IL RESTO È MANCIA – IL GOVERNO INVECE CHE OCCUPARSI DI ALZARE I SALARI AI LAVORATORI DEL TURISMO PENSA A TAGLIARE LE TASSE SULLE MANCE! L’IDEA È OVVIAMENTE DELLA MINISTRA DANIELA SANTANCHÈ, CO-PROPRIETARIA DEL “TWIGA”: LE MANCE SARANNO TASSATE AL 5%, CON UN’ALIQUOTA AGEVOLATA SULL’ESEMPIO FRANCESE – UNA NORMA CHE SEMBRA DESTINATA SOLO AI LAVORATORI DEL TURISMO DI LUSSO (SETTORE DI CUI FA PARTE, GUARDA CASO, IL “TWIGA” DI PROPRIETÀ DELLA “PITONESSA” E BRIATORE”)

-

Condividi questo articolo


Kevin Carboni per www.wired.it

 

daniela santanche daniela santanche

Per il governo della presidente del Consiglio Giorgia Meloni, la strategia giusta per risolvere la carenza di personale nella ristorazione e nel turismo non è dare un salario minimo garantito, ma quella di tagliare le tasse sulle mance. La proposta della ministra del Turismo, Daniela Santanchè, è stata già inserita nella manovra economica e compare all’articolo 14 della bozza di legge di bilancio.

 

Dal primo gennaio 2023, le mance saranno quindi tassate al 5%, con un’aliquota agevolata rispetto all’attuale tassazione ordinaria Irpef. Non è comunque un’idea innovativa, ma viene direttamente dalla Francia di Emmanuel Macron, dove a settembre 2022 è stata annunciata la completa detassazione di tutte le mance pagate con bancomat e carta di credito. Ma ci sono due piccole differenze in termini di efficacia tra il modello francese e quello del governo Meloni.

mancia mancia

 

Per prima cosa, oltre alla detassazione completa delle mance, la Francia ha aumentato recentemente il salario minimo, portandolo a circa 11 euro all’ora, dando così un aiuto più concreto e immediato a lavoratori e lavoratrici. In secondo luogo, l’Italia non è un paese dove per tradizione vengono lasciate mance a camerieri, receptionist o altri, dato che viene pagato di base il cosiddetto coperto, cosa che in Francia non accade e dove anche l’acqua viene data in maniera gratuita. Pertanto è difficile aspettarsi che una diminuzione delle tasse possa effettivamente rendere più attrattivo un lavoro spesso sottopagato e stressante.

 

daniela santanche' e giorgia meloni – flash mob contro la fase 2 daniela santanche' e giorgia meloni – flash mob contro la fase 2

Inoltre, sempre in Italia, le mance vengono spesso date a mano, in contanti e direttamente alla persona che si desidera premiare, oppure inserita nei barattoli predisposti sui banconi. Si tratta quindi di un’entrata già prevalentemente esentasse, perché di solito corrisponde a nero. Ma il governo ha deciso di non escludere le somme ricevute in contanti e, come si legge su Repubblica, la manovra prevede la tassazione agevolata sulle mance ricevute “anche attraverso mezzi di pagamenti elettronici, non esclusivamente, presumendo quindi che le mance in contanti vengano dichiarate.

 

Osservando l’evoluzione della legislazione italiana in materia di tasse sulle mance, questa norma sembra essere dedicata a una minoranza degli operatori del settore, cioè solo quelli che lavorano nel settore del turismo di lusso. Infatti, la tassazione sulle mance è stata confermata nell’ordinamento italiano dalla corte di Cassazione, nel 2021, a seguito di un ricorso presentato dall’Agenzia delle Entrate contro un capo ricevimento di un albergo di lusso della Costa Smeralda che non aveva dichiarato 84mila euro di mance raccolte in un anno.

GIORGIA MELONI E DANIELA SANTANCHE GIORGIA MELONI E DANIELA SANTANCHE

 

I dubbi sull’efficacia del provvedimento sono condivisi anche dalle associazioni delle imprese del turismo, per le quali “prevedere una tassa agevolata non favorisce l’occupazione, come si legge su Repubblica. Al contrario, per risolvere la crisi di personale servirebbero retribuzioni adeguate e orari compatibili alla vita privata”. Niente di sconvolgente insomma, solo misure di buon senso che le stesse imprese riconoscono come necessarie, ma che il governo sembra preferire aggirare con delle norme che sembrano, come al solito, premiare chi è già privilegiato.

la mancia per i dipendenti a casa per il covid-1 la mancia per i dipendenti a casa per il covid-1 mancia mancia mancia mancia mancia mancia lo scontrino della mancia di danielle franzoni lo scontrino della mancia di danielle franzoni

 

 

Condividi questo articolo

politica

MANOVRA DELLE MIE BRAME: CHI HA SBAGLIATO DI PIU’ NEL REAME? MELONI E SALVINI - LE BOCCIATURE DI BANKITALIA, CNEL E CORTE DEI CONTI ALLA FINANZIARIA DEL CENTRODESTRA VERTONO SU QUATTRO PUNTI (POS E CONTANTE, FISCO, REDDITO DI CITTADINANZA E RIDUZIONE DEL DEBITO), TRE DEI QUALI HANNO LE IMPRONTE DIGITALI DI SALVINI (E GIORGIA NON SI SMARCA) - FITTO, IN ROTTA CON SALVINI, NON SA COME SPIEGARE A BRUXELLES CHE IL PNRR E’ IN ALTO MARE - BISOGNA SEMPLIFICARE IL CODICE DEGLI APPALTI: DRAGHI AVEVA MOBILITATO IL CONSIGLIO DI STATO, IL CAPITONE VUOLE RISOLVERE “CON L’ACCETTA” (ED E' FINITA A SCHIFIO)

AMATO-MELILLO, CHE DUELLO SULL’ANTIMAFIA! ALL’AUDITORIUM DI ROMA, DURANTE LA PRESENTAZIONE DEL LIBRO DI ALESSANDRO BARBANO, IL DOTTOR SOTTILE CHE DA EX PREMIER FIRMÒ LE LEGGI SPECIALI CONTRO LA MAFIA HA AMMESSO CHE L’ORDINAMENTO GIUDIZIARIO HA “PASSATO IL SEGNO”. TOTALMENTE OPPOSTA LA POSIZIONE DEL PROCURATORE NAZIONALE, CONTRARIO ALL’IDEA DI COMPRIMERE L’AZIONE DEGLI INQUIRENTI – IN PLATEA ANCHE GIANNI LETTA, PAOLO SAVONA, CARLO CALENDA, MARIA ELENA BOSCHI, MATTEO RICHETTI, RENATO BRUNETTA…