SALLUSTI, MEJO DELLA SCHLEIN! - ”CONTE CAVALCA LA CRISI ETICA E GIUDIZIARIA DEL PD. ANDREBBE TUTTO BENE SE NON FOSSE L’ARTEFICE DELLA PIÙ “GRANDE TRUFFA DELLA STORIA DELLA REPUBBLICA”, COME LA DEFINIRONO DRAGHI E IL SUO MINISTRO DANIELE FRANCO: IL SUPERBONUS DOVEVA COSTARE ALLO STATO 1,9 MILIARDI MA OGGI NE CUBA 250. ROBA CHE IN CONFRONTO I MAGHEGGI PUGLIESI DEL PD SONO BAZZECOLE – MA SCHLEIN E’ LI’ A CIONDOLARE, SUCCUBE DI CONTE: POVERO PD, CHE FINE TRISTE..."

-

Condividi questo articolo


Alessandro Sallusti per il Giornale - Estratti

 

ELLY SCHLEIN E GIUSEPPE CONTE ELLY SCHLEIN E GIUSEPPE CONTE

Giuseppe Conte cavalca la crisi etica e giudiziaria del Pd come neppure riescono a fare i partiti avversari, quelli del centrodestra, ai quali la sorte ha offerto un assist che sarebbe facile mettere in rete.

 

Sul ring che vede Elly Schlein barcollare come un pugile alle corde, il ko sta infatti arrivando da colui che il Pd considera un alleato serio e affidabile. Con la spregiudicata arroganza mista a cinismo che lo contraddistingue, il leader dei Cinque Stelle pone al Pd le sue condizioni: d'ora in poi ci alleeremo solo con partiti e persone competenti, capaci, leali con le istituzioni, eticamente al di sopra di ogni sospetto.

 

alessandro sallusti - e sempre carta bianca alessandro sallusti - e sempre carta bianca

Andrebbe tutto bene se Giuseppe Conte non fosse l'artefice del più grande scandalo della nostra storia recente, o se volete «la più grande truffa della storia della Repubblica» come la definirono Mario Draghi e il suo ministro dell'Economia Daniele Franco, roba che in confronto i magheggi pugliesi del Pd sono bazzecole e i mafiosi dei dilettanti nel drenare soldi pubblici: il superbonus che doveva costare allo Stato 1,9 miliardi e che a oggi ne cuba 250, azzerando qualsiasi possibilità di crescita del Paese.

 

 

 

(...)

schlein conte schlein conte

Il superbonus di Conte ha fatto in tre anni più danni allo Stato e agli italiani di quanti tutte le mafie messe insieme ne abbiano fatti negli ultimi venti. Conte è stato sleale con le istituzioni e con gli allora alleati, ai quali garantì un costo dell'operazione oneroso (quasi due miliardi l'anno), ma abbordabile.

 

Per questo Elly Schlein invece di chiudersi nell'angolo con i guantoni sul viso sperando di evitare il colpo fatale, dovrebbe riprendere il centro del ring con la forza della verità: esiste una questione morale certo, ma sta in capo ai Cinque Stelle, alleati che hanno dimostrato di essere incapaci, incompetenti, eticamente subdoli e con zero rispetto delle istituzioni e degli italiani. E invece purtroppo è lì a ciondolare, succube dell'artefice della «più grande truffa della storia della Repubblica».

 

Per questo dico: povero Pd, che fine triste.

alessandro sallusti alessandro sallusti CONTE SCHLEIN CONTE SCHLEIN SCHLEIN CONTE SCHLEIN CONTE

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - CHE SUCCEDE SE IL 10 GIUGNO, APERTE LE URNE, IL DIVARIO TRA M5S E PD RISULTASSE MOLTO FORTE, O ADDIRITTURA ELLY SCHLEIN RIUSCISSE A DOPPIARE LA PERCENTUALE DEI 5STELLE? - I SOGNI DI GLORIA DI CONTE "LEADER DELLA SINISTRA” FINIREBBERO NEL CESTINO DELLE AMBIZIONI SBAGLIATE MA SOPRATTUTTO COMINCEREBBE LA GUERRA CIVILE NEL MOVIMENTO - CONTE HA CONTRO LA NOMENKLATURA CHE È STATA TAGLIATA FUORI DALLA NORMA DEL DOPPIO MANDATO: FICO, FRACCARO, BONAFEDE, BUFFAGNI, TAVERNA, RAGGI, DI BATTISTA, TUTTI MIRACOLATI CHE SI ERANO ABITUATI ALLA CUCCAGNA PARLAMENTARE DEI 15 MILA EURO AL MESE - ALL’OSTILITÀ DEI REDUCI E COMBATTENTI DEL GRILLISMO CON AUTO BLU, AGGIUNGERE LA FRONDA DEI PENTASTELLATI CHE NON HANNO PER NULLA DIGERITO L’AUTORITARISMO DI CONTE QUANDO HA SCELTO I SUOI FEDELISSIMI DA PIAZZARE IN LISTA PER LE EUROPEE, SENZA PASSARE DALLE SELEZIONI ONLINE E FACENDOLI VOTARE DAGLI ATTIVISTI IN UN ELENCO BLOCCATO... 

"NELLA CHIESA C'È TROPPA ARIA DI FROCIAGGINE" - IERI DAGOSPIA HA SANTIFICATO LA SANTA DOMENICA CON UNO SCOOP SU BERGOGLIO COATTO CHE OGGI IMPAZZA SU TUTTI I SITI (A PARTE ''REPUBBLICA'') - PAPALE PAPALE: I VESCOVI DEVONO SEMPRE   "METTERE FUORI DAI SEMINARI TUTTE LE CHECCHE, ANCHE QUELLE SOLO SEMI ORIENTATE"  - LO RIFERISCONO PARECCHI VESCOVI ITALIANI INTERVENUTI ALL’ASSEMBLEA GENERALE DELLA CEI, DOVE PAPA FRANCESCO HA RIBADITO PUBBLICAMENTE, MA A PORTE CHIUSE, LA SUA NOTA CONTRARIETÀ AD AMMETTERE AL SACERDOZIO CANDIDATI CON TENDENZE OMO - BERGOGLIO NON È NUOVO A UN LINGUAGGIO SBOCCATO. DURANTE LA RECENTE VISITA A VERONA, HA RACCONTATO UNA STORIELLA… - VIDEO