RECOVERY WAR! - L’EUROPA COME AL SOLITO SI SVEGLIA QUANDO È TROPPO TARDI: L’ALTO RAPPRESENTANTE DELL’UE, JOSEP BORRELL DICE CHIARAMENTE CHE NEL CONTINENTE C’È STATO UN “PROCESSO DI DISARMO SILENZIOSO”. E CI VOLEVA LA GUERRA ALLE PORTE DEL CONTINENTE PER CAPIRLO? - ORA ARRIVERÀ UN FONDO COMUNE, IN STILE RECOVERY PLAN, PER LE ACQUISIZIONI CONGIUNTE DI ATTREZZATURE MILITARI, ATTRAVERSO APPALTI COMUNI PER RIPRISTINARE GLI STOCK NAZIONALI USATI PER AIUTARE L’UCRAINA

-

Condividi questo articolo


Francesca Basso per il “Corriere della Sera”

 

JOSEP BORRELL CLAUDIO GRAZIANO JOSEP BORRELL CLAUDIO GRAZIANO

Il problema lo ha messo a fuoco ieri l'Alto rappresentante Ue Josep Borrell al termine del Consiglio Difesa: «Se avessimo speso, ogni anno, per nove anni, la stessa cifra che spendevamo nel 2009, avremmo speso in difesa 160 miliardi in più. Ora siamo allo stesso livello del 2008. Dobbiamo recuperare questa lacuna».

 

In pratica «è stato un forte processo di disarmo silenzioso». Ora l'Ue intende porvi rimedio. Il Consiglio europeo ha incaricato la Commissione di analizzare i gap di investimenti in difesa lungo tutta la filiera e oggi la vicepresidente Margrethe Vestager, l'Alto Rappresentante Josep Borrell e il commissario all'Industria e Difesa Thierry Breton presenteranno i risultati e un piano per colmare queste carenze.

un soldato tedesco abbraccia ursula von der leyen un soldato tedesco abbraccia ursula von der leyen

 

Il piano prevede la creazione di un fondo per incentivare acquisizioni congiunte di attrezzature militari attraverso appalti comuni per ripristinare gli stock nazionali che sono stati utilizzati per aiutare l'Ucraina. Per fare questo sarebbe previsto un cofinanziamento comune.

 

C'è poi una riflessione di medio e lungo periodo che mira ad aumentare le capacità militari, con la facilitazione di acquisti congiunti su progetti comuni, e a colmare i gap negli armamenti in tutti gli ambiti (terrestre, navale, cyber) procedendo a una modernizzazione.

Josep Borrell e Ursula von der Leyen Josep Borrell e Ursula von der Leyen

 

L'aumento della spesa in difesa, decisa dai leader Ue, è a livello nazionale e c'è il rischio di sovrapposizioni e sprechi. Come ha sottolineato ieri Borrell l'obiettivo è «spendere insieme e meglio», analizzando «cosa abbiamo e cosa dovremmo avere o ci serve».

 

mario draghi premiato all atlantic council mario draghi premiato all atlantic council

Anche il premier Mario Draghi, nel suo intervento alla plenaria del Parlamento europeo a Strasburgo del 3 maggio scorso ha ricordato che «la nostra spesa in sicurezza è circa tre volte quella della Russia, ma si divide in 146 sistemi di difesa. Gli Stati Uniti ne hanno solo 34. È una distribuzione di risorse profondamente inefficiente, che ostacola la costruzione di una vera difesa europea».

 

Il nodo da sciogliere sarà come finanziare la maggiore spesa per la difesa in un momento in cui lo spazio di manovra dei bilanci statali, già assottigliato a causa della crisi economica scatenata dalla pandemia, ora sta subendo un ulteriore carico a causa della guerra e dell'impatto delle sanzioni contro la Russia.

