LA ROAD MAP DI GIUSEPPE CONTE: GOVERNO PRONTO GIÀ LA  PROSSIMA SETTIMANA? - IL PREMIER STRINGE I TEMPI MENTRE GIANNI LETTA PUNTA SULLE NOMINE DELLA PROSSIMA PRIMAVERA - FRANCESCHINI VUOLE LA BOSCHI NEL GOVERNO PER BLINDARE RENZI E SFILARGLI LA GOLDEN SHARE SU PALAZZO CHIGI - LEGA TERRORIZZATA DALLA SALDATURA DEI DUE PARTITI PIÙ GIUSTIZIALISTI: PD E 5STELLE - CASALEGGIO ATTENDE UN SEGNALE FORTE DA RENZI…

-

Condividi questo articolo

Marco Antonellis per Dagospia

 

conte salvini conte salvini

Matteo Salvini da ieri sera ha spinto il piede sull'acceleratore per combattere la "santa alleanza" PD-5 Stelle (magari arricchita anche da spezzoni di Forza Italia). Perché? Per un motivo molto semplice, spiegano i big di via Bellerio: "Al Capitano sono giunte voci che l'accordo sia praticamente cosa fatta" tanto che sulla scrivania di Palazzo Chigi ci sarebbe già un timing, al momento strettamente riservato: domani stesso Conte va da Mattarella per dimettersi, rapidissimo giro di consultazioni del Colle con il Premier che torna venerdì al Quirinale per essere rispedito alla Camere. A quel punto Giuseppe Conte lascerebbe passare il weekend per ripresentarsi in Parlamento all'inizio della prossima settimana con il nuovo governo già bello che fatto.

matteo salvini e matteo renzi si incrociano in senato matteo salvini e matteo renzi si incrociano in senato

 

Questo è lo scenario che da ieri innervosisce non poco Matteo Salvini tanto che proprio ieri, non a caso, sosteneva che è da tempo che i due partiti ci stavano lavorando. Il Premier Conte vuole fare in fretta prima che le forze centrifughe prendano il sopravvento.

Parlando del Pd, chi è che vorrebbe inserire Maria Elena Boschi nel governo, a mó di polizza assicurativa sulla sua durata futura onde evitare che Matteo Renzi faccia brutti scherzi come paventato anche da Carlo Calenda: in molti  indicano Dario Franceschini.

 

Si dice sia lui  che avrebbe suggerito l'idea a Nicola Zingaretti per togliere a Renzi la golden share che avrebbe in mano grazie ai suoi trenta parlamentari. Stesso pensiero che agita i sonni di Casaleggio e dei grillini: "Se vuole Renzi può anche fare il commissario europeo, basta che ci dia rassicurazioni sul governo". Insomma, i 5Stelle attendono un segnale forte dal senatore di Rignano.

maddalena e gianni letta maddalena e gianni letta

 

In Forza Italia, intanto, ci si chiede il motivo della discesa in campo di Gianni Letta a favore del nipote Enrico ma soprattutto a favore dell'intesa tra Forza Italia, PD e 5Stelle: c'è chi guarda all'infornata di nomine di Stato in arrivo la prossima primavera.

 

Povero Salvini: tutto ormai sembra congiurare contro di lui. Ma c'è una cosa che spaventa i vertici leghisti più di ogni altra: la saldatura dei due partiti giustizialisti per antonomasia, PD e 5Stelle. La coalizione dei due partiti da sempre più vicini alla magistratura non sarebbe certo un buon viatico per il futuro politico di Matteo Salvini.

conte salvini conte salvini

 

Condividi questo articolo

politica