATOIANNI angelo bonelli angelo bonelli ANGELO BONELLI NICOLA FRATOIANNI ANGELO BONELLI NICOLA FRATOIANNI BONELLI FRATOIANNI BONELLI FRATOIANNI

 

Condividi questo articolo

politica

“IO SO’ GIORGIA” E VOI NUN SIETE UN CAZZO – LA MELONI NON SI FIDA DEI SUOI ALLEATI E PROVA A “COMMISSARIARE” LA MANOVRA: SARÀ CREATA UNA “CABINA” DI REGIA, COMPOSTA DAI RAPPRESENTANTI DEI GRUPPI DELLA MAGGIORANZA E GUIDATA DA SUO COGNATO, FRANCESCO LOLLOBRIGIDA – I DEPUTATI DI FORZA ITALIA RUMOREGGIANO E FANNO NOTARE CHE IL COORDINAMENTO DOVREBBE SPETTARE ALLA COMMISSIONE BILANCIO (PRESIEDUTA GUARDA CASO DALL’AZZURRO MANGIALAVORI), MA IL TEMPO È POCO E I SOLDI ANCORA MENO, ERGO BISOGNA FARE PRESTO…

I SINISTRATI SONO SEMPRE I PRIMI AD APPROFITTARE DEI PRIVILEGI – ALEXANDRIA OCASIO-CORTEZ, STELLINA “RADICAL” DEL PARTITO DEMOCRATICO AMERICANO, È SOTTO INDAGINE DELLA COMMISSIONE ETICA DEL CONGRESSO PER LA PARTECIPAZIONE AL MET GALA DELLO SCORSO ANNO – LA OCASIO CORTEZ SI PRESENTÒ CON UN’ABITO CON SCRITTO “TAX THE RICH”. LA COMMISSIONE HA RICEVUTO DUE RICORSI: UNO SUI BIGLIETTI GRATIS RICEVUTI PER L’EVENTO, IL SECONDO SULL’ABITO, CHE “RAPPRESENTA UN REGALO LEGATO ALLA SUA POSIZIONE ALLA CAMERA”

QUESTO PONTE S’HA DA FARE! LUCIO CARACCIOLO: “IL PONTE SULLO STRETTO VA FATTO PERCHÉ È UNA PRIORITÀ STRATEGICA PER L'ITALIA (PER QUESTO MOTIVO PROBABILMENTE NON SARÀ MAI FATTO)" - "LO STRETTO DI SICILIA È UNO DEGLI SPAZI PIÙ RILEVANTI AL MONDO. NON MOLTO MENO DELLO STRETTO DI TAIWAN. NEL TRIANGOLO DELLA COMPETIZIONE FRA STATI UNITI, CINA E RUSSIA IL CONTROLLO DI QUESTO BRACCIO DI MARE AL CENTRO DEL MEDITERRANEO È ESSENZIALE. QUALCUNO DIRÀ: È TERRA DI MAFIE. MA LE GRANDI INFRASTRUTTURE SONO IL SEGNO CHE..."

LE MIDTERM SONO STATE UNA DISFATTA PER TRUMP – LA VITTORIA DEL CANDIDATO DEMOCRATICO, RAPHAEL WARNOCK, AL BALLOTTAGGIO IN GEORGIA È UNO SCHIAFFONE IN FACCIA A “THE DONALD”: TUTTI I CANDIDATI CHE HA SPONSORIZZATO LUI HANNO PERSO MALAMENTE ALLE MIDTERM – LA VITTORIA REGALA AI DEM IL 51MO SEGGIO AL SENATO, UNO IN PIÙ RISPETTO A PRIMA DELLE MIDTERM. “SLEEPY JOE”, CHE ESCE RAFFORZATO, GONGOLA E PENSA DI RICANDIDARSI: CON MACRON HA BRINDATO ALLA SUA CAMPAGNA PRESIDENZIALE DEL 2024 (SEMPRE CHE IL PARTITO NON LO CONVINCA A RIPENSARCI)