L’EMINENZA AZZURRINA È TORNATA! – GIANNI LETTA HA RIPRESO POTERE PROPRIO NEL MOMENTO IN CUI SI FANNO LE NOMINE, E DENTRO FRATELLI D’ITALIA SVELENANO, PERCHÉ TEMONO CHE RIESCA A CONVOGLIARE LA RABBIA DI LEGHISTI E FORZISTI PER IL METODO MELONI – IERI HA INCONTRATO PAOLO SCARONI, SPONSORIZZATO DA SALVINI E BERLUSCONI PER LA PRESIDENZA DI UNA PARTECIPATA (PREFERIBILMENTE ENEL) - IL SOSPETTO DI UN ASSE CON GIORGETTI E IL PASSATO DA CONSIGLIERE DI SPENCER STUART, UNA DELLE TRE SOCIETÀ DI CACCIATORI DI TESTE CHE STANNO SCREMANDO I PROFILI DEI PAPABILI MANAGER…

-

Condividi questo articolo


gianni letta silvio berlusconi gianni letta silvio berlusconi

Estratto dell’articolo di Ilario Lombardo per “La Stampa”

 

Ecco, il fatto che Gianni Letta sia tornato al centro della regia delle grandi nomine di Stato ha tranquillizzato non solo Forza Italia ma anche la Lega. Letta è garanzia di potere per chi il potere lo ha già. E lo considera un amore irrinunciabile. Anche per questo non si sta dimostrando così semplice, […] per Fratelli d'Italia, controbattere alle arti sinuose dell'uomo che è stato l'ombra di Silvio Berlusconi […].

 

giancarlo giorgetti con la manovra giancarlo giorgetti con la manovra

Ieri, per dire, Letta ha ricevuto nel suo ufficio a Largo del Nazareno Paolo Scaroni. Il manager è sponsorizzato da FI, con gradimento leghista, per la presidenza di un'importante azienda partecipata, preferibilmente Enel.

 

Ed è lì, nel suo studio romano, che Letta ha raccolto gli sfoghi dei leghisti e degli azzurri contro il metodo Meloni. Cosa vuole fare, chi vuole nominare, cosa lascerà ai partner di governo, la premier? Sono le domande che agitano soprattutto il vicepremier Matteo Salvini, irritato dalle manovre della presidente del Consiglio sulle imminenti nomine dei vertici di Eni, Enel, Terna, Poste, Leonardo, Enav, Rfi, Trenitalia, solo per citare le principali.  Tanto perché il messaggio arrivi chiaro, ieri dalla Lega non negavano nemmeno che fossero casuali le assenze pilotate dei ministri del Carroccio al tavolo del governo, durante l'intervento di Meloni nell'Aula di Montecitorio. […]

 

Paolo Scaroni Paolo Scaroni

[…] L'ultimo sospetto è caduto sul ministro dell'Economia Giancarlo Giorgetti e sulla sponda che gli sta offrendo Letta, per anni consigliere Advisory Board di Spencer Stuart, una delle tre società incaricate dal Tesoro di scremare i profili. […] Ai meloniani non è sfuggito che Letta è stato nel board per anni, e ieri nel partito della premier si chiedevano se fosse stata sua l'idea di inserire Roberta Neri nella lista dei possibili ad di Enav (o, in alternativa, di Terna).

 

PASQUALINO MONTI PASQUALINO MONTI

[…] La mossa di indicare Neri, una donna, spinta da FI, che ha già guidato Enav nel 2015, può mettere in difficoltà Meloni e FdI che invece ha in testa un altro nome, quello di Pasqualino Monti, presidente dell'Autorità del sistema portuale del Mare di Sicilia Occidentale. In aiuto di FdI è arrivato il sindacato di riferimento della destra. Ieri l'Ugl Trasporto Aereo ha addirittura pubblicato un comunicato di cui basterebbe citare solo il titolo, "Cieli Neri", per capire quanto la manager non abbia lasciato buoni ricordi. […]

ROBERTA NERI ROBERTA NERI

 

Il timore di Meloni è di toccare troppe caselle. Più posti si toccano, più i partner ne chiedono. E su questo rischio la premier sta anche misurando la difficoltà di avere più donne ai vertici. Su Mps è stato deciso di confermare l'attuale ad Luigi Lovaglio, mentre non è ancora chiusa la partita per la presidenza. La Lega spinge per Nicola Maione, […], ma ieri circolava anche il nome di Elisabetta Belloni […].

Roberta Neri Roberta Neri

gianni letta foto di bacco gianni letta foto di bacco

gianni letta foto di bacco gianni letta foto di bacco MARINA BERLUSCONI GIANNI LETTA LICIA RONZULLI - BY MACONDO MARINA BERLUSCONI GIANNI LETTA LICIA RONZULLI - BY MACONDO

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - UN PUCCINI ALL’IMPROVVISO! – SCOOP! UN BRANO INEDITO DI GIACOMO PUCCINI SARA’ ESEGUITO PER LA PRIMA VOLTA AL LUCCA CLASSICA MUSIC FESTIVAL, IL PROSSIMO 28 APRILE – COMPOSTO NEL 1877 DA UN GIOVANE PUCCINI, S’INTITOLA “I FIGLI DELL’ITALIA BELLA – CESSATO IL SUO DELL’ARMI”: ERA RIMASTO A LUNGO “NASCOSTO”, POI DISPONIBILE SOLO IN FORMA INCOMPIUTA E, INFINE, RIPORTATO ALLA LUCE NELLA SUA INTEGRITA’ GRAZIE AL CENTRO STUDI PUCCINI – IL MISTERO DIETRO ALLA PARTITURA E I DIRITTI AQUISITI ORA DAL CONSERVATORIO “LUIGI BOCCHERINI” DI LUCCA...