 

ursula von der leyen tra i soldati ursula von der leyen tra i soldati

La discussione del piano comincerà già a partire dal prossimo Consiglio europeo straordinario previsto per il 30 e 31 maggio. Se finora erano solo i Paesi con un alto debito pubblico, come l'Italia, a evidenziare la necessità di trovare il modo per scorporare gli investimenti in difesa, ora anche i Paesi nordici stanno aprendo a possibili soluzioni alternative.

Josep Borrell Josep Borrell ursula von der leyen sogna l esercito europeo ursula von der leyen sogna l esercito europeo Josep Borrell e Volodymyr Zelensky Josep Borrell e Volodymyr Zelensky

 

Condividi questo articolo

politica

“ZELENSKY HA CAPITO CHE I POPOLI, E I LORO LEADER, SEGUONO PIÙ LE PASSIONI CHE GLI INTERESSI” – DOMENICO QUIRICO: “IL SUO GRIMALDELLO È STATA LA COLPEVOLIZZAZIONE SISTEMATICA DELL'OCCIDENTE. IL MECCANISMO DELLE PASSIONI INNESCATO DALL'ATTORE-PRESIDENTE È INFERNALE. PIÙ AUMENTA IL LIVELLO DEL NOSTRO AIUTO PIÙ CRESCONO LE SUE AMBIZIONI, PIÙ LA GUERRA SI PROLUNGA PIÙ SI ALLARGANO I CONTORNI DI UNA VITTORIA PER LUI ACCETTABILE. SE CONTASSERO DAVVERO GLI INTERESSI L'OCCIDENTE DOVREBBE CERCARE DI AVERE ECCELLENTI RAPPORTI CON PUTIN. MA ZELENSKY HA COLTO IL FATTO CHE NEI PAESI DEMOCRATICI È LA DEBOLEZZA DELLE IDEOLOGIE E DELLE ISTITUZIONI A RIDAR FORZA ALLE PASSIONI”

UN RIMBAM-BIDEN ALLA CASA BIANCA - DURANTE UNA RIUNIONE CON ALCUNI VERTICI DELL'INDUSTRIA DELL'EOLICO, IL PRESIDENTE AMERICANO HA INAVVERTITAMENTE MOSTRATO UN FOGLIETTO, PREDISPOSTO DALLO STAFF, CON TUTTE LE ISTRUZIONI DETTAGLIATE: “SIEDITI AL TUO POSTO”, “LIMITA I COMMENTI A DUE MINUTI”, “FAI UNA DOMANDA” A TIZIO, “RINGRAZIA I PARTECIPANTI”, “ESCI” – UN LISTINO DI ORDINI COME SI FAREBBE CON UN BIMBO UN PO’ DISCOLO O CON UN NONNO UN PO’ RINCO - I VUOTI DI MEMORIA DI “SLEEPY JOE” METTONO IN ALLARME IL PENTAGONO…

CORSO DI SCISSIONISMO RAPIDO DI CLEMENTE MASTELLA – “ANCHE DA SOLI, SE CI METTESSIMO INSIEME, DI MAIO E IO POTREMMO PURE ARRIVARE AL 5 PER CENTO. POI C'È SENZ' ALTRO MATTEO RENZI. SE GIÀ SIAMO QUESTI TRE, POSSIAMO IMMAGINARE DI COINVOLGERE UNA RETE DI SINDACI - UNO SPAZIO PER IL CENTRO PUÒ ARRIVARE ANCHE AL 10 PER CENTO - LA SINISTRA, L'ULTIMA VOLTA CHE HA VINTO LE ELEZIONI POLITICHE, ERA ALLEATA CON ME. PARTENDO DALLA CAMPANIA, DI MAIO E IO, SE TUTTO ANDASSE MALISSIMO, POTREMMO PRENDERE QUATTRO/CINQUE SENATORI. VORREBBE DIRE CHE OGNI GOVERNO CHE PUÒ NASCERE, NASCE SOLO SE PASSA PRIMA DA NOI...”