L’ASSE SINO-RUSSO COMINCIA A SCRICCHIOLARE: PECHINO MOLLA MOSCA – NELLE ULTIME SETTIMANE LA RUSSIA HA AVANZATO ALLA CINA RICHIESTE SEMPRE PIÙ PRESSANTI DI NUOVI AIUTI ECONOMICI E FINANZIARI. MA LA RISPOSTA E' STATA: ATTACCATEVI ALLA BALALAIKA! – SECONDO IL “WASHINGTON POST”, XI JINPING INTENDE CONTINUARE AD APPOGGIARE PUTIN SENZA PERO’ VIOLARE LE SANZIONI OCCIDENTALI: “GLI INTERESSI DEL POPOLO CINESE PRIMA DI TUTTO” – 

-

Condividi questo articolo


xi jinping vladimir putin xi jinping vladimir putin

(ANSA) - Nelle ultime settimane, durante i colloqui con Pechino, i funzionari russi hanno avanzato richieste sempre più frustrate per un maggiore sostegno, chiedendo alla Cina di essere all'altezza della sua affermazione di una partnership "senza limiti" fatta settimane prima dell'inizio della guerra in Ucraina.

 

Ma la leadership cinese vuole espandere l'assistenza alla Russia senza incorrere nelle sanzioni occidentali e, secondo i funzionari cinesi e statunitensi, ha posto dei limiti a ciò che farà. E' quanto sostiene il Washington Post in un articolo in cui cita sotto anonimato funzionari cinesi e statunitensi.

 

XI JINPING E VLADIMIR PUTIN XI JINPING E VLADIMIR PUTIN

In almeno due occasioni, secondo il quotidiano Usa, Mosca ha fatto pressione su Pechino affinché offrisse nuove forme di sostegno economico - scambi che un funzionario cinese ha descritto come "tesi".

 

Secondo le fonti, le richieste includevano il mantenimento di "impegni commerciali" precedenti all'invasione dell'Ucraina del 24 febbraio e il sostegno finanziario e tecnologico ora sanzionato dagli Stati Uniti e da altri Paesi.

 

"La Cina ha chiarito la sua posizione sulla situazione in Ucraina e sulle sanzioni illegali contro la Russia", ha dichiarato una persona a Pechino a conoscenza diretta delle discussioni. "Comprendiamo la situazione di Mosca. Ma non possiamo ignorare la nostra situazione in questo dialogo. La Cina agirà sempre nell'interesse del popolo cinese", sarebbe la tesi di Pechino.

 

putin e xi jinping allo zoo di mosca putin e xi jinping allo zoo di mosca

Il presidente Xi Jinping ha incaricato i suoi più stretti consiglieri di trovare il modo di aiutare la Russia finanziariamente, ma senza violare le sanzioni. "È stato difficile", ha dichiarato un alto funzionario statunitense. "Ed è insufficiente dal punto di vista russo".

 

"Quello che la Cina sta cercando di fare è stare con la Russia, segnalare pubblicamente la neutralità e non essere compromessa finanziariamente", ha detto il funzionario statunitense. "Molti di questi obiettivi sono contraddittori. È difficile realizzarli allo stesso tempo".

vladimir putin offre caviale a xi jinping vladimir putin offre caviale a xi jinping putin xi putin xi putin xi jinping 8 putin xi jinping 8 vladimir putin e xi jinping vladimir putin e xi jinping VLADIMIR PUTIN XI JINPING BY EDOARDO BARALDI VLADIMIR PUTIN XI JINPING BY EDOARDO BARALDI

 

Condividi questo articolo

politica

DAGOREPORT! CRONACHE DALL’ASILO MARIUCCIA A 5 STELLE - IL PROSSIMO MATCH TRA GRILLO E CONTE È IN AGENDA DOPO IL 25 SETTEMBRE: SE IL MOVIMENTO VA SOTTO IL 10% E PERSISTERANNO GLI ATTUALI SCAZZI TRA IL FONDATORE E L’AVVOCATO, CON IL COMPLEMENTO IN CHIAVE ESTREMISTICA DELLA RAGGI E DI BATTISTA, CONTE POTREBBE RIPETERE L’ITER DI DI MAIO: SCISSIONE, PORTANDOSI APPRESSO UNA PATTUGLIA DI PARLAMENTARI FEDELISSIMI - UNA VOLTA FUORI, GIUSEPPI SARÀ LIBERO, IN TESTA AL SUO NUOVO PARTITO, DI CORRERE TRA LE BRACCIA DI BETTINI E ZINGARETTI, ORLANDO E BOCCIA, CHE LO ATTENDONO IMPAZIENTI…

“BERLUSCONI HA DETTO UNA COSA OVVIA MA È STATA USATA PER LA SOLITA GAZZARRA POLITICA” – BELPIETRO CONTRO IL "MONARCA" MATTARELLA: “IN NESSUNA DEMOCRAZIA OCCIDENTALE UN UOMO CHE NON SIA STATO ELETTO POTREBBE RIMANERE PER UN COSÌ LUNGO PERIODO AI VERTICI DELLE ISTITUZIONI” – “SE GLI ITALIANI VOGLIONO DECIDERE DA CHI FARSI RAPPRESENTARE, È EVIDENTE CHE CHI LI RAPPRESENTA OGGI NON È PIÙ LEGITTIMATO A FARLO” – “LA SINISTRA È TERRORIZZATA ALLA SOLA IDEA CHE A DECIDERE IL CAPO DELLO STATO NON SIA LA PARROCCHIETTA LORO, MA GLI ITALIANI. LA COSA PARADOSSALE È CHE..."

GIORGIA, L’OSSESSIONE DI SALVINI – LA MELONI È LA BESTIA NERA DEL “CAPITONE”: PRIMA CHE SI METTESSE DI TRAVERSO ANDAVA TUTTO BENE, POI DAL PAPEETE IN POI, È ANDATO TUTTO STORTO – IL “CORRIERE”: “MATTEO SI VEDE COSTRETTO A SCOMODARE GIULIO CESARE E UNO DI SUOI MOTTI: SE NON PUOI BATTERLI, UNISCITI A LORO. CHE NELLA TRADUZIONE LETTERALE SUONA COSÌ: SE NON PUOI SCONFIGGERE IL TUO NEMICO, FATTELO AMICO. SEMPRE CHE GIORGIA CI CASCHI” - L'ESORDIO TV CON CORRADO TEDESCHI, IL GOVERNO CON DI MAIO, IL 34% E LE MAGLIETTE CON PUTIN: IL RITRATTONE