DAGOREPORT – IL DIAVOLO TRA DUE FUOCHI. IL MATRIMONIO TRA LOPETEGUI E IL MILAN È A UN PASSO. L’ACCORDO ECONOMICO È STATO TROVATO. MA PER L’ARRIVO DEL BASCO AL POSTO DI STEFANO PIOLI MANCA L'OK DI IBRAHIMOVIC, NOMINATO DA CARDINALE SUO PLENIPOTENZIARIO NEL CLUB – ZLATAN SPINGE PER ANTONIO CONTE, SOLUZIONE PIÙ GRADITA ALLA PIAZZA, IN CERCA DI UN MISTER CON GLI ATTRIBUTI (E LOPETEGUI IN SPAGNA È DETTO “EL CAGON”…) – RIUSCIRÀ IBRA A CONVINCERE LA SOCIETÀ A PUNTARE SU UN TECNICO DALLA PERSONALITÀ STRARIPANTE E MOLTO COSTOSO?

MADONNA? EVITA-LA! – QUELLA VOLTA CHE MADONNA VENNE A ROMA PER LA PRIMA DI “EVITA’’ E SI INCAZZÒ FACENDO ASPETTARE IL PUBBLICO PER UN’ORA E MEZZO - IL PATTO ERA CHE SUA FIGLIA, LOURDES, VENISSE BATTEZZATA NEGLI STESSI GIORNI DAL PAPA ALLA PRESENZA DEL PADRE, CHE SI CHIAMAVA JESUS - IL PRODUTTORE VITTORIO CECCHI GORI CONOSCEVA UN CARDINALE: “PRONTO, AVREI MADONNA, L’ATTRICE, CHE VORREBBE BATTEZZARE LA FIGLIA, LOURDES, COL PADRE, JESUS… E SE FOSSE DISPONIBILE IL PAPA…” – VIDEO

DAGOREPORT - CON AMADEUS, DISCOVERY RISCHIA: NON È UN PERSONAGGIO-FORMAT ALLA STREGUA DI CROZZA E FAZIO. È SOLO UN BRAVISSIMO CONDUTTORE MA SENZA UN FORMAT FORTE CHE L’ACCOMPAGNI, SARÀ DURISSIMA FAR DIGITARE IL TASTO 9. NELLA TV DI OGGI I PRODUTTORI DI CONTENUTI VENDONO CHIAVI IN MANO IL PACCHETTO FORMAT+CONDUTTORE ALLE EMITTENTI - ALLA CRESCITA DI DISCOVERY ITALIA, NEL 2025 SEGUIRA' ''MAX'', LA PIATTAFORMA STREAMING DI WARNER BROS-HBO CHE PORTERÀ A UNA RIVOLUZIONE DEL MERCATO, A PARTIRE DALLA TORTA PUBBLICITARIA. E LE RIPERCUSSIONI RIMBALZERANNO SUI DIVIDENDI DI MEDIASET E LA7 - A DIFFERENZA DI RAI E IN PARTE DI MEDIASET, DISCOVERY HA UNA STRUTTURA SNELLA, SENZA STUDI DI REGISTRAZIONE, SENZA OBBLIGHI DI ASSUNZIONI CLIENTELARI NÉ DI FAR TALK POLITICI - LIBERI DI FARE UN CANALE5 PIÙ GIOVANE E UN’ITALIA1 PIÙ MODERNA, IL PROSSIMO 9 GIUGNO DOVRANNO DECIDERE SE FARE O MENO UNO SPAZIO INFORMATIVO. NEL CASO IN CUI PREVARRA' IL SÌ, SARÀ UN TG MOLTO LEGGERO, UNA SORTA DI ANSA ILLUSTRATA (E QUI RICICCIA L'OPZIONE ENRICO MENTANA)    

DAGOREPORT – L’INTELLIGENCE DI USA E IRAN HANNO UN PROBLEMA: NETANYAHU - L'OPERAZIONE “TERRORISTICA” CON CUI IL MOSSAD HA ELIMINATO IL GENERALE DELLE GUARDIE RIVOLUZIONARIE IRANIANE NELL'AMBASCIATA IRANIANA A DAMASCO E LA SUCCESSIVA TENSIONE CON TEHERAN NON È SPUNTATA PER CASO: È SERVITA AL PREMIER ISRAELIANO A "OSCURARE" TEMPORANEAMENTE LA MATTANZA NELLA STRISCIA DI GAZA, CHE TANTO HA DANNEGGIATO L'IMMAGINE DI ISRAELE IN MEZZO MONDO - NETANYAHU HA UN FUTURO POLITICO (ED EVITA LA GALERA) SOLO FINCHÉ LA GUERRA E LO STATO D'ALLARME PROSEGUONO...