"GIORGIA MELONI A PALAZZO CHIGI? FAREMO DI TUTTO PERCHÉ NON ACCADA" - ENRICO LETTA, CHE FINO A IERI HA DIALOGATO CON LA “DUCETTA” IN CHIAVE ANTI-SALVINI, FA DIETROFRONT DOPO IL COMIZIO DELLA LEADER DI FRATELLI D’ITALIA IN SPAGNA (“NO ALLA LOBBY LGBT! NO VIOLENZA ISLAMISTA! NO ALL'IMMIGRAZIONE! NO ALLA GRANDE FINANZA INTERNAZIONALE”): “DI QUEL CHE HA DETTO PENSO TUTTO IL MALE POSSIBILE”

-

Condividi questo articolo


Da “la Repubblica”

 

letta meloni letta meloni

A Palazzo Chigi potrebbe andare Giorgia Meloni? «Faremo di tutto perché non accada», ha detto Enrico Letta a Di Martedì. E del comizio in Spagna della leader di Fdi a sostegno della candidatura di Macarena Olona di Vox alla presidenza dell'Andalusia («No alla lobby LGBT! No violenza islamista! No all'immigrazione! No alla grande finanza internazionale»), cosa pensa? «Tutto il male possibile».

 

«Puntuale come un orologio, all'indomani delle elezioni di fatto vinte da un centrodestra trainato da Fratelli d'Italia, riparte l'armamentario ideologico del Pd con l'accusa di essere un movimento impresentabile, xenofobo, fascista».

MELONI LETTA MELONI LETTA

 

Così Meloni in un video su Facebook. «Lia Quartapelle del Pd dice che noi faremmo parte di un'internazionale di destra sostenuta finanziariamente dalla Russia. Dica a cosa fa riferimento o dovrà dirlo ai giudici». «Nessuno accusa FdI di prendere finanziamenti dai russi. La rete che ha diffuso il messaggio di Vox fa parte di una galassia ambigua legata ad alcuni oligarchi russi. Anche Meloni sta diffondendo quelle parole».

giorgia meloni enrico letta atreju giorgia meloni enrico letta atreju

 

Condividi questo articolo

politica

DAGOREPORT! CRONACHE DALL’ASILO MARIUCCIA A 5 STELLE - IL PROSSIMO MATCH TRA GRILLO E CONTE È IN AGENDA DOPO IL 25 SETTEMBRE: SE IL MOVIMENTO VA SOTTO IL 10% E PERSISTERANNO GLI ATTUALI SCAZZI TRA IL FONDATORE E L’AVVOCATO, CON IL COMPLEMENTO IN CHIAVE ESTREMISTICA DELLA RAGGI E DI BATTISTA, CONTE POTREBBE RIPETERE L’ITER DI DI MAIO: SCISSIONE, PORTANDOSI APPRESSO UNA PATTUGLIA DI PARLAMENTARI FEDELISSIMI - UNA VOLTA FUORI, GIUSEPPI SARÀ LIBERO, IN TESTA AL SUO NUOVO PARTITO, DI CORRERE TRA LE BRACCIA DI BETTINI E ZINGARETTI, ORLANDO E BOCCIA, CHE LO ATTENDONO IMPAZIENTI…

“BERLUSCONI HA DETTO UNA COSA OVVIA MA È STATA USATA PER LA SOLITA GAZZARRA POLITICA” – BELPIETRO CONTRO IL "MONARCA" MATTARELLA: “IN NESSUNA DEMOCRAZIA OCCIDENTALE UN UOMO CHE NON SIA STATO ELETTO POTREBBE RIMANERE PER UN COSÌ LUNGO PERIODO AI VERTICI DELLE ISTITUZIONI” – “SE GLI ITALIANI VOGLIONO DECIDERE DA CHI FARSI RAPPRESENTARE, È EVIDENTE CHE CHI LI RAPPRESENTA OGGI NON È PIÙ LEGITTIMATO A FARLO” – “LA SINISTRA È TERRORIZZATA ALLA SOLA IDEA CHE A DECIDERE IL CAPO DELLO STATO NON SIA LA PARROCCHIETTA LORO, MA GLI ITALIANI. LA COSA PARADOSSALE È CHE..."

GIORGIA, L’OSSESSIONE DI SALVINI – LA MELONI È LA BESTIA NERA DEL “CAPITONE”: PRIMA CHE SI METTESSE DI TRAVERSO ANDAVA TUTTO BENE, POI DAL PAPEETE IN POI, È ANDATO TUTTO STORTO – IL “CORRIERE”: “MATTEO SI VEDE COSTRETTO A SCOMODARE GIULIO CESARE E UNO DI SUOI MOTTI: SE NON PUOI BATTERLI, UNISCITI A LORO. CHE NELLA TRADUZIONE LETTERALE SUONA COSÌ: SE NON PUOI SCONFIGGERE IL TUO NEMICO, FATTELO AMICO. SEMPRE CHE GIORGIA CI CASCHI” - L'ESORDIO TV CON CORRADO TEDESCHI, IL GOVERNO CON DI MAIO, IL 34% E LE MAGLIETTE CON PUTIN: IL RITRATTONE