RICICCIA L’ANGOLO DELLE FANTASTICHERIE DI CICCIO BETTINI – IN BARBA A SOTTI-LETTA, GOFFREDONE LA PENSA COME IL MULLAH TRAVAGLIO: SPEDIRE DRAGHI AL COLLE PER ANDARE SUBITO AL VOTO POLITICO CON L'ALLEANZA PD-M5S-LEU. CONTE GNA' FA' FINO AL 2023 - POI, IN PREDA AL NIRVANA THAILANDESE: "E' SBAGLIATO DIRE, ANCHE DA PARTE DEL PD, "QUELLO DI DRAGHI È IL NOSTRO GOVERNO” - INFINE SBUCA CONTE CHE SMENTISCE BETTINI: "ORA NON DOBBIAMO DISTRARRE IL GOVERNO, C'E' ANCORA TANTO DARE". UN PO' DI CONFUSIONE O E' IL GIOCO DELLE PARTI?

-

Condividi questo articolo


giuseppe conte alle agora di bettini 2 giuseppe conte alle agora di bettini 2

1. QUIRINALE: CONTE "ORA NON DOBBIAMO DISTRARRE GOVERNO"

Da “ITALPRESS” - "Per me la corsa al Quirinale e` dopodomani, se iniziamo adesso il dibattito, un dibattito che sarebbe sfibrante rischiamo di distrarci dall`obiettivo principale, mettere in sicurezza il Paese e avviare il Pnrr. C`e` ancora tanto da fare e non dobbiamo distrarre il governo". Cosi` Giuseppe Conte, Presidente del Movimento 5 Stelle all`evento "I 5 Stelle al tempo dei Migliori" con Peter Gomez e Antonio Padellaro organizzato in occasione della dalla Festa del Fatto Quotidiano.

 

2. BETTINI VUOLE MANDARE DRAGHI AL COLLE «IL GOVERNO NON PUÒ DURARE FINO AL 2023»

Andrea Carugati per “Il Manifesto”

 

GOFFREDO BETTINI GOFFREDO BETTINI

«É sbagliato dire, anche da parte del Pd, "quello di Draghi è il nostro governo», "quello è il nostro programma. Perchè quello di Draghi è un governo del presidente della repubblica, udi emergenza, una garanzia repubblicana che dunque non è di nessun partito».

 

Goffredo Bettini rimette i guantoni nel dibattito interno al PD. E proprio nel giorno in cui Enrico Letta ripete ancora una volta che «il Pd è il partito più draghiano dell'intero schieramento politico», Bettini dalla festa del Fatto quotidiano riapre una faglia che, dopo le dimissioni choc di Zingaretti, sembrava essersi momentaneamente richiusa.

 

mario draghi in conferenza stampa 3 mario draghi in conferenza stampa 3

«Questo è un governo dove coesistono posizioione i diverse su tutto, dal lavoro, all'Europa alla lotta al Covid», insiste Bettini, «ogni giorno si deve battagliare per i nostri contenuti».

 

Ma ecco la domanda che in tanti si pongono a sinistra: «Quanto può durare questa situazione? Se pensiamo di farlo arrivare fino a fine legislatura (come Letta ha detto più volte, ndr) rischiamo di logorare questa risorsa repubblicana, che io vorrei conservare, anche rispetto al Quirinale», dice Bettini.

 

goffredo bettini goffredo bettini

«Draghi ha dimostrato di funzionare come cuscinetto tra i partiti e per la reputazione dell'Italia. Ma questa autorevolezza la può esprimere anche con altre funzioni. Perché accanto alla figura di garanzia abbiamo bisogno che riprenda la dialettica democratica».

 

E cioè destra contro l'asse Pd-M5S-sinistra. E questo asse, insiste, «è l'unica possibilità per poter competere con la destra». Bettini, da consumato attore politico, evita qualsiasi attacco al suo segretario. Anzi, dice che è un uomo colto e corretto», che «non deve essere sottovalutato» e che ha «un vero spirito di amicizia verso Conte».

 

E tuttavia le differenze di linea su temi cruciali come la durata del governo e il prossimo inquilino del Colle sono evidenti. Così come sul posizionamento del Pd su cui, dice, «intendo dare battaglia perché si arrivi a un chiarimento». Su cosa? «Una volta c'erano il Pci e il Psi. Ma oggi la sinistra dove sta? È scomparsa». Pier Luigi Bersani, presente ieri allo stesso incontro, condivide l'idea «con il campo con tra Pd e M5S possiamo vincere. Altrimenti è meglio che ci riposiamo».

