"CHIARA APPENDINO E VIRGINIA RAGGI SI ECLISSANO IN UNA MESTIZIA OPPOSTA ALL'EUFORIA CON CUI ALBEGGIARONO SU TORINO E ROMA" - MATTIA FELTRI: "AVREBBERO DOVUTO FARE DELLE PERIFERIE LUOGHI DI INAUDITO SPLENDORE, MA CINQUE ANNI DOPO LE PERIFERIE SONO ANCORA LÌ, SE NON UN PASSO INDIETRO: RIFIUTI DOVE C'ERANO RIFIUTI, BUCHE DOVE C'ERANO BUCHE. TUTTO FINITO. NELLE PERIFERIE SI REGISTRANO I PIÙ ALTI TASSI D'ASTENSIONISMO: LA GENTE SE N'È RIMASTA A CASA A SALUTARE LA GRANCASSA DELL'ULTIMO IMBONITORE"

-

Condividi questo articolo


Mattia Feltri per "la Stampa"

 

APPENDINO RAGGI APPENDINO RAGGI

La grande rivoluzione se ne va nel soffio di vento di un quinquennio: Chiara Appendino e Virginia Raggi si eclissano in una mestizia opposta all'euforia catartica con cui albeggiarono su Torino e Roma.

 

Nel tempo abbiamo loro rimproverato di tutto, e in particolare la rinuncia più spesso a petto in fuori, talvolta per inadeguatezza, a qualsiasi ipotesi di grande opera, le Olimpiadi estive o invernali, il nuovo stadio, impianti di smaltimento rifiuti, fossero collaudati o di nuova generazione, ma loro ci guardavano di sbieco e ghignanti, poiché era nei presupposti: le grandi opere - ecco il messaggio scalcagnato e affascinante - sono roba dei grandi affari e dunque delle grandi ruberie, sono la mefistofelica menzogna delle élite per depredare il popolo.

RAGGI APPENDINO - ADDIO A DARIO FO RAGGI APPENDINO - ADDIO A DARIO FO

 

Noi, dicevano, organizzeremo la rivoluzione delle piccole opere, saremo le filosofe del piccolo cabotaggio, saremo le campionesse della piccola, ovvia, quotidiana buona amministrazione che sottrarrà le periferie dal saccheggio e dal dominio del centro ricco e altezzoso.

 

Avrebbero dovuto fare delle periferie luoghi di nuovo inaudito splendore, doveva anzi bastare uno schiocco di dita, era così evidente e così facile, ma cinque anni dopo le periferie sono ancora lì, se non un passo indietro: rifiuti dove c'erano rifiuti, buche dove c'erano buche, emarginazione dove c'era emarginazione, distanza dove c'era distanza. Tutto finito. Nelle periferie si registrano i più alti tassi d'astensionismo: la gente se n'è rimasta a casa a salutare col silenzio la sbornia e la grancassa dell'ultimo imbonitore. Il grillismo, quel tipo di grillismo, è volato via in un soffio di vento.

RAGGI APPENDINO RAGGI APPENDINO RAGGI E APPENDINO AL BALCONE DEL PALAZZO SENATORIO RAGGI E APPENDINO AL BALCONE DEL PALAZZO SENATORIO RAGGI E APPENDINO IN CAMPIDOGLIO RAGGI E APPENDINO IN CAMPIDOGLIO RAGGI E APPENDINO SU FACEBOOK RAGGI E APPENDINO SU FACEBOOK

 

Condividi questo articolo

politica

GIALLO QUIRINALE - QUALE RUOLO STA SVOLGENDO NELL’OMBRA MATTARELLA MENTRE REGNA IL CAOS TRA LE FORZE POLITICHE OSTAGGIO DEI VETI INCROCIATI E DEI GRANDI ELETTORI LEGATI ALLO SCRANNO (E ALLA PENSIONE)? – DA OLTRE UN ANNO NELL’AGENDA ISTITUZIONALE DEL CAPO DELLO STATO USCENTE FIGURANO I NOMI DI DRAGHI, AMATO, CASSESE E CARTABIA. ANCHE SE PERDE QUOTA L’AUTOCANDIDATURA DI SUPERMARIO, CHE HA LEGATO LA SUA PERMANENZA A PALAZZO CHIGI (RIBADITA A MATTARELLA) SOLO SE GARANTITO DA UNO DEI PAPABILI EVOCATI (E SUSSURRATI) DALLA MUMMIA SICILIANA

DRAGHI CHI? - OSANNATO PER MESI COME IL SALVATORE DELLA PATRIA, SI È GONFIATO DI EGOLATRIA COME UNA MONGOLFIERA. QUANDO HA AVUTO IL BISOGNO DEL CONSENSO DEI PARTITI PER SALIRE AL COLLE, HA PAGATO LA SUA ARROGANZA CON IL VAFFA CORALE DI SALVINI, BERLUSCONI, CONTE, FRANCESCHINI. OGGI L’EX UOMO DELLA PROVVIDENZA PIGOLA: CHIUNQUE VERRÀ ELETTO AL QUIRINALE, NON DARÒ LE DIMISSIONI – “PUÒ ANCHE DARSI CHE DRAGHI RESTI PER QUALCHE SETTIMANA MA AL PRIMO INCIDENTE, ALLA PRIMA RISSA NELLA MAGGIORANZA, È CHIARO CHE DRAGHI SE NE ANDRÀ”

“SALVINI ERA CONTRO I REATI DI OPINIONE AI TEMPI DELLA LEGGE ZAN, ALLORA PERCHÉ MI QUERELA?” - SELVAGGIA LUCARELLI: “IL POLITICO CHE CI HA MOLESTATI PER MESI CON LO SLOGAN ‘LE IDEE NON SI PROCESSANO' PER PERMETTERE A CHIUNQUE DI PICCHIARE UN OMOSESSUALE SENZA L’AGGRAVANTE DELL’OMOFOBIA, VUOLE IL CARCERE PER CHI PENSA CHE LUI SIA UN CINICO CALCOLATORE, CON L’AGGRAVANTE DELLA CARTOLINA DA BOOMER SUI SOCIAL” - MI HA DENUNCIATO PER UN POST SU DI LUI, IN CUI C'ERA…”