 

GIUSEPPE CONTE COME FORREST GUMP - MEME GIUSEPPE CONTE COME FORREST GUMP - MEME

L'ex leader Pd e ora fondatore di Articolo 1 è preoccupato: «Siamo in un ritardo bestiale, e invece serve un offerta politica nuova, una novità che risvegli tanti delusi di sinistra». Bersani assicura che andrà alle agorà lanciate da Letta: «Ma non siano solo l'occasione per dare un po' d'aria al Pd, bisogna dire chiaro dove si vuole andare». Bene allora far discutere i cittadini «dal basso» ma «l'alto», e cioè i leader delle forze di centrosinistra, «chi ha un po' di esperienza», «devono buttare giù un programma fondamentale, almeno un sussidiario, all'altezza del salto tecnologico che stiamo vivendo, un cambio secolare che modifica lo scenario».

goffredo bettini by edoardobaraldi 1 goffredo bettini by edoardobaraldi 1

 

«Qui non basta occuparsi del software, va ripensato l'hardware della sinistra, e cioè una piattaforma nuova sul lavoro. E tra sinistra e M5S ci possono sì essere differenze, ma non sulle proposte fondamentali da fare al paese». «Per ora abbiamo un potenziale, ma non c'è l'offerta politica che dia l'idea di un colpo di reni», avverte Bersani. «Abbiamo pochi mesi per farlo, la situazione non è così stabile, e la destra inizia a pensare che allungando il brodo potrebbe avere dei guai, e le verrà la voglia di anticipare (le urne, ndr) mentre noi non siamo pronti».

Enrico Letta Enrico Letta

 

«Forza Conte!», esorta Bersani, «la scelta di campo mi pare delineata, ora però bisogna darsi una mossa». Elly Schlein, arruolata da Letta tra i saggi delle agorà, manda un segnale: «Il Pd è ancora pieno di contraddizioni, deve ancora scegliere se essere quello che ha fatto il Jobs Act, o quello che vuole sconfiggere il precariato e lo sfruttamento del lavoro».

goffredo bettini 10 goffredo bettini 10 mario draghi in conferenza stampa 2 mario draghi in conferenza stampa 2 goffredo bettini by edoardobaraldi goffredo bettini by edoardobaraldi goffredo bettini goffredo bettini goffredo bettini 11 goffredo bettini 11 GIUSEPPE CONTE MEME GIUSEPPE CONTE MEME goffredo bettini in parlamento 2001 goffredo bettini in parlamento 2001 GIUSEPPE CONTE NAPOLEONE GIUSEPPE CONTE NAPOLEONE goffredo bettini by edoardobaraldi 2 goffredo bettini by edoardobaraldi 2

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! - VIKTOR ORBÁN ASSUMERÀ IL 1° LUGLIO LA PRESIDENZA DI TURNO AL CONSIGLIO EUROPEO MA HA GIÀ FATTO INCAZZARE MEZZO CONTINENTE: IL MOTTO SCELTO DAL PREMIER UNGHERESE È MEGA (‘’MAKE EUROPE GREAT AGAIN’’). UN'EVIDENTE RIFERIMENTO AL MANTRA MAGA (‘’MAKE AMERICA GREAT AGAIN’’) CHE DA ANNI MARCHIA LE CAMPAGNE ELETTORALI DI DONALD TRUMP – NON BASTA: SFANCULATA LA DUCETTA PRO-KIEV, IL FILO PUTINIANO ORBAN MINACCIA DI ENTRARE NEL GRUPPO DI LE PEN-SALVINI – ASPETTANDO IL CAOS-ORBAN A PARTIRE DA LUGLIO, MACRON-SCHOLZ-TUSK VOGLIONO CHIUDERE LE NOMINE DELLA COMMISSIONE EU ENTRO IL 28 GIUGNO…

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)

C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…

LE LODI A GIORNALI UNIFICATI PER ELISABETTA BELLONI, SHERPA AL G7, HANNO MANDATO IN TILT GLI OTOLITI FRAGILI DI GIORGIA MELONI - DELLA SERIE: MA ‘STA BELLONI LAVORA PER LO STATO O PER SE STESSA? - LA DUCETTA NON VUOLE NESSUNO A FARLE OMBRA, TANTOMENO UNA “SERVITRICE DELLO STATO” DALLE AMICIZIE TRASVERSALI CHE HA IL QUIRINALE NEL MIRINO - IL “DINAMISMO DI POTERE” DI ELISABETTA BELLONI, CHE HA APPESANTITO IL FEGATO DELLA MELONI, E’ DILAGATO SUI MEDIA GRAZIE ALL’OPERA DEL SUO CAPO DELLA COMUNICAZIONE AL DIS, LUCREZIA PAGANO - IL DAGOREPORT SU VITA, MIRACOLI E SUCCESSI DI LADY BELLONI, SEMPRE ABILE A DESTREGGIARSI NEL MARE AGITATO DELLA POLITICA ITALIANA